Il sito dell’agenzia stampa iraniana ISNA dichiarato «indesiderabile» dal suo host americano

Il 14 gennaio scorso l’agenzia stampa iraniana ISNA si è vista notificare dalla società americana The Planet una comunicazione di rescissione unilaterale del contratto per la fornitura dello spazio web. Reporters Sans Frontières teme che ci siano motivazione politiche dietro tale decisione, ed ha quindi scritto all’azienda per chiedere chiarimenti.
1 febbraio 2005
Fonte: Reporters Sans Frontières - http://www.rsf.org - 25 gennaio 2005

Un provider, spiega l'organizzazione, può interrompere il rapporto con un cliente solo in caso di manifesta violazione di una clausola contrattuale o di scadenza dei termini del contratto. Anche in caso di controversia l’impresa è tenuta a comunicare le motivazioni della propria decisione. Non rientra nelle competenze di un web host decidere se una pubblicazione online debba essere censurata, occorre un provvedimento giudiziario. Gli internauti iraniani sono già vittime di un’implacabile censura da parte del loro governo, quindi è ancora più importante che ottengano rispetto per la loro libertà d’espressione da soggetti di altri paesi.
L'ISNA è un’agenzia stampa ufficiale e un’importante fonte di informazioni per organizzazioni e media stranieri sugli arresti di giornalisti e dissidenti politici in Iran. Essa trasmette inoltre con regolarità, e senza citare le fonti, le comunicazioni da parte delle organizzazioni di difesa dei diritti umani.
Nell’e-mail che notificava all’ISNA la rescissione del contratto The Placet precisava che la sua decisione è irrevocabile e lasciava 48 ore all’agenzia stampa per trovare un altro host. Secondo il vice-direttore dell’ISNA, questa sarebbe “una chiara violazione del diritto internazionale”; Contattata via telefono da Reporters San Frontières, l’agenzia The Planet ha rifiutato qualsiasi commento.

Note: Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le
fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Due riconoscimenti importanti. Due donne. In Iran
    Pace
    Donna, Vita, Libertà

    Due riconoscimenti importanti. Due donne. In Iran

    Quasi in contemporanea, due riconoscimenti prestigiosi ma specchio di situazioni di repressione e di morte. Il Premio Sacharov a Jina Amini, Il Nobel per la Pace a Narges Mohammadi. Due donne accomunate in un destino comune di repressione e cancellazione dei diritti umani.
    12 dicembre 2023 - Roberto Del Bianco
  • Gaza senza vincitori e vinti ma con un impatto internazionale enorme
    Conflitti
    Intanto le autorità politiche dell'Iran approfittato del conflitto palestinese

    Gaza senza vincitori e vinti ma con un impatto internazionale enorme

    Le vicende tragiche di questi giorni rendono evidente che l’uso della forza, anche da parte di uno Stato fortemente militarizzato come Israele e dei suoi alleati, non potrà mai risolvere le tensioni e i problemi emersi
    18 novembre 2023 - Mohsen Hamzehian
  • Le loro voci non si placano
    Cultura
    Il documentario sulla prigionia girato da Narges Mohammadi

    Le loro voci non si placano

    Quest’anno l’attivista Narges Mohammadi è stata insignita del premio Nobel per la Pace. Il suo documentario «White Torture» è dedicato ai prigionieri politici iraniani
    23 ottobre 2023 - Julian Sadeghi
  • Jina Amini. Un anno dopo
    Pace
    Nello Stato teocratico dell'Iran la lingua curda è proibita: Mahsa è il suo nome imposto!

    Jina Amini. Un anno dopo

    Oggi ricordiamo Jina Amini, la madre di questa rivoluzione, ma ricordiamo anche tutte le altre donne e uomini che sono stati annientati o carcerati prima e dopo la morte di Jina Amini, tutte le donne che ancora oggi rischiano la loro vita per ottenere la libertà e la giustizia.
    16 settembre 2023 - Gulala Salih
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)