Un video ideato per la manifestazione contro l'inquinamento a Taranto del prossimo 26 febbraio

La roulette russa a Taranto

Il nuovo video del regista Giuseppe Giusto dura appena due minuti ma è un vero e proprio colpo allo stomaco. Tra l'estremo e il paradossale, ci scaraventa dentro il dramma dell'inquinamento partendo dall'immagine di una pistola puntata alla tempia e dalla metafora della roulette russa
16 febbraio 2020

"Roulette russa", il video di Giuseppe Giusto, realizzato per la manifestazione del 26 febbraio per chiedere di stoppare l'inquinamento dell'ILVA a Taranto.

Giuseppe Giusto è un regista che da tempo segue la vicenda di Taranto. 

Ha realizzato altri video di denuncia, quasi tutti paradossali ed estremi, perché paradossale ed estrema è la storia di questa città che egli vuole narrare.

Paradossale ed estrema è la vicenda di un territorio devastato da un disastro ambientale nel silenzio complice del potere politico. E' dovuta intervenite addirittura la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo con una sentenza di condanna dello Stato italiano, che non ha protetto la popolazione locale esposta a una pressione ambientale inaccettabile che ha determinato eccessi di mortalità. 

Paradossale ed estrema è la storia dell'Ilva che per anni ha buttato dalla sua ciminiera più alta diossina pari a diecimila inceneritori, battendo ogni primato.  

Paradossale ed estrema è la storia attuale di un governo che trattiene per la giacca la multinazionale ArcelorMittal che vuole andare via da Taranto perché perde due milioni di euro al giorno in condizioni di persistente rischio inaccettabile per la salute.

In questa città che vive la sua storia oscillando fra l'estremo e il paradossale, il regista Giuseppe Giusto ci sbatte in faccia il distillato estremo e paradossale di tutto ciò: la roulette russa.

Guardatevi il filmato. Lo ha realizzato per invitare i cittadini di Taranto, la città dove è nato, a scendere in piazza il 26 febbraio e a partecipare alla manifestazione contro l'inquinamento e per la tutela della salute. E' una manifestazione che cade in un momento eccezionale: ArcelorMittal vuole abbandonare Taranto. E se la più grande multinazionale dell'acciaio getta la spugna vuol dire che è finita, che è davvero finita. Che quella fabbrica è morta. Solo un potere politico privo di idee e di alternative può cercare - con guizzi di disperazione - di farla sopravvivere con qualsiasi espediente, anche fuori da ogni logica economica, oltre che ecologica.

Articoli correlati

  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto
    Processo Ilva
    Il padre Mauro Zaratta: "Mio figlio aveva il diritto di nascere sano, di giocare, di crescere"

    Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto

    Per la procura di Taranto, sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva a causare la morte del piccolo Lorenzo Zaratta avvenuta il 30 luglio 2014 per un tumore al cervello. Per i pm, le emissioni avrebbero causato “una grave malattia durante il periodo in cui era allo stato fetale”.
    15 gennaio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico
    Ecologia
    Ricerca sui lavoratori ILVA di Taranto e sui cittadini esposti all'inquinamento

    Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico

    I risultati della ricerca dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria sia i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma
    5 gennaio 2021
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)