Osservatorio Mediale

Alcuni studenti divisi in piccoli gruppi che hanno monitorato durante la guerra in Iraq varie testate di tiratura nazionale, in modo tale da controllare come i fatti venivano esposti dai giornali di sinistra e da quelli di destra.
7 ottobre 2003
Aidem - Studenti di Comunicazione a Bologna

Chi siamo?
Durante i mesi scorsi un gruppo di studenti di Comunicazione ha dato vita a qualcosa di nuovo nel Dipartimento. L’attacco americano all’Iraq è stato la scintilla che ha fatto sì che persone che fino a quel giorno transitavano solo fugacemente per gli ambienti di via Azzo Gardino 23 si trovassero a discutere, riflettere e litigare circa argomenti che spesso non troviamo inseriti nei nostri curriculum di studi, partendo non solo da un punto di vista etico prima che politico, in aperta contrapposizione alla guerra, ma anche dal punto di vista di futuri scienziati della Comunicazione.

Iniziative
Attenzione! Il materiale pubblicato è in formato pdf e necessita di Acrobat Reader per essere consultato. Se non è installato sul vostro pc, potete scaricarlo gratuitamente da questo indirizzo

Osservatorio Mediale
Alcuni studenti divisi in piccoli gruppi che hanno monitorato durante la guerra in Iraq varie testate di tiratura nazionale, in modo tale da controllare come i fatti venivano esposti dai giornali di sinistra e da quelli di destra. >>>prospetto informativo

Risultati dell'analisi - Il Manifesto - La Repubblica - Il Resto del Carlino - Il Giornale

Alfabetizzazione ai media
Il gruppo alfabetizzazione ai media, che si proponeva appunto di portare anche all’esterno del dipartimento le nostre ragioni e le conclusioni dei nostri lavori, ha già avviato un ciclo di conferenze, che proseguirà con l’apertura del prossimo anno accademico, con una ‘puntata pilota’ svolta in una scuola superiore di Bologna.
>>>prospetto informativo

Quarto Potere
Il giornale, redatto da alcuni di noi, è stato strumento di scambio di opinioni sia all’interno del gruppo, sia con gruppi omologhi al nostro presenti in altre facoltà.
Tutti i numeri del giornale che usciranno durante l'anno accademico saranno pubblicati online su questa pagina.

Cineforum
E' stato forse uno dei progetti di maggior successo: le proiezioni di film più o meno attuali, da Bowling a Columbine a La Grande Abbuffata, da No Man’s Land a I Pugni in Tasca, solo per citare alcuni titoli, hanno portato tanti studenti, anche di altri corsi di laurea, non solo a partecipare alle nostre iniziative, ma pure a guardare alla realtà con un ragionevole dubbio che non può non esistere in chi dovrà osservare il mondo con occhio critico.

Allegati

Articoli correlati

  • Le Città di Nova Milanese e Bolzano per la Memoria storica delle Deportazioni
    Pace
    Le Amministrazioni rendono pubbliche 4 nuove videotestimonianze

    Le Città di Nova Milanese e Bolzano per la Memoria storica delle Deportazioni

    Oltre 220 videotestimonianze di ex deportati civili per motivazioni politiche compongono l'importante Archivio Storico
    26 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
  • PsyOps
    Editoriale
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)