Censurati in Cina siti che parlano del Papa

Mentre in Italia siamo sommersi dalle notizie sul Papa, in Cina...
Fonte: Nota di agenzia su http://it.news.yahoo.com/050404/26/3685x.html - 04 aprile 2005

Tutti frastornati, qui da noi, per il bombardamento mediatico che da una settimana accompagna la vicenda dell'agonia e della morte del Papa.

Ma in Cina vengono censurati alcuni portali web ospitanti preghiere e notizie sul Santo Padre e sul suo decesso. Questo è quanto si legge in una nota di agenzia diffusa oggi da ASCA e riportata su Yahoo.

La profonda differenza tra i "due mondi", quello nostro occidentale e la Cina, è evidente: se da tanti di noi vengono sottolineate non solo le virtù ma anche le contraddizioni che il lungo pontificato di Woityla ha segnato, nella Cina - governata non più da un'ortodossia comunista ma ugualmente irrispettosa dei diritti umani - l'esperienza del Papa polacco, e il Cristianesimo stesso, rimangono segni di pericolosa rivoluzione da cui guardarsi accuratamente.

E così viene richiesta, ai gestori dei portali nei cui forum, i giorni scorsi, erano stati numerosi gli interventi dei navigatori a commento della morte di papa Woityla, un'operazione di censura. Nulla di trascendentale in quei commenti; e nulla di così pericoloso da mettere a rischio l'integrità dello Stato cinese. Ma tutti i regimi partono dal presupposto che i propri cittadini-sudditi non siano in grado di pensare autonomamente senza che il potere dello Stato ne risenta; e pertanto anche un contributo personale o un pensiero rivolto al Papa, diventano a rischio: ''I temi religiosi sono speciali. Siamo preoccupati ci possano essere problemi" , ha dichiarato un rappresentante di uno dei siti censurati.

Articoli correlati

  • Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido
    Disarmo
    Ciò che non è riproducibile è l’intelligenza umana

    Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido

    Lo sviluppo tecnologico è destinato a mutare profondamente i rapporti di potere nella società globale
    3 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi
    CyberCultura
    L'americana Apple scavalcata come vendite dalla cinese Huawei, al primo posto la sudcoreana Samsung

    Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi

    Sotto pressione del Pentagono e delle agenzie di intelligence, gli Usa hanno bandito gli smartphone e le infrastrutture di telecomunicazioni della società cinese Huawei, con l’accusa che possono essere usati per spionaggio, e premono sugli alleati perché facciano altrettanto.
    4 dicembre 2018 - Manlio Dinucci
  • Lo scontro fra Italia e Francia nella crisi libica
    Disarmo
    le importazioni italiane di greggio statunitense sono arrivate a un record a giugno

    Lo scontro fra Italia e Francia nella crisi libica

    Il Presidente del Consiglio ha chiesto a Trump che le compagnie petrolifere americane non abbandonino la Libia per evitare l’avanzata della società francese Total
    9 settembre 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    Disarmo
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)