Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
20 gennaio 2021

Stop alle armi nucleari (webinar)

Oggi alle ore 21 PeaceLink presenta un programma per la formazione dei docenti affinché il Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN) entri a far parte degli argomenti da trattare nell'ora di Educazione civica prevista dalla legge 92/2019.

I collegamenti con l'articolo 2, 10 e 11 della Costituzione Italiana sono assolutamente evidenti, lì dove vengono chiamati in causa 

- i diritti inviolabili dell'uomo (art. 2)

- il diritto internazionale (art. 10)

- il ripudio della guerra (art. 11).

La presentazione del programma di formazione docenti (da realizzare indicativamente a febbraio-marzo) avverrà oggi in un apposito seminario online

STOP ALLE ARMI NUCLEARI

(link www.peacelink.it/riunione)

che sarà strutturato sulla base di un'apposita mappa di argomenti collegati fra loro da una coerenza tematica e didattica (per espandere la mappa occorre cliccare due volte su ogni nodo). 

PeaceLink invita tutte le associazioni impegnate nella campagna ICAN e le realtà del mondo della scuola a contribuire alla realizzazione di tale percorso di educazione alla pace e al disarmo centrato sul TPAN. Il programma di formazione "Stop alle armi nucleari" sarà presentato ai promotori della Campagna Scuole Smilitarizzate. 

Venerdì prossimo vi saranno vari eventi online, fra cui quello alle ore 17 con padre Alex Zanotelli, a cui parteciperà anche PeaceLink.

E' un momento storico di estrema importanza a cui possiamo dare rilevanza in tutte le sedi in cui si forma la coscienza morale e civile, a partire dalla scuola.

Abbiamo predisposto un'apposita mappa concettuale a cui sono collegati vari materiali didattici e di documentazione (video, articoli di giornale, percorsi di approfondimento disciplinare e interdisciplinare) con cui realizzare unità di apprendimento (UDA) che abbiano al centro l'educazione alla pace e al disarmo e, nel caso specifico, la questione della messa al bando delle armi nucleari.

Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.

Fra due giorni entra il vigore il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari e non possiamo accettare che in Italia questa svolta storica cada nell'indifferenza e che gli aspetti più rilevanti non siano neppure conosciuti.

Prima di ogni cosa occorre informare e formare, acquisire gli elementi di consocenza e condividerli. La funzione dei docenti, e con essi degli studenti, è di strategica importanza affinché diventi patrimonio della coscienza civile nazionale la questione del disarmo nucleare adesso che da dichiarazione di principio è diventata principio di diritto internazionale e di legalità per il genere umano nell'ambito di quella che è la "cittadinanza globale".

Articoli correlati

  • Grati a Mikhail Gorbaciov
    Editoriale
    Ricevette il Nobel per la Pace nel 1990, la sua eredità è più che mai attuale

    Grati a Mikhail Gorbaciov

    E' morto l'uomo che seppe fare il primo passo verso il disarmo nucleare interpretando lo spirito di dialogo e distensione che aveva animato il movimento pacifista degli anni Ottanta. Il mondo nel 1983 era arrivato sull'orlo della guerra nucleare con l'esercitazione Able Arcer
    31 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato
    MediaWatch
    Lettera a Repubblica

    Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato

    Fact-checking su un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" in cui si legge: "Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".
    10 agosto 2022 - Carlo Gubitosa
  • Lettera a Kiev
    Pace
    Per la pace

    Lettera a Kiev

    Ho creduto giusto focalizzare l'attenzione dei miei studenti sulla terribile realtà della guerra rendendoli partecipi di un semplice gesto di pace: scrivere una lettera a Kiev. In Ucraina la Pasqua verrà celebrata, per gli ortodossi il prossimo 24 aprile. I cattolici l'hanno celebrata ieri.
    18 aprile 2022 - Alessandro Marescotti
  • Ucraina: ecco quello che potrebbe accadere se scoppiasse la guerra
    Pace
    Una simulazione realistica di un'escalation militare con scambio nucleare fra Usa e Russia

    Ucraina: ecco quello che potrebbe accadere se scoppiasse la guerra

    Il nostro compito di pacifisti è quello di scongiurare una tale eventualità, mobilitandoci prima che la situazione precipiti e sfugga di mano alle superpotenze. Ecco quello che si potrebbe fare già ora nelle scuole per educare alla pace, città per città, istituto per istituto. Ovunque.
    30 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)