MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Iraq: Il diritto di sapere

Lettera di Ralph Nader ai media Usa: agli americani arrivano poche notizie dall'Iraq
23 maggio 2005 - Ralph Nader
Fonte: Peace Reporter

Un messaggio sorprendente è arrivato lo scorso 12 maggio da The Note, la sezione politica di Abc News. Riporto la citazione testuale di Mark Halperin e dei suoi editori associati: “Affermiamo, con grande preoccupazione umana apolitica e sopra le parti, che le morti e le carneficine in Iraq sono davvero sconcertanti. Ma siamo in qualche modo rassegnati al fatto che non riusciranno a penetrare nelle agenzie di informazioni americane o, per la maggior parte, tra gli americani.” “I Democratici sono così annientati dalla perdita di John Kerry – e i Repubblicani così ispirati dalla conferma del loro comandante in carica – che quella che è di gran lunga la storia più grande ogni giorno nel mondo non viene quasi neanche menzionata. Nessun conflitto in patria = nessuna copertura.”

Come rispondere? Ci sono diversi modi. Prima di tutto, la Abc ha ragione nel dire che non esiste un partito di opposizione sul tema della guerra in Iraq – un partito in quanto tale. Dal Democratic National Committee ai leader democratici al senato, la linea del partito è “auguriamo successo a Bush, sosteniamo le truppe che muoiono e distruggono in Iraq, e continuiamo a votare perché 80 miliardi di dollari o più vengano investiti ogni anno per un pasticcio illegale che alimenta il terrorismo e rivolta il mondo contro Washington.” Questo non è esattamente il modo con cui i Democratici verbalizzano la loro posizione, ma di fatto è ciò che stanno facendo e ciò che pensano nelle conversazioni private, a prescindere dall’apparenza semantica con la quale lo imbellettano.

Civili iracheni in fuga da un carroarmato americanoI Democratici continuano su questa strada nonostante una crescente maggioranza di americani ora si sia convinta che invadere l’Iraq sia stato un errore (visto che non ci sono armi di distruzione di massa o legami con Al Qaida), e una maggioranza ancora superiore ritenga che il prezzo da pagare in vittime e denaro, che sarebbe necessario qui, sia troppo alto. Inoltre, gran parte dei generali, ammiragli e ufficiali diplomatici e dell’intelligence in pensione erano contro questa guerra dall’inizio perché la consideravano pericolosa per la sicurezza nazionale.
Di cos’altro hanno bisogno i Democratici per prendere posizione e pretendere una strategia di ritiro responsabile e con dei tempi precisi, che restituisca l’Iraq agli iracheni e tolga sostegno alla resistenza? Beh, si possono aggiungere anche lo spreco e la corruzione di massa da parte della Halliburton e altre società che stanno truffando zio Sam e i cittadini che pagano le tasse. Forse i leader democratici dovrebbero prendersi una pausa dal loro incessante lavoro di raccolta fondi dagli interessi corporativi e leggere la documentazione giornaliera di tale spreco e corruzione dal loro stesso rappresentante al Congresso Henry Waxman.

Per non parlare di Bush che non sostiene le truppe – prima mettendole in pericolo con una guerra illegale, e poi non fornendo loro un equipaggiamento adeguato (facendo infuriare le famiglie dei militari nel loro dolore), e infine, tagliando i benefit medici e altri servizi quando rientrano in patria. E ancora, questo è il primo presidente nella storia degli Stati Uniti che mente deliberatamente sul numero di vittime americane per non aumentare ulteriormente l’opposizione pubblica ai suoi crimini di guerra. Donne e uomini americani feriti, resi infermi o gravemente traumatizzati a livello psicologico in Iraq, ma non durante vere e proprie azioni di guerra, non vengono contati nelle cifre riguardanti le vittime. Decine di migliaia che non vengono contati, senza rispetto per loro e le loro famiglie. Di cos’altro hanno bisogno i Democratici per liberarsi della loro cronica codardia? Per esempio potrebbero firmare la risoluzione 35 del Congresso, che chiede a Bush di “sviluppare e implementare un piano di immediato ritiro delle forze americane dall’Iraq. Guidato dalla repubblicana Lynn Woolsey e da altri 30 Democratici, il partito potrebbe almeno fare questo piccolo passo.

Un iracheno cerca soccorso per il figlio, rimasto vittima di un attentatoO potrebbe supportare i senatori repubblicani John W. Warner, John McCain e Lindsey O. Graham nella loro lotta, cominciata l’anno scorso, perché tutti i responsabili delle torture ad Abu Ghraib o in altre prigioni vengano dichiarati colpevoli, e prescindere dall’anzianità. Come molti documenti dimostrano, tali politiche di tortura, mancanti di adeguata supervisione da parte dei piani alti del regime di Bush, che ignorano le informazioni portate alla loro attenzione dai gruppi per la difesa dei diritti umani, sono state ampiamente utilizzate da Guantanamo, all’Iraq, all’Afghanistan. E il partito democratico dorme.

E dunque, la scusa di Abc è pienamente comprensibile? Non potrebbe questa rete, insieme ad altre, fare molto di più per capire cosa sta succedendo e poi chiedere conto di ciò che scoprono ai Democratici quando li intervistano? Le reti di informazione non possono fornire più copertura al conflitto, rappresentati dalle famiglie dei militari dissidenti e dalle coalizioni di gruppi di lavoratori, religiosi, sociali, dei veterani? Queste stesse reti sicuramente non mostravano tanta inibizione quando, giorno dopo giorno, hanno seguito l’invasione dell’Iraq senza mettere in discussione le argomentazioni illegittime per entrare in guerra di Bush, Cheney, Rice, Rumsfeld e Powell. A diversi gradi, queste reti erano cheerleaders o supporter.

Scaricare il barile può costare molto caro al diritto degli americani di sapere in tempo.

Note:

Traduzione di Cecilia Mari per Peace Reporter

Ralph Nader si è candidato come indipendente alle elezioni presidenziali statunitensi del 2004 e come rappresentante dei Verdi alle elezioni del 2000. La sua lettera è stata pubblicata il 15 maggio dal sito Commondreams.org
http://www.commondreams.org/views05/0515-21.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)