I nazisti lo rinchiusero in un campo di concentramento. Il 24 febbraio 1945 morì

Centenario della nascita di Josef Mayr-Nusser

Fu obiettore di coscienza e rifiutò di arruolarsi nelle SS.
24 febbraio 2010

Esattamente 65 anni fa moriva Josef Mayr-Nusser, obiettore di coscienza tedesco. Josef Mayr-Nusser

Josef Mayr-Nusser fu arruolato forzatamente nelle SS ma al momento di prestare il giuramento si rifiutò di pronunciarlo, per motivi di coscienza.

«Dunque lei non si sente un nazionalsocialista al cento per cento?» Josef rispose deciso: «No, non lo sono». Il comandante rimase calmo, chiese solo a Josef di porre per iscritto la dichiarazione che aveva appena rilasciato, cosa che Josef fece subito. Tutta la compagnia assistette come paralizzata. Josef morì il 24 febbraio 1945 nel campo di concentramento di Dachau.

Questo è il centenario della nascita di Josef Mayr-Nusser e occorrerebbe ricordarlo degnamente.

Note: Per saperne di più
http://www.societaaperta.it/maestri_nonviolenza/mair/vita.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Josef_Mayr-Nusser

Articoli correlati

  • La musa nazista dei comunisti cinesi
    Pace

    La musa nazista dei comunisti cinesi

    Un vecchio argomento usato da Hitler riportato in auge da molti intellettuali cinesi
    15 dicembre 2020 - Chang Che
  • Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista
    Pace
    Ricorda Calamandrei: basta guerre, distruzioni, viviamo in altri modi e mondi possibili

    Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista

    Dalla Seconda Guerra Mondiale, al processo di Norimberga, dai movimenti per la nonviolenza e il disarmo, fino a arrivare alle Università per la Pace
    12 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Il sapore di una speranza indistruttibile
    Storia della Pace
    Riflessioni sulla capacità di resistere al male

    Il sapore di una speranza indistruttibile

    Vale la pena leggere e rileggere lo scritto "La Madonna Sistina" di Vasilij Grossman, scrittore russo epico, corrispondente di guerra per il quotidiano dell'esercito Stella Rossa, testimone lucido della resistenza al nazismo e della repressione staliniana
    12 ottobre 2020 - Franca Sartoni
  • La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno
    Pace
    Si faccia finalmente spazio all'impegno sociale nonviolento e non armato

    La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno

    Ogni 4 novembre nel celebrare le Forze Armate e i caduti della Prima Guerra Mondiale poniamo l'accento sul lutto che ogni conflitto armato comporta. Dobbiamo in tutti i modi rafforzare la cultura non armata, i tempi sono maturi, ad esempio con la Campagna “Un’altra difesa è possibile”.
    6 ottobre 2020 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)