Il presidente degli Stati Uniti Trump: "Ho visto le prove". I suoi 007 lo smentiscono.

Coronavirus fabbricato dalla Cina in laboratorio?

Negli Stati Uniti sono 63.019 le vittime del coronavirus. Durante la guerra in Vietnam, in 20 anni morirono 58.220 americani. Quando venne avvisato del coronavirus, Trump minimizzò. Triplicati gli avvelenamenti: diversi americani si sono iniettati disinfettante, suggestionati dalle parole di Trump.
1 maggio 2020
Redazione PeaceLink

Il bilancio dei morti provocati dal coronavirus negli Stati Uniti ha superato oggi quota 60.000: è quanto emerge dal conteggio aggiornato della Johns Hopkins University. Secondo l'università americana il virus ha ucciso finora 63.019 persone. Questo si legge oggi sull'Ansa.

Durante la guerra in Vietnam, in 20 anni, dal 1955 al 1975, morirono 58.220 americani di cui 47.343 in combattimento, si legge sull'agenzia stampa Agi. Donald Trump, presidente degli Stati Uniti

Trump si è detto sicuro che arrivi dal laboratorio di Wuhan (Cina): «Sì, ho visto le prove. Un errore, oppure fatto di proposito».

L’intelligence Usa: “Virus non è stato prodotto in laboratorio”. Ma Trump ugualmente prepara una “rappresaglia” contro la Cina.

Sapete che fece Trump quando seppe del coronavirus? Nulla.

"Le agenzie di intelligence Usa - si legge sull'Ansa - ammonirono sui rischi del coronavirus in oltre una dozzina di briefing classificati preparati per Donald Trump a gennaio e in febbraio, mesi durante i quali il tycoon continuò a minimizzare la minaccia. Lo scrive il Washington Post citando dirigenti ed ex dirigenti Usa".

Intanto il numero di avvelenamenti a New York è triplicato da quando il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha suggerito di usare iniezioni di disinfettante contro il coronavirus, come ha rivelato a NPR il portavoce del Dipartimento della Salute e Igiene mentale della città americana, Pedro Frisneda.

Trump: "Non mi sento responsabile per chi ha ingerito disinfettanti".

Articoli correlati

  • A rischio il trattato New START, l'unico che limita le armi nucleari di Russia e Stati Uniti
    Disarmo
    Trump e i suoi collaboratori lo hanno sempre considerato un pessimo accordo per gli USA

    A rischio il trattato New START, l'unico che limita le armi nucleari di Russia e Stati Uniti

    Stiamo giungendo alla stretta finale sul futuro del New START e con esso di tutta la politica di controllo degli armamenti. Le prospettive non appaiono rosee. In assenza di un nuovo accordo segnerebbela fine della cinquantennale politica del controllo degli armamenti
    29 settembre 2020 - Alessandro Pascolini
  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • ONU, giornata internazionale per la pace
    Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il costo delle armi nucleari
    Disarmo
    Un video di Pax Christi International

    Il costo delle armi nucleari

    Un confronto fra le spese mondiali per fronteggiare la pandemia del Covid-19 e le spese militari connesse alla supremazia nucleare.
    6 agosto 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)