MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Bologna: La comunicazione Umanitaria

raccontare la sofferenza oltre la denuncia e il marketing
6 giugno 2005

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna
Dipartimento Discipline della Comunicazione

in collaborazione con
ICS – Consorzio Italiano di Solidarietà
UCC – Unità di Cooperazione Creativa

convegno
LA COMUNICAZIONE UMANITARIA
raccontare la sofferenza oltre la denuncia e il marketing
Lunedì 6 giugno 2005 – ore 9-19
Università di Bologna, Aula Prodi – P.za S.Giovanni in Monte 2 – Bologna

Tema:
In un’epoca di grandi mobilitazioni mediatiche per emergenze umanitarie (dal Kosovo del 1999 allo Tsunami di pochi mesi fa) la comunicazione delle organizzazioni umanitarie si muove su un doppio binario di relazione con lo spazio pubblico: da una parte un impatto di massa finalizzato alla raccolta di doni che utilizza gli strumenti del marketing o del fund raising e la carica emozionale delle immagini di dolore, dall’altra una rete di contatti territoriali volti a far crescere l’attenzione pubblica e la consapevolezza dei cittadini con strumenti di comunicazione e informazione sociale (campagne, incontri, iniziative, eventi, intrecciati e contestualizzati dalla complessità di esperienze, narrazioni, documenti e inchieste).
La conferenza si pone l’obiettivo di mettere a confronto le diverse strategie attraverso sia esperienze concrete sia analisi socio-comunicative, cercando di rendere centrale la domanda: quale tipo di spazio pubblico è auspicabile per la comunicazione dei temi portati avanti dalle organizzazioni umanitarie? Un insieme indifferenziato e contingente di donatori o una rete attiva e sensibile di arene pubbliche limitate ma coinvolte? In altri termini: le organizzazioni umanitarie hanno come ruolo prevalente quello di essere operatori del soccorso delegati e finanziati da spettatori della sofferenza a distanza, oppure possono considerarsi staff operativi di attenzioni politico-sociali e politico-culturali che richiedono coinvolgimento attivo?
Spunti ulteriori di analisi saranno da una parte la differenza - fortemente incentrata sui temi dell’autonomia economica e dell’indipendenza politica - tra organismi governativi (in particolare gli enti locali) e organizzazioni non governative, dall’altra la relazione tra comunicazione umanitaria, linguaggi creativi e mezzi di comunicazione di massa.

Organizzazione della conferenza:
Coordinamento scientifico:
Unità di Ricerca coordinata dalla Prof. P. Lalli
Referenti organizzativi per il convegno: Dr. Andrea Segre e Dr. Michela De Falco
In collaborazione con
ICS – Consorzio Italiano di Solidarietà (www.icsitalia.org )
UCC – Unità di Cooperazione Creativa (www.uccvideo.org )
Segreteria organizzativa
ICS – Consorzio Italiano di Solidarietà - Via Salaria 89 – 00198 Roma
Tel. 06.85355081 – fax 06.85355083
Referenti:
Monica Mara (m.mara@icsitalia.org), Cathrine Dickehage (c.dickehage@icsitalia.org)

PROGRAMMA
6 giugno 2005 - Aula Prodi - P.za S.Giovanni in Monte 2

ore 9,15
Saluti del Magnifico Rettore Alma Mater Studiorum-Università di Bologna
Pier Ugo Calzolari

Apertura del convegno
Gerardo Bombonato, (Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna)
Renato Stella, (Dipartimento Sociologia Università di Padova)

ore 10.00 – 10.15
Introduzione
Pina Lalli (Dipartimento Discipline della Comunicazione, Università di Bologna)
Comunicazione umanitaria e spazio pubblico

ore 10.15 – 11.30
Prospettive di analisi
Coordina Roberto Grandi (Prorettore Relazioni Internazionali - Università di Bologna)

Barbara Mazza (Università Roma-La Sapienza e Università di Teramo)
Quali approcci per la comunicazione sociale

Andrea Segre (Dipartimento Discipline della Comunicazione, Università di Bologna)
La rappresentazione umanitaria tra marketing e comunicazione sociale

Giulio Marcon (Comitato Scientifico ICS)
Crisi e ridefinizione dell'umanitario: l'ambiguo ruolo della comunicazione

ore 11.30- 11,45
Pausa caffè

ore 11.45 – 13.00
I protagonisti dell'umanitario e la gestione della comunicazione
Coordina Andrea Segrè (Dottorato in Cooperazione Internazionale – Università di Bologna)

Interventi di:
Francesca Pispisa - Responsabile Campagne di Sensibilizzazione MSF
Antonio Raimondi – Direttore VIS
Riccardo Noury – Responsabile Comunicazione Amnesty International Italia
Catherine Dickehage – Responsabile Comunicazione ICS
Pietro Del Soldà – Ufficio comunicazione AMREF Italia
Rossana Preus - Direzione Cooperazione Internazionale Regione Emilia Romagna
Direzione Generale Cooperazione e Sviluppo – Ministero Affari Ester

ore 15.00 – 18.00
I linguaggi creativi e la scena umanitaria
Coordina Nora Rizza – Dipartimento Discipline della Comunicazione, Università di Bologna

1) Il marketing umanitario: topiche della commozione o cooperazione creativa?
Saatchi&Saatchi – Agenzia di Roma
Paolo Marino – Direttore BCM (Agenzia pubblicitaria ICS, UNHCR e non solo)
Luca Rosini – Unità di Cooperazione Creativa
Rossella Sobrero – Koinètica, Agenzia per la comunicazione etica e sociale
Monica Dragone- Università Cattolica di Milano – gruppo di ricerca sul teatro sociale
Riccardo Sivelli – Progetto “Pinocchio Nero” - AMREF
Emiliano Scartarzi - Fotografi senza frontiere

2) Il giornalismo tra denuncia e silenzi
Angela Abbrescia – ANSA Nazionale
Maso Notarianni – Peacereporter.it
Marco Imarisio – Corriere della Sera
Silvia Morara – Fotografa free lance
Carla Ronga – C'era una volta (RAI3)
Sara Menafra – Il Manifesto
Paolo Vittone – Radio Popolare

ore 18.00 – 19.00
Dibattito e conclusioni
Coordina Pina Lalli (Dipartimento Discipline della Comunicazione, Università di Bologna)

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)