Emissioni industriali, rischio cancerogeno, mutageno, teratogeno e neurotossico

La mappa dell'Italia inquinata: controlla a che posto della graduatoria è la tua provincia

PeaceLink ha elaborato una mappa delle zone dove di concentrano le emissioni di diossina, mercurio, IPA, benzene, PCB, arsenico e piombo. Che fare? Una proposta di intervento è quella di intervenire nelle AIA, le autorizzazioni integrate ambientali in discussione al Ministero dell'Ambiente e presso le Regioni.
21 ottobre 2008
Associazione PeaceLink (per contatti: cell. 3471463719)

Abbiamo elaborato questa mappa dell'Italia inquinata. Vignetta di Vauro per PeaceLink

E' qui allegata una relazione dettagliata in formato PDF.

Troverete una graduatoria delle province più inquinate. Svettano alcune città e fra queste c'è la capolista indiscussa: Taranto.

Al secondo posto troviamo Livorno con 101 punti, in buona parte frutto delle emissioni in acqua di arsenico (2930 chili all'anno) e piombo (5945 chili all'anno).

Al terzo c'è Nuoro nella cui provincia c'è Ottana (con la sua industria petrolchimica e la produzione di fibre tessili sintetiche) e il comune di Siniscola con il suo cementificio.

Al quarto posto di posiziona Venezia, già nota per gli storici processi per inquinamento promossi dal giudice Felice Casson.

Al quinto posto troviamo Caltanissetta per via delle emissioni della zona industriale Gela.
Ilva di Taranto, 18 gennaio 2008


Trieste, al sesto posto, si distingue per il mercurio in acqua (489 chili all'anno) e, sempre in acqua, per il piombo scaricato: ben 1168 chili annui.

Siracusa si classifica al settimo posto per le emissioni degli stabilimenti di Augusta e Priolo.

A Carbonia Iglesias, provincia che si posiziona all'ottavo posto, si concentrano diversi insediamenti, dagli stabilimenti di Portovesme a quelli del Sulcis.

Nella provincia di Sassari, nona in classifica, troviamo gli insediamenti di Porto Torres e della centrale termoelettrica sul fiume Santo.

Mentre Ravenna si posiziona al decimo posto per l'11,6% di tutto il benzene italiano scaricato in acqua.

Tutte emissioni che risulterebbero regolarmente "autorizzate".
A voi ogni commento.

In ultimo: che fare per ridurre le emissioni?

Sono in corso le procedure nazionali e regionali di autorizzazione delle aziende.

Occorre far partecipare i cittadini alle AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale).
Vuoi saperne di più sull'AIA?
Clicca su http://lists.peacelink.it/news/2007/11/msg00045.html

Note: IMPORTANTE ANNOTAZIONE STATISTICO-METODOLOGICA
Nella ricerca di PeaceLink gli inquinanti sono disaggregati per emissioni in aria e in acqua.
Nell'articolo del Corriere della Sera invece no: sono aggregati.
Per questo motivo sommando le varie percentuali provincia per provincia i conti "quadrano" se si parte dai dati di PeaceLink e "non quadrano" (risultano inferiori) se si parte dai dati pubblicati oggi a pagina 23 del Corriere della Sera.
Ripetiamo: i dati di partenza di PeaceLink sono disaggregati e quelli del Corriere della Sera (elaborati sempre da PeaceLink) sono aggregati e portano a sommatorie differenti. Il Corriere della Sera aveva ovvie esigenze di sintesi che PeaceLink non ha sul sito web.
Per ogni dettaglio e delucidazione in merito alla corretta elaborazione statistica dei dati si consulti l'allegato PDF, oppure si può telefonare al cell. 3471463719.

Allegati

  • La mappa delle ciminiere

    Associazione PeaceLink
    264 Kb - Formato pdf
    Le industrie quanto inquinano la tua provincia? Azienda per azienda abbiamo fatto i calcoli e dopo tante somme e calcoli statistici ecco la graduatoria dell'Italia inquinata...

Articoli correlati

  • Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento
    Disarmo
    Lo annuncia il sottosegretario pentastellato Mario Turco

    Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento

    “Andremo  a realizzare una importante infrastruttura portuale adeguata alle necessità d’ormeggio delle nuove Unità Navali Maggiori ed in genere ai nuovi bisogni operativi della Marina Militare”.
    28 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma
    Ecologia
    Risposta a PeaceLink

    ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma

    Il 18 giugno Peacelink, col suo portavoce Alessandro Marescotti, aveva invece dichiarato che “il benzene in via Orsini, nel quartiere Tamburi, è arrivato a 5,7 microgrammi a metro cubo, valore elevato se si considera la serie storica dei valori rilevati in quel quartiere”.
    Agenzia stampa AGI
  • Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo i dati

    Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto

    Il 17 giugno l'ad Lucia Morselli (ArcelorMittal Italia) ha dichiarato a Bruno Vespa: "Dobbiamo essere tutti orgogliosi di questo impianto, il più bell'impianto d'Europa, il più moderno, il più potente, tutti ce lo invidiano". Intanto il benzene della cokeria faceva impennare le centraline.
    19 giugno 2020 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)