MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Cartesio contro la guerra
    Il grande filosofo e matematico

    Cartesio contro la guerra

    Affermò nel XVII secolo: "Chi vede come noi uomini siamo fatti e pensa che la guerra è bella o che valga più della pace è storpio di mente".
    1 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
vespri

Le montagne russe dell'informazione

25 luglio 2006 - Norma Rangeri
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Dove eravamo rimasti? La domanda vale per qualunque argomento toccato dalle montagne russe dell'informazione. Di colpo, dopo aver occupato le prime pagine e i titoli principali dei telegiornali la notizia scompare dall'agenda (l'aviaria, per esempio), come non fosse mai esistita.
In altri casi la cancellazione dal menù informativo ha una giustificazione apparentemente più plausibile, per esempio nelle crisi internazionali. Finita l'emergenza, finita la guerra, il paese coinvolto si eclissa, sparisce così come era improvvisamente apparso, non ne sapevamo nulla e non ne sappiamo nulla, a parte i morti ammazzati (le telecamere sono sensibili solo se possono contare su un congruo numero di vittime). Dopo le ultime elezioni e l'assassinio del leader antisiriano, anche del Libano si erano perse le tracce, ora la nuova guerra lo ha riportato agli onori della ribalta mediatica.
Mentre siamo quotidianamente bombardati da ogni minimo, impercettibile sospiro di questo o quel politico, manca una continuità nell'informazione di politica estera, l'unica che consentirebbe di capire cosa accade nel mondo. Ogni tanto c'è l'eccezione, l'approfondimento giornalistico spinge lo sguardo al di là del cortile di casa. Succede di rado, per giunta di sabato pomeriggio, infelice collocazione oraria di un Tg2-Dossier dedicato all'Albania.
Dalle navi cariche di emigranti dei primi anni '90, alla guerra della ex Iugoslavia, al silenzio attuale. Il reportage di Gabriele Lo Bello ci racconta come si è trasformato il paese che dista appena settanta chilometri dalle nostre coste. Piscine, alberghi, luci, casinò, droga, armi, pedofili, insomma un paese come tanti. Uno sviluppo economico faticoso che mentre spera nel turismo, intanto divide la città dalla campagna, alimenta la convivenza di grandi ricchezze e povertà estrema. Le zone del nord (Scutari) dove manca l'energia elettrica, dove vige la legge tribale della vendetta, dove (Kukes) si raccolgono testimonianze di ferite ancora aperte. E il sud commerciale di Valona con le strade asfaltate, Durazzo e i suoi due miliardi di euro investiti nell'edilizia (un 30 per cento proveniente da riciclaggio), Tirana con le immagini del camion della polizia che passa per ritirare le armi ancora in possesso delle famiglie.
L'Albania è un detonatore potenziale ed è sufficiente mostrare la cartina geografia con i confini (Kosovo, Macedonia, Montenegro, Grecia) per rendersene conto. Anche se il giovane sindaco socialista di Tirana getta acqua sul fuoco («il futuro non è la grande Albania, ma la grande Europa»).
Il reportage si chiude sulla condizione dei bambini, tragica (gli orfanotrofi gestiti da pedofili) ma anche di grande speranza (le scuole, le attività culturali), perché è nelle future generazioni che si può intravedere la nuova Albania.
Per raccontare il Libano, e poter decifrare le immagini dei telegiornali, basterà aspettare i prossimi dieci anni.
nrangeri@ilmanifesto.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)