Noi giornalisti senza diritti chiediamo dignità

31 dicembre 2006

Noi giornalisti che facciamo giornali e tv senza diritti. Precari dei più diversi bacini, consulenti e autori senza contratti, noi free lance, noi che firmiamo transazioni, noi che veniamo utilizzati come tappabuchi, noi collaboratori sul territorio che lavoriamo a due euro a pezzo con la promessa di un contratto, noi che raccontiamo la vita, la cronaca, la giudiziaria e non abbiamo l'assistenza legale. Noi, precari del mondo dell'informazione, diciamo agli editori che esistiamo e facciamo i loro giornali.
Per noi sono scesi in campo i nostri colleghi più fortunati, quelli che vedono riconosciuto il loro lavoro con un contratto, con una busta paga, con le ferie e la malattia. Con la Casagit e l'Inpgi 1. A loro diciamo grazie, e diciamo di tenere duro anche per noi.
Gli editori dicono e sostengono che possono fare a meno di noi. Noi diciamo a loro che se maturasse tra di noi quella che una volta veniva chiamata coscienza di classe e decidessimo di incrociare le braccia per una settimana i loro giornali e le loro tv sarebbero vuoti.
Non si tratta più di lavoro flessibile. I nostri stipendi e le nostre sicurezze sono pressocché nulle. Se qualcuno di noi decidesse di alzare la voce, come spesso è accaduto, ci si mette alla porta e veniamo sostituiti da stagisti o da altri giovani colleghi che si troveranno ad accettare collaborazioni da fame.
Reclamiamo diritti di libertà, accettiamo la flessibilità ma non la precarietà chiedendo ai colleghi più fortunati di continuare a difendere i loro e i nostri diritti. Chiediamo al governo di non piegarsi alla prepotenza degli editori e di operare affinché nessuna agevolazione venga loro concessa fino a quando non comprenderanno che senza diritti nel mondo dell'informazione, la stampa rimane meno libera e non offre ai lettori quella corretta informazione che meritano e di cui hanno diritto.
Non è questione di firme, non è questione di stipendi. E' semplicemente questione di dignità e di diritto.

FIRMA L'APPELLO : http://www.articolo21.info/appelli_form.php?id=86

Articoli correlati

  • “Pace Proibita”, da spettacolo, diventa una forza di persuasione morale
    Pace
    Santoro & Co., Atto II

    “Pace Proibita”, da spettacolo, diventa una forza di persuasione morale

    Reduce dal grande successo della serata “Pace Proibita” (2/5/2022) – vista in streaming, da oltre 400.000 spettatori – Michele Santoro ha rilanciato ieri la sua sfida al Pensiero Unico che, in Italia, regna incontrastato nei mass media quando si parla del conflitto in Ucraina.
    18 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • L'Honduras abroga la legge sull’impiego a ore
    Latina

    L'Honduras abroga la legge sull’impiego a ore

    Ampia maggioranza parlamentare elimina uno dei principali strumenti di precarizzazione del lavoro
    29 aprile 2022 - Giorgio Trucchi
  • Libertà - L'ABC dell'Europa di Ventotene
    Europace
    Educazione civica europea

    Libertà - L'ABC dell'Europa di Ventotene

    La voce L di libertà del dizionario illustrato "L'ABC dell'Europa di Ventotene" (Ultima Spiaggia, Genova 2022, seconda edizione). Quest’opera è stata rilasciata con la Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
    26 marzo 2022
  • Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)
    MediaWatch
    Per la verità e la nonviolenza

    Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)

    Il 27 ottobre, provato da anni di cattività e abusi che un inviato ONU considera ormai torture, Assange potrebbe essere consegnato agli USA. La speranza è nella mobilitazione dei giornalisti e di chiunque si opponga a un futuro di menzogne e di violenza
    7 settembre 2021 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)