Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Prosegue il dibattito sull’ambiente avviato dal Procuratore, Franco Sebastio

"Lavoro, inquinamento, diritti, un equilibrio difficile"

12 luglio 2007
Fonte: corgiorno

Caro direttore,
. ho letto con molto interesse quanto, sul "nostro Corriere" veniva espresso dal dott. Sebastio, circa la produzione industriale ed il conseguente potenziale equilibrio da ricercarsi tra effetti positivi e negativi da questa derivanti. Non essendo però riuscito ad individuare interventi particolarmente attinenti alle specifiche domande proposteci dal Magistrato, mi permetto di tendere ad esporre quanto a me viene in mente. Certamente, esaminare la questione ecologica da un punto di vista economico mi affascina, poiché anche se a prima vista potrebbe forse sembrare strano, non va mai dimenticato che l’Economia è "una scienza elementare", che regola il comportamento di ciascuno nell’impiego dei mezzi disponibili per il soddisfacimento dei propri bisogni.

Secondo tale principio quindi, ogni nostra azione comporta delle conseguenze positive e negative. Positivo sarà nutrirsi, negativo sarà depauperare il proprio reddito del costo degli alimenti, od impegnare il proprio tempo e le proprie energie per cacciare o coltivare. Normalmente, nelle relazioni interpersonali, entrambe le parti in causa (ammesso che siano due), perseguono il raggiungimento di un equilibrio tra la ricchezza acquisita e quella impegnata, sebbene non sia poi tanto anormale, che ognuno tenda a far si che le conseguenze positive superino le negative nel naturale obbiettivo che i ricavi siano sempre maggiori dei costi.

Mio caro Direttore, ti chiedo scusa se forse mi sono troppo dilungato su uno di quelli che a mio avviso rappresenta uno dei principi base dell’economia, ma è su questa logica che mi sento invitato ad osservare la nostra attuale situazione ove, da una parte vi sono l’Ilva, la Cementir ecc., imprese industriali che perseguono il loro obbiettivo positivo tendente al massimo conseguimento dell’Utile di Esercizio, derivante dalla differenza tra ricavi e costi. Dall’altra vi è il territorio, su cui queste insistono e che subisce le conseguenze negative derivanti dall’inquinamento atmosferico, godendo nello stesso tempo dei vantaggi che il posto di lavoro offre, a livello provinciale non va dimenticato che solo una parte dei lavoratori industriali risiede nella città di Taranto) ad un numero significativo di persone.

Ora, se questi danni e questi benefici, fossero esaminati dal solo aspetto economico, vi sarebbe la seria possibilità di un apprezzamento puramente soggettivo, nel senso che ognuno potrebbe valutare il teorico equilibrio tra "lucro cessante" e "danno emergente" secondo la logica dettata dalle proprie necessità e convenienze. Vi è quindi l’impresa (come "parte"), che per ridurre l’inquinamento atmosferico dovrebbe affrontare un impegno finanziario determinato dalla necessaria regolamentazione della marcia e/o qualità dei suoi impianti. Chiaramente per questo, dovrebbe sopportare un "danno emergente" tendente solo al più o meno totale bilanciamento degli effetti negativi provocati su tutto l’ambiente. In opposizione vi sono i lavoratori(la "controparte") che in merito non farebbero altro che moderne "economicamente" in maniera gratuita.. Quale interesse dovrebbe quindi spingere "la parte" a questo tipo di impegno? Praticamente nessuno, se non il vincolo dettato dal rispetto di accordi stipulati con la "controparte"(accordi seri però) e delle regole fissate dalla Legge.

Ma allora, caro Direttore, chi potrà mai controllare questo operato ed esercitare, se necessario, anche una forma di costrizione? La "controparte", che in merito potrebbe porre in atto le sue riconosciute forme di lotta. Ma pensi che questo sarebbe sufficiente? Io credo di no; e allora? Allora, rispondendo al dott. Sebastio, io sono convinto che la Sua domanda lasci il tempo che trova e che la Magistratura sia l’unico "potere istituzionale" in grado di costringere, ove necessario, al rispetto delle regole. E quindi? Quindi a Lei, mio caro Magistrato, che sul problema ecoambientale si impegna con serietà e correttezza da più di 25 anni, i miei sinceri auguri di buon lavoro!

Dott. Michele Lazzaro
Taranto

Allegati

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)