Campagna scuole smilitarizzate

Lo scapigliato che ripudiava la guerra

Iginio Ugo Tarchetti fu un esponente della Scapigliatura. Da soldato partecipò alla repressione del brigantaggio meridionale, ma rimase scandalizzato dalla brutalità dell'esercito. Fece scalpore la denuncia della violenza militare nel suo libro "Una nobile follia", in cui elogiò la diserzione.
9 ottobre 2020

PeaceLink ha aderito alla campagna Scuole Smilitarizzate. Si allega a questa pagina web un materiale di facile uso didattico, già impaginato.

Consiglio vivamente, per chi partecipa alla campagna, di cominciare l’anno scolastico, per le quinte, con lo studio della Scapigliatura, in particolare è importante studiare Tarchetti.

Nel suo romanzo “Una nobile follia” espone tutto il suo ripudio per la guerra e la violenza degli eserciti dopo aver partecipato, da militare, alla repressione dei briganti nel Sud (lo scrittore aveva prestato servizio nell’Italia Meridionale,  prima a Foggia, a Lecce e poi a Taranto).

Si legge su Wikipedia: “Attraverso quell'esperienza arrivò a concepire questo libro, un libro che propugna l'idea dello smantellamento degli eserciti, esalta la diserzione e chiede a gran voce l'uguaglianza tra gli uomini di tutte le nazioni, idee che, al tempo di pubblicazione, erano considerate da gran parte dell'opinione pubblica, scandalose, immorali e sovversive”.

Nella prefazione della seconda edizione di "Una nobile follia", pubblicata nel 1869, si legge:

"Quattro o sei volumi, scritti come questo, o se vogliamo un po' meglio, ma immaginati e sentiti con altrettanta vivacità di pensieri e d'affetti, e soprattutto con altrettanto istinto del vero; quattro o sei di questi drammi della vita militare, diffusi nelle caserme e nel popolo, basterebbero a risvegliare la coscienza delle moltitudini per modo, che l'Italia sarebbe guarita in poco tempo da questo cancro che divora la vita, gli averi, e qualcosa di più prezioso, la libertà".

Bertolt Brecht, l'elmo dei vinti

Allegati

  • Iginio Ugo Tarchetti

    Alessandro Marescotti
    Fonte: PeaceLink
    9127 Kb - Formato pdf
    Materiale didattico per la campagna Scuole Smilitarizzate

Articoli correlati

  • Dieci canzoni contro la guerra
    Cultura
    Campagna Scuole Smilitarizzate

    Dieci canzoni contro la guerra

    Ci sono canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai movimenti che si sono opposti alla guerra e che hanno espresso con la forza della musica, per intere generazioni, il ripudio della guerra e del militarismo.
    11 ottobre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Promuovere la storia della pace per educare alla libertà
    Pace
    Campagna scuole smilitarizzate

    Promuovere la storia della pace per educare alla libertà

    Una delle cose che possiamo studiare nelle quinte classi è Iginio Ugo Tarchetti. Fu un esponente della Scapigliatura milanese che nel 1866 scrisse il primo romanzo italiano in cui si ripudia esplicitamente la guerra giungendo a parlare di diserzione. Rileggendo Tarchetti la scuola ripudia la guerra.
    10 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • "Torna la leva"
    Pace
    Proponiamo questo esperimento sociale scherzoso sul servizio militare

    "Torna la leva"

    Un video scherzoso di Fanpage da proporre per la campagna "Scuole smilitarizzate". Fa emergere lo spirito pacifista latente nell'opinione pubblica italiana
    9 ottobre 2020 - Redazione PeaceLink
  • PeaceLink aderisce alla campagna “Scuole smilitarizzate”
    Pace
    Pubblichiamo uno stralcio dell’appello

    PeaceLink aderisce alla campagna “Scuole smilitarizzate”

    La scuola è il luogo ove coltivare la pace e educare ad essa. La prevenzione dei conflitti, la loro trasformazione nonviolenta, l’implementazione dei diritti e il rispetto della vita umana in tutti i suoi aspetti, sono i mezzi per costruire una cultura di pace e di nonviolenza.
    3 ottobre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)