Iran: Reporters sans frontières denuncia i maltrattamenti di cui sono vittime cybergiornalisti e webloggers

"Temiamo che a forza di brutalità, intimidazioni e censure le autorità arrivino a depurare il web da ogni contenuto critico. In un paese in cui negli ultimi anni fioriscono weblogs e siti d'informazione sarebbe una vera catastrofe per la libertà d'espressione".
6 gennaio 2005
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Reporters Sans Frontiéres (http://www.rsf.org)

Un rapporto del Comitato di Sorveglianza sulla Costituzione, istituzione in cui siedono conservatori e riformatori, ha confermato il 4 gennaio scorso che le confessioni pubbliche di Omid Memarian e Rozbeh Mir Ebrahimi, due giornalisti interrogati a novembre nell'ambito del "Dossier Internet", erano state ottenute tramite costrizione.

Reporters sans frontières denuncia i maltrattamenti di cui sono vittime cybergiornalisti e webloggers. "Temiamo che a forza di brutalità, intimidazioni e censure le autorità arrivino a depurare il web da ogni contenuto critico. In un paese in cui negli ultimi anni fioriscono weblogs e siti d'informazione sarebbe una vera catastrofe per la libertà d'espressione", ha dichiarato l'organizzazione. Ad inquietare particolarmente sono le minacce della polizia ad Omid Memarian, Rozbeh Mir Ebrahimi et Shahram Rafihzadeh, e i protrarsi della detenzione per il weblogger Mojtaba Saminejad e il giornalista online Javad Gholam Tamayomii.

Ali Abtahi, leader riforatore ed ex vicepresidente, ha dichiarato che "Il Comitato di Sorveglianza sulla Costituzione [di cui è membro] ha condotto un'inchiesta sui maltrattamenti subiti nelle prigioni dai giornalisti indagati nel "Dossier Internet". Abbiamo sentito direttamente i protagonisti, che denunciano le torture di cui sono stati vittime". Un rapporto su quest'inchiesta è stato inviato al Presidente Khatami, visto che il Comitato è solo un organo consultivo privo di potere giudiziario.

Ali Abtahi h scritto sul suo weblog (http://www.webneveshteha.com) che le testimonianze di Omid Memarian e Rozbeh Mir Ebrahimi "hanno fatto piangere i membri del Comitato".

da quanto risulta a RSF, i sette giornalisti incarcerati tra ottobre e dicembre 2004 sono stati picchiati, umiliati e a volte persion minacciati di stupro dai loro carcerieri. la maggior parte era accusata di crimini morali, ovvero di avere relazioni sessuali extramatrimoniali - pretesto di frequente usato in Iran per condannare i dissidenti politici.

Dopo la loro uscita di prigione sono stati convocati dalla polizia diverse volte a settimana e hanno ricevuto quotidianmente minacce telefoniche. Un poliziotto ha addirittura detto ad un giornalista di "stare attento alle macchine, perchè molti pedoni vengono investiti nel paese."

Nota: un riassunto della vicenda

Javad Gholam Tamayomi, Omid Memarian, Shahram Rafihzadeh, Hanif Mazroi, Rozbeh Mir Ebrahimi, Mahboubeh Abbasgholizadeh et Fereshteh Ghazi sono stati arrestati tra ottobre e dicembre 2004 nel quadro di un'ondata repressiva contro la stampa online. Tutti, meno Javad Gholam Tamayomi, sono stati rilasciati ad inizio dicembre.

In una lettera aperta, seguita da una conferenza stampa, il 14 dicembre 2004, Omid Memarian e Rozbeh Mir Ebrahimi avevano affermato di non aver subito nessun maltrattamento durante la detenzione. RSF aveva subito identificato tali dichiarazioni come "bidoni" indicando come esse fossero rilasciate sotto gravi pressione da parte delle autorità(vedi http://www.rsf.org/article.php3?id_article=12087).

Cinque webloggers erano stati incarcerati nello stesso periodo (http://www.rsf.org/article.php3?id_article=11976). Solo Mojtaba Saminejad, arrestato ad inizio novembre per aver denunciato sul suo blog (http://man-namanam.blogspot.com) l'arresto dei suoi colleghi, è tuttora detenuto.

Note: Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le
fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Due riconoscimenti importanti. Due donne. In Iran
    Pace
    Donna, Vita, Libertà

    Due riconoscimenti importanti. Due donne. In Iran

    Quasi in contemporanea, due riconoscimenti prestigiosi ma specchio di situazioni di repressione e di morte. Il Premio Sacharov a Jina Amini, Il Nobel per la Pace a Narges Mohammadi. Due donne accomunate in un destino comune di repressione e cancellazione dei diritti umani.
    12 dicembre 2023 - Roberto Del Bianco
  • Gaza senza vincitori e vinti ma con un impatto internazionale enorme
    Conflitti
    Intanto le autorità politiche dell'Iran approfittato del conflitto palestinese

    Gaza senza vincitori e vinti ma con un impatto internazionale enorme

    Le vicende tragiche di questi giorni rendono evidente che l’uso della forza, anche da parte di uno Stato fortemente militarizzato come Israele e dei suoi alleati, non potrà mai risolvere le tensioni e i problemi emersi
    18 novembre 2023 - Mohsen Hamzehian
  • Le loro voci non si placano
    Cultura
    Il documentario sulla prigionia girato da Narges Mohammadi

    Le loro voci non si placano

    Quest’anno l’attivista Narges Mohammadi è stata insignita del premio Nobel per la Pace. Il suo documentario «White Torture» è dedicato ai prigionieri politici iraniani
    23 ottobre 2023 - Julian Sadeghi
  • Jina Amini. Un anno dopo
    Pace
    Nello Stato teocratico dell'Iran la lingua curda è proibita: Mahsa è il suo nome imposto!

    Jina Amini. Un anno dopo

    Oggi ricordiamo Jina Amini, la madre di questa rivoluzione, ma ricordiamo anche tutte le altre donne e uomini che sono stati annientati o carcerati prima e dopo la morte di Jina Amini, tutte le donne che ancora oggi rischiano la loro vita per ottenere la libertà e la giustizia.
    16 settembre 2023 - Gulala Salih
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)