MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
Essere indicizzati dai motori di ricerca non serve solo per aumentare le visite al proprio sito, ma può anche salvare la vita.

Google ti allunga la vita

Un giornalista australiano rapito è riuscito ad aver salva la vita perché dalla ricerca del suo nome su Google è saltato fuori il suo sito personale che dimostrava che non era un giornalista embedded.
Francesco Nigro francesco.nigro@ideaconsulting.org
Fonte: programmazione.it - 26 ottobre 2004

Non c'è che dire, Google entra veramente nella nostre vite, anche quando non ce lo aspettiamo.
John Martinkus è un giornalista freelance inviato in Iraq per svolgere il proprio lavoro: riportare informazioni e notizie; ma soprattutto Martinkus è ufficialmente la prima persona di nazionalità australiana ad essere stata rapita.
Il ministro degli esteri australiano Alexander Downer aveva dichiarato che il rapimento, avvenuto una decina di giorni fa, aveva preso luogo nei pericolosi dintorni della città, dove John si era avventurato ignorando gli avvertimenti. Al suo rilascio il giornalista, che ora pretende le scuse ufficiali del ministro per quella dichiarazione, ha voluto precisare che il rapimento è avvenuto invece in città, nei pressi dell'ambasciata australiana.

Dopo essere stato rapito John è stato trasportato altrove e durante il tragitto ha continuato a ripetere ai suoi rapitori, apparentemente semplici ribelli, che non era armato e non lavorava per gli americani, ma che era unicamente un giornalista freelance. Il lamento di John è stato così insistente, che qualcuno del gruppo si è connesso a Internet e ha cercato il suo nome su Google.

Per sua fortuna il motore di ricerca ha immediatamente mostrato tra i risultati il suo sito o quello del suo editore, confermando le sue parole. Il giornalista, immediatamente rilasciato, ha potuto quindi fare ritorno a casa.

Note:

Fonte: http://www.programmazione.it/front/index.php?entity=earticle&idArticle=29392

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)