Afghanistan e Pakistan, guerra e censura

La guerra ai nuovi Taleban continua sui due lati della frontiera: e nei due casi i giornalisti sono nel mirino
24 giugno 2006
Marina Forti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

C'è una guerra in Afghanistan, e ce n'è una - non dichiarata ma non meno reale - nei territori pakistani a ridosso della frontiera afghana. In entrambi i casi il nemico sono i gruppi ribelli Taleban, anzi: è la stessa guerra, transfrontaliera. E in entrambi i casi, la stampa è nel mirino.
In Pakistan, martedì sono ricomparsi due giornalisti scomparsi tre mesi fa mentre filmavano vicino alla base aerea usata dalle forze Usa presso Jacobabad, Pakistan sud-occidentale: sono ricomparsi in tribunale. Fino al giorno prima i familiari non avevano loro notizie. Mukesh Ropeta, reporter, e il cameraman Sanjay Kumar, «sono stati consegnati dai servizi segreti alla polizia», ha riferito ieri un familiare, aggiungendo che portano segni di tortura. Ora sono incriminati per violazione di segreti di stato e ieri un magistrato ha concesso loro la libertà dietro pagamento di 400 dollari ciascuno di cauzione.
Più inquietante ancora il caso di un altro giornalista, Hayatullah Khan, trovato morto venerdì della settimana scorsa in un fosso vicino alla cittadina di Mir Ali, nel Nord Waziristan (una delle «agenzie» tribali, cioè i territori del Pakistan nord-occidentale alla frontiera con l'Afghanistan: semiautonomi, abitati da clan pashtoon che vi amministrano la legge). Il Waziristan è la regione dove un paio d'anni fa l'esercito pakistano ha lanciato un'operazione militare (rinnovata di recente) contro i gruppi guerriglieri Taleban, che là si sono riorganizzati. Khan scriveva da quella zona ed era stato tra i primi a riferire, con testimonianze, come l'esplosione che aveva ucciso un militante di al Qaeda il 1 dicembre a Miranshah (stessa zona) - un egiziano, «pezzo grosso» della rete terrorista a sentire l'esercito pakistano - non era stata provocata da esplosivi di fabbricazione casalinga saltati durante un conflitto (era la versione dell'esercito) ma ha un missile sparato da un droneamericano, un aereo telecomandato. Il giornalista cioè aveva sbugiardato la versione ufficiale, creando grande imbarazzo al governo di Islamabad che doveva ammettere che gli Usa «sconfinano» in territorio pakistano nella loro «guerra al terrorismo». Pochi giorni dopo Khan è stato rapito da sconosciuti. Nei giorni precedenti aveva ricevuto minacce.
Lunedì i giornalisti pakistani hanno manifestato in protesta per l'uccisione del loro collega, e chiesto un'indagine indipendente (che il presidente Parvez Musharraf, un generale e capo dell'esercito, ha promesso). Il caso di Hayatullah Khan «è un allarmante promemoria della fragile situazione in cui si trova la stampa "libera" nel Pakistan di Musharraf», scrive il direttore del settimanale pakistano The Friday Times, Najam Sethi. Cita la Commissione pakistana per i Diritti umani (Hrcp), organismo indipendente, per dire che «un terrificane trend di scomparse per mano delle "agenzie della legge e dell'ordine" ha aggiunto una nuova dimensione agli abusi dei diritti umani nel paese». Scrive Sethi: «E' difficile credere che questa politica di detenzioni illegali e tortura non sia ufficialmente sanzionata al livello più alto dell'apparato della sicurezza nazionale a Islamabad».
Non lavorano meglio i giornalisti afghani. I giornali e le tv di Kabul hanno ricevuto questa settimana una direttiva che stabilisce limiti draconiani al diritto d'informazione. Sotto forma di lettera, riferisce la corrispondente di Le Monde, non firmata ma attribuita ai servizi di intelligence, la direttiva vieta ogni critica alle forze internazionali e Nato, vieta le interviste ai «comandanti terroristi», le critiche alla politica estera del governo e al presidente afghano Hamid Karzai. Suggerisce inoltre di non dare eccessiva copertura alle attività dei ribelli, per «non indebolire il morale della popolazione né attentare agli interessi della nazione». Insomma: la censura sulla guerra, per fingere che non ci sia.

Articoli correlati

  • Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili
    Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)