Il ruolo degli scienziati nella crescita della coscienza antinucleare

Peace is the answer

In questa pagina web trovate un filmato che ricostruisce la storia della bomba atomica: il Progetto Manhattan. Emergono i dubbi degli scienziati coinvolti nel progetto. Da quella esperienza sono nate le personalità e i movimenti che si sono opposti all'olocausto nucleare
21 febbraio 2019

Peace is the answer: la pace è la risposta

"Peace is the answer": la pace è la risposta.

Nel corso del Novecento gli scienziati che hanno dato un decisivo apporto alla pace sono molti. La bomba atomica ha costituito una svolta nella riflessione degli scienziati per la responsabilità sociale. 

Leò Szilárd è lo scienziato che è al centro di questo filmato.

Egli contattò Einstein segnalandogli il rischio che la Germania nazista potesse costruire la bomba atomica. 

Einstein segnalò la questione al presidente americano (in una famosa lettera) ma non volle lavorare alla costruzione della bomba atomica. Invece Szilárd partecipò al progetto.

Ma Szilárd divenne sempre più insofferente nei confronti dei militari.

Ebbe numerosi contrasti col generale Leslie Groves che era il direttore militare del Progetto Manhattan. Su di lui si concentravano sospetti, tanto che fu anche pedinato dall'esercito. Voleva infatti evitare l'uso della bomba atomica in guerra: la bomba atomica doveva essere un'arma da costruire ma non da usare. Szilárd fu uno dei pochi scienziati del progetto Manhattan che si oppose al lancio delle bombe nucleari su Hiroshima e Nagasaki. 

Nel filmato emerge la dimensione visionaria e tormentata di Szilárd, uno scienzato che seppe avere una forte coscienza morale e una grande consapevolezza del ruolo degli scienziati nel campo militare.

La consapevolezza di Szilárd è proseguita nel corso della storia. Le fitte del rimorso lo seguirono per tutta la vita e contagiarono altri scienziati.

Oggi gli Scienziati per la Responsabilità Globale (Scientists for Global Responsability) stanno diffondendo per il grande pubblico una serie di informazioni sulle armi nucleari.

Il recente riconoscimento del Nobel per la Pace alla campagna ICAN per la messa al bando delle armi nucleari è un importante riferimento per proseguire l'opposizione alle armi nucleari. "Peace is the answer".

Articoli correlati

  • Perché la base militare di Comiso diventa civile?
    Disarmo
    Intanto il governo ammoderna i bunker italiani per le atomiche Usa di nuova generazione

    Perché la base militare di Comiso diventa civile?

    La base di Comiso è stata consegnata agli enti locali. Non era più da tempo una base atomica e non serviva più ai militari. Il M5s parla di un gesto di grande valore simbolico "a favore della comunità". Ma non mette in agenda la messa al bando delle armi nucleari
    18 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    Disarmo
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • In Norvegia con speranza e partecipazione
    Pace

    In Norvegia con speranza e partecipazione

    30 novembre 2017 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)