E' morto il fondatore di Emergency

Gino Strada, una voce libera

Nei momenti bui della nostra storia ha saputo rappresentare la voce fuori dal coro, la voce coerente e libera che sapeva pronunciare parole di verità. Alle guerre, anche a quelle cosiddette "umanitarie", ha detto no, e ha avuto ragione. Il pacifismo deve molto alla sua intransigenza.
13 agosto 2021

Alle guerre, anche a quelle "umanitarie" ha detto no, e ha avuto ragione. Quante volte nei momenti di disorientamento abbiamo guardato a lui come riferimento certo. Certo non perché infallibile ma perché libero e coerente, privo dell'ipocrisia con cui si è deciso in questi trent'anni di far partecipare le truppe italiane a conflitti per puro spirito di servilismo atlantico.

Chiudi

Nella sua ultima intervista sull'Afghanistan aveva ribadito il senso dell'inutilità della guerra in Afghanistan e della partecipazione occidentale con spese militari da capogiro: "Se quel fiume di denaro fosse andato all’Afghanistan, adesso il Paese sarebbe una grande Svizzera. E peraltro, alla fine, forse gli occidentali sarebbero riusciti ad averne così un qualche controllo, mentre ora sono costretti a fuggire con la coda fra le gambe".

Ritorna all'articolo principale

A Gino Strada siamo tutti debitori e riconoscenti per l'impegno e soprattutto per l'onestà che ha saputo tenere alta, mentre lo spirito del compromesso e il puzzo dell'opportunismo facevano breccia in tante realtà dell'Italia un tempo democratica.

Chiudi

"La guerra piace a chi ha interessi economici, che se ne sta ben distante dalle guerre. Ogni guerra ha una costante: il 90% delle vittime sono civili, persone che non hanno mai imbracciato un fucile. Che non sanno neanche perché gli arriva in testa una bomba. Le guerre vengono dichiarate dai ricchi e potenti, che poi ci mandano a morire i figli dei poveri".

A Gino Strada siamo debitori per aver saputo mettere sempre e comunque al primo posto il compito minimo per cui vale la pena esserci e impegnarsi: "Salvare vite umane".

Ha saputo costruire un'idea di società civile solidale che faceva da argine al peggio. Ci mancheranno le sue parole severe, chiare e taglienti. Ma ci ha lasciato in eredità la sua testarda testimonianza a cui attingere quando ci proporranno di sostenere la prossima inutile guerra. 

Note: Gino Strada è entrato nella #storia della #pace.

Il tributo di #PeaceLink al fondatore di Emergency.

Gino Strada è nell'elenco delle maggiori personalità che hanno dato un contributo per l'affermazione della pace nella storia umana.

https://www.peacelink.it/storia/a/48440.html

Articoli correlati

  • I Giardini di Pace e Memoria
    Pace
    Un ponte Alife e Teano con il Gemellaggio dei Giardini dei Diritti Umani e della Nonviolenza

    I Giardini di Pace e Memoria

    Giornata internazionale dei Diritti Infanzia e Adolescenza e Giornata nazionale dell'Albero è avvenuto il Gemellaggio tra il "Giardino dei cinque Continenti e della Nonviolenza di Scampia" ed il "Giardino della Pace, della Memoria e del Creato, presidio di Pace, di Nonviolenza e di legalità"
    23 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Donna è Pace
    Pace
    L’impegno delle donne contro la guerra, contro militarismo, bellicismo e colonialismo

    Donna è Pace

    Le donne prime protagoniste delle innumerevoli iniziative spontanee di opposizione all’inutile strage della prima guerra mondiale e la storia del protagonismo delle donne anche durante la resistenza al fascismo.
    12 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Il pacifismo: delegittimato e sotto assedio
    Pace
    In nome dei diritti umani ci hanno chiesto di partecipare a fallimentari missioni militari

    Il pacifismo: delegittimato e sotto assedio

    Siamo stati delegittimati non dai nostri avversari ma dai nostri “amici”. È stata la sinistra – che un tempo marciava contro gli euromissili – ad abbandonare e poi a isolare il movimento che si opponeva alla guerra in Afghanistan. Il movimento pacifista è stato sabotato dall’interno.
    26 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • L'evoluzione del pacifismo
    Storia della Pace
    I movimenti pacifisti dall'Ottocento al Novecento.

    L'evoluzione del pacifismo

    I movimenti pacifisti sono diventati lievito di speranza e la loro attività si è intrecciata con altri movimenti: per i diritti civili, per l’emancipazione della donna, per i diritti umani, per l’autodeterminazione dei popoli e per la difesa dell’ambiente.
    14 settembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)