MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena
  • Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli
    Il missionario richiama i pacifisti all'unità e all'azione

    Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli

    L'Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.), non può puntare sulle armi come pilastro del Sistema paese e armare paesi in guerra o che violano i diritti umani
    16 aprile 2017 - Alex Zanotelli
Essere indicizzati dai motori di ricerca non serve solo per aumentare le visite al proprio sito, ma può anche salvare la vita.

Google ti allunga la vita

Un giornalista australiano rapito è riuscito ad aver salva la vita perché dalla ricerca del suo nome su Google è saltato fuori il suo sito personale che dimostrava che non era un giornalista embedded.
Francesco Nigro francesco.nigro@ideaconsulting.org
Fonte: programmazione.it - 26 ottobre 2004

Non c'è che dire, Google entra veramente nella nostre vite, anche quando non ce lo aspettiamo.
John Martinkus è un giornalista freelance inviato in Iraq per svolgere il proprio lavoro: riportare informazioni e notizie; ma soprattutto Martinkus è ufficialmente la prima persona di nazionalità australiana ad essere stata rapita.
Il ministro degli esteri australiano Alexander Downer aveva dichiarato che il rapimento, avvenuto una decina di giorni fa, aveva preso luogo nei pericolosi dintorni della città, dove John si era avventurato ignorando gli avvertimenti. Al suo rilascio il giornalista, che ora pretende le scuse ufficiali del ministro per quella dichiarazione, ha voluto precisare che il rapimento è avvenuto invece in città, nei pressi dell'ambasciata australiana.

Dopo essere stato rapito John è stato trasportato altrove e durante il tragitto ha continuato a ripetere ai suoi rapitori, apparentemente semplici ribelli, che non era armato e non lavorava per gli americani, ma che era unicamente un giornalista freelance. Il lamento di John è stato così insistente, che qualcuno del gruppo si è connesso a Internet e ha cercato il suo nome su Google.

Per sua fortuna il motore di ricerca ha immediatamente mostrato tra i risultati il suo sito o quello del suo editore, confermando le sue parole. Il giornalista, immediatamente rilasciato, ha potuto quindi fare ritorno a casa.

Note:

Fonte: http://www.programmazione.it/front/index.php?entity=earticle&idArticle=29392

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)