MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La Chiesa di tutti
    Valerio Gigante, Luca Kocci

    La Chiesa di tutti

    L’altra Chiesa: esperienze ecclesiali di frontiera, gruppi di base, movimenti e comunità, preti e laici “non allineati”
    28 novembre 2013 - Giacomo Alessandroni
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • "Accade in Sicilia" è nuovamente libero
    La Corte di Cassazione ribalta le precedenti sentenze

    "Accade in Sicilia" è nuovamente libero

    E' un blog: non può essere equiparato ad un giornale
    11 maggio 2012 - Giacomo Alessandroni
  • Ho pagato una bustarella
    Cina: la corruzione si combatte sul web.

    Ho pagato una bustarella

    Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
    30 agosto 2011 - Redazione China Daily
Censurato "Il Mucchio Selvaggio"

Non si toccano i due pastori. Storia di ordinaria censura italica

A Trani ritirate tutte le copie della rivista per "oltraggio alla religione"
16 ottobre 2007 - Alessio Di Florio

La copertina censurata dal pretore

La copertina che si è salvata in primavera

C’era una volta il pastore. Un omone grande e grosso con la barba bianca che, ogni mattina si alzava all’alba e conduceva il gregge. Amava il suo lavoro e il suo gregge e, se perdeva anche una sola delle sue pecore, si disperava per ritrovarla. Questo è il nonno di Heidi, ricordate il cartone animato?
Bene, dimenticate il barbuto signore svizzero perché con la storia di oggi non ha nulla a che spartire. Tranne che si parla comunque di pastori. Parliamo di due pastori ma non hanno la barba bianca e neanche la rassicurante voce del nonno più amato dai bambini di tanti anni fa. Uno di questi pastori è specializzato nello sculacciare gli adulti, l’altro … non si è specializzato.

Joseph Ratzinger e Walter Veltroni, papa Benedetto XVI e il leader del Partito Democratico dalle “sorti magnifiche e progressive”. Ratzinger fu definito “il pastore tedesco” dal Manifesto il giorno dopo la sua elezione al soglio petrino. Il quotidiano, giocando sulla nazionalità del Sant’Uffizio(oggi pare si chiami in un’altra maniera ma siccome è troppo lungo e non vogliamo farvi perdere tempo nella lettura ci accontentiamo del vecchio nome, tanto è cambiata solo la legna per i roghi …), raccontava le aspettative per un papa che molti attendevano come conservatore e ligio all’ortodossia, severo e duro. Veltroni invece fu definito “il pastore romano” il giorno dopo il discorso al Lingotto di Torino col quale ha dato inizio alla campagna elettorale per le Primarie del PD. Ecumenico fino al midollo, capace di dire tutto e il contrario di tutto, in un discorso fiume da cui tutti possono attingere quel che gli pare …
Cosa unisce i pastori del nostro vivere sociale? Alcuni giorni fa è accaduto che un solerte pretore, in quel di Trani, abbia fatto ritirare dalle edicole tutte le copie de “Il Mucchio Selvaggio”, una rivista musicale che in queste settimane compie 30 anni e sul quale, tra i tanti, viene ospitato anche Riccardo Orioles, storico presidente di PeaceLink e oggi direttore della rivista antimafia Casablanca. Ora dovete sapere che i ragazzi del Mucchio oltre ad essere simpatici e a scrivere cose interessanti e con cognizione di causa, che non è poco al giorno d’oggi, hanno uno spiccato talento per la satira. Diciamo pure che la loro irriverenza non sfigura davanti ad Andrea Rivera, il ragazzo riccioluto che il 1° maggio ha detto che alla Chiesa non piace l’evoluzione perché non si è mai evoluta. Ora, cosa è accaduto. Alcuni mesi fa i nostri ragazzotti hanno dedicato una copertina allo scandalo dei preti pedofili disegnando un prelato con “un evidente stato di erezione”(parole della redazione del Mucchio). Non vi fu nessuna reazione. Nell’ultimo numero invece tornano i nostri eroi, Veltroni e Ratzinger, entrambi fotografati in copertina con il secondo che tiene in mano la testa mozzata del primo. Dopo pochi giorni, come scrive TgCom[1](stranamente l’unico nella grande stampa ad occuparsi del caso, sarà un caso nell’Italia pullulante di stampa indipendente e libera?), tutte le copie sono state ritirate per “oltraggio alla religione”. Nell’intervista a TgCom la redazione de “Il Mucchio Selvaggio” spiega che la copertina voleva affermare la totale inutilità della nascita in pompa magna di un nuovo Partito se le fila della politica le tirerà sempre il fondamentalismo cattolico del Vaticano. Aggiungono poi “Strano che il pretore in oggetto non abbia avuto nulla a che ridire su una copertina molto più forte di qualche mese fa che, a sostegno di un articolo su gli scandali pedofili della Chiesa di Roma, metteva in copertina un prete con un evidente stato di erezione sotto la tonaca ma lì, in effetti, c’era poco da arrabbiarsi visto che ogni giorno esce fuori la notizia di un prete che non sa tenere le mani a posto.”

Chissà magari un pastore solo si può pubblicare, due no. O forse la religione offesa non è quella di Santa Romana Chiesa Apostolica ma un’altra …
In ogni caso ancora una volta la libertà di espressione e di stampa viene pesantemente attaccata utilizzando la clava del reato d’opinione. Ancora una volta la “libera e progressista” stampa italica non si accorge di cosa è accaduto nonostante siano passati diversi giorni dopo.
Rivolgendosi ai suoi colleghi Riccardo Bonacina, direttore editoriale di Vita[2], alcuni giorni fa si chiedeva “ma ci interessano i soldi e le posizioni di rendita o un'informazione davvero libera e plurale?”
Davanti all’immenso silenzio sulla vicenda del Mucchio Selvaggio ce lo chiediamo anche noi …

La copertina censurata da Parrini l'anno scorso


Ma non è la prima volta che la redazione de “Il Mucchio Selvaggio” viene attaccato per copertine che dissacrano i “sacri palazzi del potere”. L’anno scorso Parrini, responsabile della distribuzione nazionale, si rifiutò di spedire la rivista per una copertina che ironizzava, in tempi di elezioni, su Silvio Berlusconi e Forza Italia. Scrisse nell’occasione Antonella Serafini, collaboratrice anche di PeaceLink, sul suo sito[3] “Se si va con la memoria indietro nel tempo a copertine, molto piu' feroci e provocanti, di giornali come il "Male", "Frigidaire" o "Cuore" ci si rende conto di come e' peggiorato il rapporto tra la stampa e il potere e di quanto la liberta' di espressione sia sempre meno garantita.”

Parole sante verrebbe da dire se non fosse che in questa pagina l’odore dell’incenso è già aleggiato abbastanza …

Note:

[1] http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo383268.shtml

[2] http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=85543&H=stampa

[3] http://www.censurati.it/index.php?q=node/3375

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)