MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • "Accade in Sicilia" è nuovamente libero
    La Corte di Cassazione ribalta le precedenti sentenze

    "Accade in Sicilia" è nuovamente libero

    E' un blog: non può essere equiparato ad un giornale
    11 maggio 2012 - Giacomo Alessandroni
  • Ho pagato una bustarella
    Cina: la corruzione si combatte sul web.

    Ho pagato una bustarella

    Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
    30 agosto 2011 - Redazione China Daily
  • Countdown Internet Italia?

    Countdown Internet Italia?

    Da domani 6 luglio l'Agcom potrà oscurare siti internet accusati di violare il diritto d'autore.
    5 luglio 2011 - Loris D'Emilio

L'intelligence Usa tiene d'occhio il video di Rainews24

L'Open Source Center di Negroponte è preoccupata: «Influenza l'opinione pubblica»
15 novembre 2005
Fonte: Liberazione - http://www.liberazione.it

Il filmato sul fosforo bianco che squaglia i corpi di Falluja è al vaglio dell'intelligence americana. Lo rivela il New York Times, unico media statunitense a dare eco, al di là dell'Atlantico, del documentario di Sigfrido Ranucci mandato in onda una settimana fa da Rainews 24 e che accusa i marines di aver utilizzato fosforo bianco non solo come mezzo di illuminazione notturna ma anche per «bruciare fino alla morte» gli abitanti della città sunnita. Rivelazione, questa, confermata da alcune riviste militari americane già nella primavera scorsa.
Il quotidiano spiega che a drizzare le antenne è l' agenzia di intelligence Open Source Center, dedita al setacciamento dei dati pubblici e nuova creazione dello zar dei servizi segreti unificati americani, l'ex governatore di Baghdad John Negroponte. Il dossier sul filmato italiano è doveroso, dicono all'Open Source. Non tanto per stabilire la veridicità dei contenuti, quanto perché «sta girando molto nel Web e nella stampa straniera, e questo potrebbe influenzare l'opinione pubblica», ammette il direttore Douglas J. Naquin. Come fosse un'altra Abu Ghraib, la strage al fosforo di Falluja rischia di diventare un secondo grosso boomerang per l'amministrazione Bush.

L'analista strategico Alessandro Politi crede che «se la direttiva viene da Negroponte la missione è di capire cosa c'è dietro questa inchiesta, se è un'inchiesta dovuta ad una iniziativa di un giornale». Oppure, ipotizza, «se dietro non ci sia il governo italiano nelle sue varie articolazioni, per un sotterraneo scambio di colpi negli stinchi diplomatici».

Quanto al fosforo bianco, Politi ne spiega l'uso: «Quando ci sono dei bersagli, dove ovviamente si presume che ci sono delle forze avversarie che non possono essere stanate da altri esplosivi, quindi trincee, nidi di mitragliatrici, buche, allora si tira prima una serie di colpi al fosforo. Questo costringe gli occupanti a uscire, perché altrimenti vengono bruciati vivi e poi si usa altro esplosivo per ucciderli». Una rivista del Pentagono, Field Artillery, conferma le rivelazioni documentate dall'équipe di Rai News24.

E mentre articolo 21 lancia una raccolta firme perchè il documentario venga mandato in onda in prima serata sulla Rai, il senatore del Prc Gigi Malabarba giudica «inquietanti» le indagini di Negroponte sul filmato.

«Non si tratta di un'indagine per cercare la verità su Falluja, dato che se fu deciso il bombardamento della città solo dopo la rielezione di Bush nel novembre del 2004 lo si deve a lui», commenta Malabarba, membro del Copaco. «A lui», tra l'altro, «si deve l'avvio di operazioni di guerra sporca e l'attuazione della linea della fermezza sugli ostaggi in Iraq, che ha provocato l'uccisione di Nicola Calipari». Un gruppo di media indipendenti invita gli utenti web a diffondere il video su Falluja, scaricandolo dal visitatissimo http: //www. rainews24. rai. it/ran24/inchiesta/video. asp.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)