Lettera ufficiale, l'Ue boccia la Gasparri

20 luglio 2006
Giulia Sbarigia
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

La bacchettata dell'Antitrust europeo era attesa ed è arrivata puntuale. La legge Gasparri, manifesto dell'anomalia televisiva di casa nostra, va modificata, scrive nell'avviso ufficiale la commissaria alla concorrenza, l'olandese Neelie Kroes. «La legge italiana finora non ha ottemperato agli obblighi stabiliti dalle norme Ue visto che introduce delle restrizioni ingiustificate alla fornitura dei servizi di trasmissione televisiva e attribuisce vantaggi immotivati agli operatori analogici esistenti», si legge nella nota dell'esecutivo comunitario che stringe il cappio intorno al duopolio Rai-Mediaset. Bruxelles accoglie dunque le istanze della denuncia presentata dall'associazione dei consumatori Altroconsumo - non sarà un caso alla Erin Brockovich, ma comunque è già qualcosa - e invia una «lettera di messa in mora» al governo italiano, che tradotto in linguaggio calcistico suona come un cartellino giallo prima che scatti la procedura di infrazione vera e propria. L'ammonizione non si accanisce direttamente con Rai e Mediaset per abuso di posizione dominante perché, spiega il vice presidente della commissione Ue Franco Frattini, «abbiamo preferito evitare di colpire in maniera diretta soggetti concreti».
L'Italia ha ora due mesi di tempo per rispondere alle richieste dell'autorità di controllo dei mercati. Il ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni comunque non si fa trovare impreparato.
Il «braccio sinistro di Rutelli» (la definizione è proprio di Gentiloni, ce la regala nel suo blog personale), in attesa della spinta decisiva da Bruxelles anticipata dalle indiscrezioni di questi giorni, si è infatti portato avanti. A lavoro c'è già una squadra di tecnici per studiare le modifiche alla contestatissima legge 112, varata dal governo Berlusconi nel 2004, soltanto dopo due votazioni favorevoli del parlamento e un rinvio alle camere dell'allora presidente Ciampi. D'ora in poi nel sistema radiotelevisivo ci sarà «più pluralismo e più concorrenza», assicura Gentiloni, che promette presto un tetto antitrust alla capacita trasmissiva oltre alla reintroduzione di limiti anticoncentrazione alla raccolta pubblicitaria, annullati dalla legge Gasparri con il Sic, il sistema integrato delle comunicazioni.
Sono tre i punti della riforma Gasparri su cui Bruxelles pretende ufficialmente dei chiarimenti. La legge che regola il sistema radiotelevisivo nazionale, così come è attualmente, «può realmente precludere» l'accesso al mercato ai nuovi operatori che volessero sperimentare il digitale terrestre e creare dei propri network digitali, ammonisce l'autorità comunitaria. La sperimentazione del digitale e la possibilità di ottenere la licenza è infatti concessa solo agli operatori già attivi nel sistema analogico. Il secondo nodo che l'Antitrust europeo chiede di sciogliere riguarda invece l'occupazione delle frequenze da parte dei soggetti dominanti: la Gasparri permette agli operatori già esistenti di disporre contemporaneamente delle frequenze per trasmettere in analogico e delle frequenze acquisite per sperimentare il digitale, un surplus di segnale di cui Rai e Mediaset non hanno effettivamente bisogno per poter diffondere i loro programmi simultaneamente con i due sistemi. La lettera spedita da Neelie Kroes mette così a fuoco il terzo punto dolente della riforma berlusconiana: «la legge consente agli operatori dominanti di mantenere il controllo sulle frequenze e le reti per le trasmissioni analogiche anche dopo la loro cessazione», impedendo così che si liberino frequenze per nuovi soggetti.

Articoli correlati

  • Solidarietà alla troupe Rai aggredita a Carsoli
    PeaceLink Abruzzo

    Solidarietà alla troupe Rai aggredita a Carsoli

    E’ necessario impegno concreto e non retorica e dichiarazioni di circostanza
    7 ottobre 2019 - Associazione Antimafie Rita Atria - Movimento Agende Rosse “Paolo Borsellino Giovanni Falcone” Abruzzo - PeaceLink Abruzzo
  • Eurocommissione a Taranto
    Ecologia
    Ilva sotto osservazione

    Eurocommissione a Taranto

    Dal 2 al 4 novembre la Commissione Petizioni del Parlamento Europeo si recherà a Taranto per il caso ILVA. E' una visita importante in quanto in campo vi sono due importanti novità: l'abbondante produzione di ricerche epidemiologiche aggiornate su Taranto presentate da pochi giorni nel Congresso scientifico ISEE di Roma e la inequivocabile relazione dell'ISPRA che certifica la persistente e prolungata non attuazione delle prescrizioni ambientali da parte di ILVA.
    10 settembre 2016
  • Mosaico di Pace - Ecomusei
    Pace
    Su MOSAICO DI PACE contributo di ALESSANDRO MARESCOTTI

    Mosaico di Pace - Ecomusei

    6 marzo 2016 - Laura Tussi
  • Libia: la piazza chiede diplomazia; la Germania chiede le bombe – 
e l'Italia, chi ascolterà?
    Editoriale
    Sale il rischio di attentati in Italia

    Libia: la piazza chiede diplomazia; la Germania chiede le bombe – e l'Italia, chi ascolterà?

    Dopo le manifestazioni riuscite di sabato contro la guerra permanente, urge ora incalzare di continuo il governo, sollecitato da più parti a mandare l'Italia in una nuova e catastrofica avventura militare in Libia.
    19 gennaio 2016 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)