MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La femminista tunisina che ha messo in scena una protesta in topless “teme ora per la sua vita”

    La femminista tunisina che ha messo in scena una protesta in topless “teme ora per la sua vita”

    La donna, conosciuta come Amina, ha ricevuto minacce di morte dopo la sua apparizione in alcune fotografie mirate al sostegno dei diritti delle donne.
    17 aprile 2013 - Associated Press in Tunis
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • "Accade in Sicilia" è nuovamente libero
    La Corte di Cassazione ribalta le precedenti sentenze

    "Accade in Sicilia" è nuovamente libero

    E' un blog: non può essere equiparato ad un giornale
    11 maggio 2012 - Giacomo Alessandroni
  • Ho pagato una bustarella
    Cina: la corruzione si combatte sul web.

    Ho pagato una bustarella

    Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
    30 agosto 2011 - Redazione China Daily

« Qui non avete nessun diritto, ma benvenuti in Tunisia »

In un rapporto Reporters Sans Frontieres denuncia l’assenza di pluralismo dell’informazione e la persecuzione dei giornalisti indipendenti nel paese nordafricano
2 agosto 2005 - Reporters Sans Frontieres

Tra qualche mese a Tunisi si terrà la seconda fase del Convegno mondiale sulla società dell’informazione. Tutti gli sguardi saranno rivolti verso la Tunisia. La comunicazione esterna diventa quindi una priorità assoluta per il paese e tutti i mezzi sono buoni per sedurre e controllare la stampa internazionale. I giornalisti stranieri sono i benvenuti in Tunisia a condizione che si mostrino docili ed ubbidienti. E che non facciano troppe domande. La sorveglianza si estende a che a coloro che potrebbero essere tentati di comunicare loro delle informazioni (oppositori, difensori dei diritti dell’uomo, sindacalisti, giornalisti indipendenti,..)
In un rapporto reso pubblico oggi RSF, che ha visitato la Tunisia tra il 2 e il 6 giugno, denuncia la formidabile macchina propagandistica del governo.
Gli impegni presi dal Presidente della Repubblica Zine el-Abidine Ben Ali in favore di una maggiore libertà per la stampa sono solo polvere negli occhi. Il pluralismo informativo non esiste e un cyberdissidente sarà in prigione durante lo svolgimento del Convegno. Una situazione inedita e ingiustificabile. La liberalizzazione dell’audiovisivo è una menzogna e la censura amministrativa è ancora utilizzata per impedire la creazione di media indipendenti.
RSF denuncia anche il comportamento delle Nazioni Unite. Permettere ad un paese che imprigiona delle persone perché usano Internet e censura siti d’informazione di organizzare un convegno mondiale sulla libertà di stampa è al di là di ogni comprensione.
C’è però, sempre secondo RSF, ancora una possibilità di cambiare questa situazione. Se il Segretario Generale dell’ONU e il Segretario Generale dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni condanneranno, con voce unanime, la politica del governo Ben Ali, può essere che alcuni provvedimenti siano presi prima del convegno.

Note:

Per scaricare il rapporto completo (in francese): http://www.rsf.org/IMG/pdf/rapport_tunisie_FR.pdf
Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo può essere liberamente utilizzato a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)