L'IRAN E LA STAMPA

Chi ha paura degli spiriti liberi

Informazione, donne, giovani, giudici e elezioni di giugno
Hengameh Shahidi Parla la giornalista che ha raccontato agli iraniani la guerra in Iraq. «Le cose peggiorano, nessuno difende i giornalisti arrestati»
28 dicembre 2004
Marina Forti (Tehran)
Fonte: Il Manifesto

Il locale non è grande ma è luminoso e accogliente, gusto moderno, una grande vetrata rialzata sulla strada, manifesti di film e mostre alle pareti. Ai tavoli giovani donne e uomini parlano con animazione tra cappuccini, tè profumati, insalate e crepes. Incontro qui Hengameh Shahidi, presentata da amici come «l'unica giornalista iraniana che abbia coperto le guerre in Afghanistan e in Iraq». Lei è giovanissima, porta il chador ma lo tiene un po' indietro, una bella fascia turchese incornicia la fronte, trucco raffinato, abiti di semplice eleganza: difficile immaginare un chador tanto vezzoso. Ha lavorato un po' per la tv di stato, un po' per vari giornali. «Volevo andare in Iraq durante l'invasione - racconta - ma nessuno si è assunto la responsabilità né le spese. Tutti però dicevano "se mandi i pezzi li pubblichiamo". E così sono andata senza visto, per una via di contrabbandieri attraverso il Kurdistan e sono arrivata a Baghdad pochi giorni dopo la caduta». I reportage dalla guerra le sono valsi un premio e l'invito a diventare consigliera dell'organizzazione ufficiale per la gioventù (sarà per questo che porta il chador?). Faccio appena a tempo a chiedermi se sto parlando con una giornalista «nel sistema» quando lei dice che «la situazione sta peggiorando, per chi scrive». Lei stessa, spiega, ha smesso di tenere il web-log che aveva cominciato dopo l'esperienza in Afghanistan: «È un momento brutto, molti si autocensurano per evitare problemi. Quando i giornalisti finiscono in galera nessuno li difende. Molti ormai hanno lasciato la penna». È una scelta di disoccupazione, però. «C'è chi continua, per vivere. Li chiamiamo i "giornalisti d'agenzia": ti limiti a copiare le notizie ufficiali, così non corri rischi. Poi c'è chi è andato all'estero: li guardano come traditori, ma se avessero avuto spazio qui non sarebbero partiti». Le cose peggiorano, insiste: «Non era mai successo che arrestassero delle donne». Si riferisce alle due giornaliste internet arrestate in ottobre, insieme a una ventina di altri giornalisti e bloggers (una è stata rilasciata giorni fa). Del resto, non era mai successo che non un solo giornale esplicitamente riformista fosse in edicola. «Anche i giornalisti "d'agenzia" ormai sono in difficoltà. Potrebbero colpire chiunque». Se continua così, dice Hengameh Shahidi, «anche chi è a favore del sistema diventerà contro, passerà a un giornalismo clandestino. Ovunque la libera espressione viene repressa, l'opposizione diventa underground». Ecco la risposta al mio interrogativo: lei è tra le persone che in Iran si definiscono «dentro il sistema» nato dalla rivoluzione islamica, come del resto gran parte del movimento riformista, che ha cercato di cambiare i rapporti di potere «dall'interno»; ma è anche una delle tante persone che ha visto fallire le riforme, si chiede che fare.

«Faccio parte della Commissione per i diritti della donna, e neppure noi siamo riusciti ad avere spiegazioni sugli arresti. Non resta che chiedere alle istituzioni internazionali per i diritti umani. Se la pressione esterna può servire? Certo. L'Unione europea, Reporters sans frontieres... La pressione serve. Non contro il governo, che non c'entra con gli arresti: è il sistema giudiziario il problema».

Shahidi è convinta, come molti, che il fiato sul collo dei giornalisti sia legato alle elezioni presidenziali di giugno: «Se la prendono con i giovani perché temono il loro spirito libero. Reprimono attivisti, intellettuali, organizzazioni non governative. Si prepara un giro di vite più forte: i conservatori non vogliono che nel 2005 nasca un altro Khatami, un candidato scelto dai giovani».

Articoli correlati

  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Governo, guerre e informazione
    Sociale
    Anche quando il Parlamento non c'é, il lavoro non manca per

    Governo, guerre e informazione

    Mentre il Governo uscente sceglie quali sono gli impegni che non deve assolutamente mancare, l'informazione sceglie quello che conviene dire, o non dire
    2 marzo 2013 - Ernesto Celestini
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Ecologia
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • Un peccato di omissione
    Sociale
    Pur consapevoli di essere le vittime continuano a commettere

    Un peccato di omissione

    Sono tutti quei popoli che consentono a pochi potenti lestofanti di opprimerli con la mistificazione dell'informazione, con falsi legislativi, amministrativi e sociali
    21 luglio 2012 - Ernesto Celestini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)