E' morto il giornalista de 'il manifesto' Stefano Chiarini

San Stefano

5 febbraio 2007

San Stefano

Fulvio Grimaldi, in un recente articolo di approfondimento, aveva segnalato in “San Stefano Chiarini” uno dei giornalisti da leggere su “il manifesto”. Grimaldi faceva così riferimento - qui ricordo e reinterpreto liberamente - al percorso di un quotidiano nel quale purtroppo oggi prevale il pensiero unico della narrazione mainstream.

Son d’accordo. Nel mondo dell’informazione, a mio avviso, il manifesto per continuare a vivere ha bisogno di assegnare spazio alla pubblicità e di essere inserito nelle varie rassegne stampa; deve quindi necessariamente stare dentro l’ordine dei discorsi. Non Stefano Chiarini bensì una buona parte dei suoi giornalisti - ad avviso di un abbonato e sottoscrittore come lo scrivente - potrebbe invece infoltire la schiera di ‘professionisti illuminati’ della Stampa o del Corriere della sera.
Il manifesto non si può permettere di uscire troppo dalla corrente dominante. Rimane un giornale da frequentare; forse l’unico, ma con la lanterna.

Il sistema oggi come oggi ammette solo se stesso, il proprio modo di pensare e le persone a sé omologate: non c’è via di scampo!
Ultimamente un piccolo editore come Malatempora - voce di tanti altri - è uscito con un annuncio intitolato: “Stanno cercando di farci fuori”.

Di Stefano Chiarini, quando c’era un articolo, io mi fermavo a leggere le parole con calma. Per quel poco che l'ho potuto vedere nelle assemblee di Movimento, aveva uno sguardo lievemente sorridente e intenso; di chi ci tiene a comprendere, a entrare dentro le cose.

Il fatto da registrare è che, come nel caso di Stefano Chiarini, anche altri - penso a Tom Benetollo - muoiono proprio in momenti nei quali esprimono ideali e valori che disturbano in modo particolare un po’ tutti; non solo il potere.

In Taccuini 1990-95, Jean Baudrillard ha scritto: “Tutti i militanti finiscono per essere dei pentiti”; e ancora: “La maggior parte delle persone, quando ne hanno, diventano parassiti delle proprie idee”.

Stefano Chiarini invece no.

5/2/7 - Leopoldo BRUNO

Articoli correlati

  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
  • PeaceLink For Future
    PeaceLink
    Seminario formativo sulla cittadinanza attiva

    PeaceLink For Future

    Pace, ecologia e solidarietà e cittadinanza digitale. Come fare giornalismo dal basso per dare voce alla società civile. Incontro nazionale di PeaceLink il 9 e 10 novembre. In questa pagina web trovate il form per registrarsi online.
  • La Colombia stanca di guerra
    Latina
    Lo Stato fa di tutto per allontanare le pace

    La Colombia stanca di guerra

    Prosegue il dibattito sulla scelta di una parte delle Farc di riprendere le armi
    18 settembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)