Liberi i volontari di Emergency in Afghanistan, è caduta ogni accusa

Hanno confessato

Hanno confessato di essere scorretti, sleali, bugiardi: i sostenitori di questa guerra ci hanno imbrogliato. Lo hanno dimostrato in questi lunghi giorni di ridicola propaganda contro Emergency. Loro sì che hanno confessato. E adesso basta con le bugie: la finta "missione di pace" è in mutande. E non va più rifinanziata.
18 aprile 2010

Ricordate? CIA

Avevano "confessato" i volontari di Emergency.

Dai media internazionali arrivava un messaggio agghiacciante: i volontari di Emergency erano terroristi.

Avevano complottato per uccidere.

Ma ora la grande menzogna è finita.

Nessuna delle prove raccolte ha retto.

Il popolo della pace è sceso ieri in piazza a Roma.

Il governo italiano ha vacillato di fronte alla prova della verità.

Ora possiamo dire una cosa ragionevole: questa è la guerra delle menzogne.

E "infowar": l'informazione programmata al servizio della guerra.

Chi fa questa guerra ci somministra informazioni che non possiamo controllare e usa la TV per raccontarci un'altra realtà.

La stessa definizione di "missione di pace" è una menzogna.

Ma noi, ancora una volta, non crederemo più a nulla della propaganda di guerra.

La vera missione di pace la stava facendo Emergency.

Per questo è stata colpita.

Ne abbiamo abbastanza di questa costosa farsa: a casa i soldati italiani.

I sostenitori di questa guerra hanno "confessato" la loro ipocrisia dimostrando nei fatti di essere scorretti, sleali, bugiardi.

In questi lunghi giorni di ridicola propaganda contro Emergency abbiamo toccato il senso dell'assurdo.

I militari che uccidevano i bambini erano liberi, chi li curava veniva arrestato.

Abbiamo visto per un attimo il mondo della guerra per il buco della serratura e ne siamo rimasti inorriditi.

E adesso basta con le bugie: la finta "missione di pace" è in mutande.

E non va più rifinanziata.

Scrisse Prevert: “Quelle connerie est la guerre”.

Sì, la guerra è proprio una gigantesca fesseria.

Note: Questa era la notizia diffusa sui mass media l'11 aprile 2010, uno per tutti il TGCOM di Mediaset.

"Italiani fermati hanno confessato"

Hanno confessato il proprio ruolo nel complotto per assassinare il governatore Gulab Mangal i tre italiani arrestati dalla polizia afghana nella provincia di Helmand. Lo hanno riferito alcuni funzionari afghani. "Tutti e 9 gli arrestati hanno confessato", ha dichiarato il portavoce del governatore di Helmand, Daoud Ahmadi: "Hanno riconosciuto il proprio crimine", ha aggiunto.
http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo478815.shtml

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)