Una nuova alleanza fra Trono e Altare? Non in mio nome!

Strumentalizzano il crocifisso per ridurre al silenzio e cementare il loro potere. Noi non ci stiamo. Noi sosteniamo la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Difendi anche tu in prima persona la laicità e il pluralismo. Firma anche tu
7 dicembre 2009
Francesca Lacaita

European flags in front of the Council of Europe, Strasbourg

È passato un mese dalla sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) sull’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche. Una sentenza che ha fatto scuotere la testa a molti. Che male fa un crocifisso sul muro, simbolo di sofferenza, di amore e di sacrificio per l’umanità? Tuttavia gli sviluppi da quella fatidica sentenza sono andati in direzione opposta all’amore, all’umanità, o anche “solo” alla libertà. Un amministratore locale ha parlato di “revocare” la residenza alla famiglia che aveva presentato e vinto il ricorso alla CEDU. In diversi comuni i crocifissi sono stati resi obbligatori negli uffici pubblici, e, in particolare, una preside vicino a Palermo rischia di pagare 500 euro di multa per non avercene uno nel suo ufficio. Un viceministro (Castelli) ha avanzato la proposta di mettere il crocefisso nel Tricolore, e il Ministro degli Esteri (Frattini) l’ha accolta positivamente. Un simbolo religioso, insomma, è stato biecamente strumentalizzato per affermare posizioni egemoniche o di potere, imporre un silente conformismo, e intimidire chi dissente. Indubbiamente con successo: pochissimi hanno sostenuto pubblicamente la sentenza CEDU, le loro opinioni sono state scrollate nell’oblio, il crocifisso è diventato un tabù.

Proprio questi sviluppi ci mostrano invece quanto fosse giusta e lungimirante la sentenza della CEDU, e come la difesa della laicità e del pluralismo sia l’unico modo per progredire nella libertà e nella democrazia, e per costruire un’Europa delle diversità e della convivenza. La polis è di tutti. L’“interpretazione di Stato” dei simboli religiosi, il loro sequestro arbitrario al servizio di un’identità nazionale, o la loro riduzione a una presunta “tradizione” sono incompatibili con l’idea di uno spazio pubblico aperto, plurale e partecipato.

Noi questo spazio pubblico vogliamo difenderlo. E vogliamo difenderlo forte e chiaro. Per questo sosteniamo la sentenza della CEDU. Per questo abbiamo promosso questa mozione. Firma anche tu.

Il testo dell'appello: http://www.peacelink.it/campagne/index.php?id=84&id_topic=56

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • L'UE in un'UDA, unità di apprendimento per le scuole medie
    Europace
    Geostoria, Educazione Civica e...

    L'UE in un'UDA, unità di apprendimento per le scuole medie

    Quando la lezione di Geografia si fa scoperta, condivisione, disegno, musica.
    8 novembre 2020 - Virginia Mariani
  • CDP non può intervenire per ripianare le perdite di ArcelorMittal
    Ecologia
    La posizione critica di PeaceLink nella situazione attuale della trattativa Conte-Mittal

    CDP non può intervenire per ripianare le perdite di ArcelorMittal

    La Cassa Depositi e Prestiti (CDP) per Statuto, in base all'articolo 3, può intervenire solo in società di rilevante interesse nazionale "che risultino in una stabile situazione di equilibrio finanziario, patrimoniale ed economico e siano caratterizzate da adeguate prospettive di redditività".
    23 novembre 2019 - Associazione PeaceLink
  • Le polveri dell'ILVA soffocano anche la Corte dei diritti dell'Uomo
    Ecologia
    La sentenza tradotta in italiano

    Le polveri dell'ILVA soffocano anche la Corte dei diritti dell'Uomo

    La condanna della CEDU dice verità forti sui danni sofferti dalla popolazione nell'indifferenza dello Stato, mentre il dibattito sul futuro dell'Ilva continua a fingere che non sia successo nulla
    19 novembre 2019 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)