Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Dopo i dati resi noti dall’Arpa emerge con maggiore forza la necessità di rivedere la legge in vigore in Italia.

Diossina: Il comune chiede una legge più severa

Nel documento l’esecutivo intende sollecitare la Regione Puglia ed il governo a modificare il sistema legislativo nazionale in materia di emissioni di diossina
19 settembre 2007
Michele Tursi
Fonte: corgiorno

Taranto vista dal mare Era il dieci agosto al villaggio Fata Morgana, quando l’assessore comunale all’Ambiente Bruno Pastore, intervenendo ad un dibattito di TarantoViva e sollecitato dal nostro collega Michele Tursi, annunciò pubblicamente che il Comune avrebbe chiesto alla Regione Puglia di rivedere i limiti di emissione di diossina. A poco più di un mese, quell’impegno sta per diventare realtà. L’altro ieri l’Arpa ha reso pubblica la relazione sulla campagna di monitoraggio effettuata dal 12 al 16 giugno sull’impianto di agglomerazione dell’Ilva. E proprio l’altro ieri la giunta comunale avrebbe dovuto esaminare ed approvare l’atto di indirizzo con cui si chiede ai governi regionale e nazionale di adottare un sistema legislativo simile a quello già in vigore in Friuli Venezia Giulia.

Il prolungarsi della discussione sui dipendenti comunali, ha impedito che l’argomento (iscritto all’ordine del giorno) fosse affrontato. Se ne discuterà nella giunta in programma oggi e probabilmente nella prossima seduta del Consiglio comunale che dovrebbe tenersi l’1 ottobre. Nel documento l’esecutivo intende sollecitare la Regione Puglia ed il governo a modificare il sistema legislativo nazionale in materia di emissioni di diossina, adottando un parametro più restrittivo di quello attualmente in vigore sul modello delle normative europee recepite dalla legge regionale adottata in Friuli per l’impianto di sinterizzazione di Servola.

----------------------------------------------------
E basta con sta’ diossina!
----------------------------------------------------

Sindaci, assessori, onorevoli, consiglieri, presidenti e affini, se ci siete battete un colpo. E che sia bello forte, tale da poterlo sentire anche a distanza e nel cuore della notte quando i gorgheggi del mostro d’acciaio accompagnano il sonno dei tarantini. Migliaia di soldatini si affannano a fondere metalli per far funzionare il mostro. Eccome se funziona! A modo suo.
L’Arpa lo ha scritto in maniera chiara: durante i controlli effettuati a giugno i livelli di polveri in atmosfera sono diminuiti.

Ma che si sono messi in testa quei malfidati dell’Arpa al soldo del sornione Assennato? Cosa vogliono la rovina della città? Non solo si sono arrampicati a 53 metri sul ciclopico camino E 312 e con sonde al titanio hanno pescato polveri, pcb e diossine in quantità... industriali, hanno pure l’ardire di fare proposte e dare consigli! E no, ma come si permettono. A Taranto poi. Con tutti i problemi che abbiamo. Col dissesto, con la tarsu raddoppiata, con le salme in attesa di degna sepoltura, con Stefàno e Carrozzo come Totò e Peppino (solo che quelli facevano ridere), con il dibattito sul partito democratico, con il Taranto con le divise nuove, con mia moglie che non sa cosa prepararmi per cena... l’ambiente è proprio l’ultima cosa!

E invece, niente. Non hanno altro da fare all’Arpa? Eppure di problemi ce ne sono in Puglia: i danni dell’eolico, le controindicazioni del solare, i segreti dell’agricoltura biologica! Su cosa va a fissarsi Assennato con la pattuglia dell’Inca (che non è il patronato della Cgil), nientemeno che sulla diossina, quella sostanza che se non fosse stato per lo stabilimento Icmesa vicino Seveso, nessuno saprebbe cos’è.

Cos’hanno escogitato questi dell’Arpa? Visto che nonostante i controlli tutto è risultato nella norma, si sono messi in testa che la norma è da cambiare. Incredibile! Meno male che Stefàno, Florido, Vendola, Losappio insieme a tutti i consiglieri regionali ed ai parlamentari eletti a Taranto ed al ministro Pecoraro Scanio, c’hanno altro a cui pensare... sennò finiva come in Friuli Venezia Giulia che appena vedono un filo di diossina... apriti cielo!

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)