MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Adesso può baciare lo schermo
    Aumentano i matrimoni “virtuali”

    Adesso può baciare lo schermo

    Internet rivoluziona il giorno più bello per antonomasia
    16 dicembre 2013 - Sarah Maslin Nir
  • Gli adolescenti e il social network
    È vero che gli adolescenti che socializzano troppo online non sono più capaci di comunicare di persona? Secondo Clive Thompson i fatti parlano diversamente.

    Gli adolescenti e il social network

    E se ne traessero dei vantaggi?
    25 novembre 2013 - Clive Thompson
  • Governo, guerre e informazione
    Anche quando il Parlamento non c'é, il lavoro non manca per

    Governo, guerre e informazione

    Mentre il Governo uscente sceglie quali sono gli impegni che non deve assolutamente mancare, l'informazione sceglie quello che conviene dire, o non dire
    2 marzo 2013 - Ernesto Celestini
  • Un peccato di omissione
    Pur consapevoli di essere le vittime continuano a commettere

    Un peccato di omissione

    Sono tutti quei popoli che consentono a pochi potenti lestofanti di opprimerli con la mistificazione dell'informazione, con falsi legislativi, amministrativi e sociali
    21 luglio 2012 - Ernesto Celestini

Giornalisti: Del Boca, carta treviso anche per multimediale

5 ottobre 2005
Fonte: ANSA

TREVISO, 5 OTT - Le norme in materia di tutela dei minorenni codificati nella 'Carta di Treviso' 15 anni fa devono essere applicate ''anche al giornalismo on-line, multimediale e ad ogni altra forma di comunicazione che utilizzi innovativi strumenti tecnologici''. Il documento redatto nel 1990 con il quale l'Ordine dei Giornalisti e la Fnsi, d'intesa con telefono Azzurro, fissarono alcuni precisi limiti nel trattamento delle informazioni riguardanti minori coinvolti in fatti di cronaca si rinnova e, con una bozza illustrata oggi nella citta' in cui venne alla luce, aggiorna l'ambito della sua validita' in quei terreni della comunicazione all'epoca non ancora fruibili. ''Abbiamo ritenuto che il principio ispiratore di 15 anni fa sia ancora valido - ha detto il presidente dell'Ordine dei giornalisti, Lorenzo Del Boca - ma che occorra prevedere un'estensione di queste tutele ai mezzi di trasmissione delle informazioni che prima non si conoscevano, da internet ai messaggi sms e a tutti quelli che verranno''. Del Boca ha anche aggiunto che oggi, tuttavia, i richiami della Carta di Treviso dovrebbero riguardare proposte come i reality show ed i talk show piu' che gli spazi informativi, e quindi, relativamente alla tv, chiamare in causa il senso di responsabilita' piu' dei direttori di rete che quelli delle singole testate giornalistiche. L'orientamento degli estensori della bozza, dunque, e' quello di stimolare l'osservanza delle norme deontologiche da parte di tutti gli attori della comunicazione, non solo quindi dei giornalisti, al fine di evitare, in particolare, ''sensazionalismi e qualsiasi forma di speculazione''. Tra le integrazioni introdotte nella Carta vi sono, tra le altre, il divieto di coinvolgere il minorenne ''in forme di pubblicita' lesive dell'armonico sviluppo della sua personalita', e cio' a prescindere dall'eventuale consenso dei genitori'' e l'importanza di non enfatizzare particolari che possano indurre effetti di suggestione o emulazione in casi di comportamenti lesivi o autolesivi attuati da minorenni come ''suicidi, gesti inconsulti, fughe da casa e microcriminalita'''.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)