Free Gabriele Del Grande

Il documentarista italiano è detenuto in Turchia da giorni (così come altri 150 giornalisti), non può nominare un avvocato e non è accusato di nulla. Il regista ha iniziato uno sciopero della fame per denunciare quel che gli sta accadendo, il 2 maggio manifestazione a Roma per la sua liberazione e la libertà di informazione
18 aprile 2017

Gabriele del Grande deve continuare a lavorare

Gabriele Del Grande è da lunedì gentile ospite delle autorità turche, fermato nella provincia di Hatay e in stato di fermo e, dicono fonti diplomatiche, in procinto di essere espulso perché non avrebbe avuto le carte necessarie per fare interviste al confine con la Siria. Gabriele era nella zona per scrivere parte del suo nuovo libro “Un partigiano mi disse“, in cui vuole raccontare la guerra in Siria e la nascita dell’ISIS.

Gabriele Del Grande è un giornalista e ricercatore diventato giustamente famoso per Fortress Europe, un sito e progetto di documentazione sui disastri dell’immigrazione clandestina, dei morti in mare e così via che ha prodotto e continua a produrre la “Fortezza Europa”. Nel 2014 è uscito col film “Io sto con la sposa” che racconta le vicende di profughi siriani che fanno finta di andare a sposarsi in Svezia. Un film di forte denuncia dei disastri dell’immigrazione clandestina e delle assurde leggi di limitazione delle possibilità di movimento degli Esseri Umani. Per approfondimenti leggere l’intervista di Anna Polo sul film.

Nonostante le notizie rassicuranti che sembrano arrivare in queste ore, non abbiamo notizia di iniziative diplomatiche di alto livello per chiedere alle autorità turche spiegazioni su questo fermo e sull’eventuale espulsione di un giornalista di alto valore, in prima linea nella difesa dei diritti umani.

Giunge voce in queste ore di un’ipotesi di interrogazione parlamentare sul caso al Ministro Alfano; va bene ma chiediamo piuttosto che Alfano informi l’opinione pubblica sullo stato della situazione e se intende ufficialmente protestare per come viene trattato il nostro connazionale; e questo nel contesto generale della libertà di stampa in Turchia, tema che abbiamo già abbondantemente trattato e ci preoccupa in modo particolare.

E che Gabriele non venga espulso ma possa invece continuare a svolgere il suo prezioso lavoro sul campo.

Chiediamo ai colleghi giornalisti di aderire a qusta richiesta e rilanciarla.

Sui social l’hashtag da rilanciare è #iostocongabriele

Olivier Turquet - https://www.pressenza.com/it/2017/04/gabriele-del-grande-continuare-a-lavorare/

 

 

#iostoconGabriele #freegabriele Il documentarista Gabriele Del Grande, detenuto illegalmente in Turchia, inizia uno sciopero della fame. La solidarietà per lui  e per tutti i detenuti politici
La Turchia non è lontana e il fastidio per la libertà di stampa, la libertà e il diritto di essere informati sta prendendo piede, nel resto d’Europa come da noi. Le voci critiche vengono additate come disturbatori, i cronisti minacciati e querelati, i servizi pubblici (anche il nostro) sono sempre più controllati dai governi e, quando si azzardano a raccontare vicende non opportune, soprattutto se coinvolgono politici o grandi aziende, vengono richiamati all’ordine, come sta accadendo in queste ore al programma d’inchiesta di Rai3 Report. Anche negli Stati Uniti dove il presidente Trump si permette di escludere le testate non applaudenti dalle proprie conferenze stampa.
Eppure proprio gli Stati Uniti ieri ci hanno dato una dimostrazione che le inchieste scomode premiano e vanno premiate, riconoscendo il premio Pulitzer al Consorzio internazionale di giornalismo investigativo per l’inchiesta sui Panama Papers.
Per riappropriarci, come cittadine e cittadini e non solo da giornalisti, del diritto a essere informati prima che a informare, in Turchia come in Italia, martedì 2 maggio, alla vigilia della Giornata internazionale per la libertà di stampa, con Fnsi, UsigRai, NoBavaglio e tante altre realtà, saremo insieme in piazza a Roma, e speriamo non solo a Roma: leggeremo i nomi degli oltre 165 tra croniste e cronisti turchi in prigione, invitando i parlamentari italiani ed europei a prendere posizione, sulla Turchia ma anche sui fatti di casa nostra: riaffermiamo insieme l’Articolo 21 della nostra Carta, difendendo il diritto di cronaca.

#Adottiamouncollegaturco: Nazli Ilicak, 73 anni, in carcere da 9 mesi

 

https://www.articolo21.org/2017/04/adottiamouncollegaturco-nazli-ilicak-73-anni-in-carcere-da-9-mesi/

 

Popoff Quotidiano. Del Grande digiuna nella prigione turca. Chi sta con Gabriele? (articolo con le ultime novità - al momento - sulla vicenda) http://popoffquotidiano.it/2017/04/18/iostocongabriele-freegabriele-gabriele-del-grande-sciopero-della-fame-erdogan/

 

Articoli correlati

  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi
    Conflitti
    Comunicato stampa della Rete NoWar - Roma

    NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi

    La Rete NO WAR condanna fermamente l'invasione della Siria ad opera dell'esercito turco come crimine di guerra.
    15 ottobre 2019 - Rete NoWar - Roma
  • Trucidata una attivista per i diritti delle donne
    Conflitti
    Siria, PeaceLink condanna l'attacco militare turco ed esprime sdegno per l'efferato omicidio

    Trucidata una attivista per i diritti delle donne

    Hevrin Khalaf, 35 anni, è stata uccisa a sangue freddo dai miliziani filo-turchi. Paladina dei diritti delle donne, era considerata un simbolo di dialogo, e quindi una persona potenzialmente pericolosa. Tra le vittime di questa guerra c'è proprio chi si è battuto per la pace e il dialogo.
    14 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita
    Disarmo
    Turchia

    Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita

    Quando si vendono e si comprano armamenti, petrolio e gas, il manicheo rituale “buoni/cattivi” e “amici/nemici” viene messo elegantemente da parte
    23 luglio 2019 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)