Il Grande Fratello batte l'informazione

Nuovo record per il GF. Otto milioni seguono le imprese di Pasquale e compagni, sei milioni l'approfondimento dedicato al conflitto in Iraq. E'colpa della paura o della guerra-spettacolo?
22 marzo 2003
Birba - Il Nuovo
Fonte: Il Nuovo

Il Grande Fratello batte l'informazione
Nuovo record per il GF. Otto milioni seguono le imprese di Pasquale e compagni, sei milioni l'approfondimento dedicato al conflitto in Iraq. E'colpa della paura o della guerra-spettacolo?
di Birba

"Donna Flo" e "Ipotenusa Pasquale" battono lo speciale Porta a Porta sulla guerra in Iraq. E il distacco non è poco. Il Grande Fratello supera gli otto milioni di telespettatori, segnando un nuovo record, Vespa ne mette insieme sei di milioni, due milioni in meno.

Le lettere dei nostri lettori spessissimo si trasformano in accorati inviti alla pace. Il nostro diario sta diventando una spettacolare cartina di tornasole dello sconforto in cui ci ha gettato questo conflitto. E basta gettare uno sguardo fuori dalla finestra per vedere fiorire sui balconi delle case non fiori, ma bandiere arcobaleno. Gli stessi colori che animano i pacifici e sempre più imponenti cortei, che sfilano da Palermo a Milano, da Washington a Sydney.

Eppure ieri sera ben otto milioni di persone hanno scelto di seguire le avventure dei reclusi di "Casa D'Urso". Serata di nomination e di tradimenti, mentre su Baghdad piovevano bombe e nei rifugi sibilava il terrore.

Paura della guerra? Paura di una possibile rappresaglia terroristica in occidente? E' la paura che i nostri figli possano crescere in un mondo spaccato in due, come ai tempi delle crociate, tra Islam e cristianesimo che ha fatto cambiare canale a otto milioni di italiani? Otto milioni di persone che hanno adotatto la politica dello struzzo nascondendo la testa sotto la sabbia del reality show. Oppure è una fuga dalla guerra-spettacolo? Dagli esperti in studio che discettano di bombe intelligenti, e così lontane da loro, e già del dopo-Saddam. Dalla tecnologia d'ultima generazione che ci viene incontro e ci permette di vedere dei missili distruggere un Paese, e non solo un dittatore, per poter dire che siamo stati bravi e abbiamo battuto la Cnn.

(21 MARZO 2003, ORE 13:20)

Note: http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,174095,00.html

Articoli correlati

  • ONU, giornata internazionale per la pace
    Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • In direzione ostinata e contraria: l'esperienza insegnante
    Sociale
    L’educazione per la cittadinanza attiva e globale

    In direzione ostinata e contraria: l'esperienza insegnante

    L'importanza di scrivere testi su valori come la solidarietà, l’uguaglianza, la pace, la multiculturalità, l’educazione civica, l’ambiente e sui problemi come il bullismo e le sue risoluzioni come la nonviolenza.
    20 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Nel 1995 Michael Jackson scrisse Earth Song, canzone di denuncia dalla bellezza ipnotica
    Cultura
    5 giugno Giornata Mondiale dell'Ambiente

    Nel 1995 Michael Jackson scrisse Earth Song, canzone di denuncia dalla bellezza ipnotica

    Le ferite della Terra trovano musica e parole. Chi non conosce Earth Song la ascolti prima di vederne il video o le riprese del concerto live in cui Jackson trovò anche il modo di onorare gli studenti di Piazza Tienanmen
    5 giugno 2020 - Lidia Giannotti
  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)