Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Su diossina e Pm10 a volte si fa confusione

Qualità dell’aria: Meno centraline, più personale

Inquinamento e controlli della qualità dell’aria. Su questo argomento interviene Maria Spartera, responsabile del settore formazione e informazione di Arpa Puglia.
30 settembre 2007
Maria Spartera
Fonte: Corriere del Giorno

Area industriale di Taranto “Sempre più spesso, fin da quando Arpa Puglia ha iniziato la campagna di controlli sulle diossine emesse dal camino dell’impianto di agglomerazione dello stabilimento Ilva, mi sento porre ogni sorta di domande da parte di amici e conoscenti. Fra i vari quesiti, il più comune e ricorrente è quello sulle centraline (chiamate anche colonnine, stazioni di misura, sistemi di monitoraggio) di rilevazione della qualità dell’aria del Comune di Taranto, e sul perché queste non vengono riattivate.

Ciò mi ha fatto, quindi, rendere conto che, nonostante i numerosi articoli dedicati a questo argomento dai vari organi di stampa, ed escluso un ristretto gruppo di “esperti”, la maggior parte dei cittadini non ha idee chiare sullo stato dei controlli che, attualmente, vengono effettuati sull’aria, e su quelli che si possono – o si potrebbero – effettuare. Per prima cosa è bene chiarire che, anche se le centraline del Comune di Taranto non funzionano, a Taranto sono invece perfettamente funzionanti le stazioni di misurazione facenti parte della Rete Regionale di rilevazione della Qualità dell’Aria (RRQA) gestita dall’Arpa, che comprende 9 centraline all’interno del territorio comunale di Taranto e tre in provincia (Grottaglie, Mandria e Martina Franca), queste ultime appartenenti alla Provincia, ma facenti capo sempre ad Arpa Puglia.

I dati quotidiani e validati delle centraline dell’Arpa sono attualmente disponibili sul sito della stessa Agenzia (www.arpa.puglia.it) insieme con i report mensili, che espongono lo stato della qualità dell’aria a Taranto (non buona) e i superamenti dei limiti (frequenti). D’altra parte, nel mese di marzo di quest’anno, in seguito ad una riunione avvenuta in Prefettura proprio sul problema della riattivazione delle centraline di proprietà del Comune, l’Arpa ha presentato una proposta di riorganizzazione e razionalizzazione delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria presenti in città.

Bisogna sapere infatti che, nella rete di 25 centraline attualmente presenti nel territorio del comune (di cui, come detto, solo le 9 di Arpa funzionano), sono presenti ridondanze (centraline disposte a pochissima distanza l’una dall’altra), incongruenze normative (postazioni di misura troppo vicine a strade, incroci, stazioni di distribuzione di carburanti) o stazioni di monitoraggio che misurano solo alcuni dei parametri previsti dalla normativa in materia.

Bisogna, quindi, razionalizzare la rete sia per razionalizzarne la spesa, perché ogni centralina costa mediamente dai 15.000 ai 20.000 euro l’anno di manutenzione – si tenga presente, per avere un riferimento, che il numero di centraline presenti nell’intera provincia di Milano, in base ai requisiti di legge, è di 24 stazioni; sia perché è più utile migliorare la qualità della rete di rilevazione, ampliando i parametri monitorati e conseguentemente il livello di conoscenza dello stato dell’aria, che aumentare indiscriminatamente il numero delle centraline.

È ovvio che per realizzare il suddetto piano è necessario l’assenso fra tutti gli enti interessati, ed un primo passo è stato già compiuto con la recente convenzione firmato fra Arpa Puglia e Amministrazione Provinciale di Taranto. Un altro fatto che va tenuto presente è che le centraline possono rilevare solo alcuni inquinanti, come le polveri (e il famoso “PM10”), gli ossidi di azoto, l’ozono, gli ossidi di zolfo, per i quali sono stati messi a punto monitor in continuo, cioè strumenti in grado di fornire, attimo per attimo e “automaticamente”, la concentrazione istantanea di tale parametro nell’aria.

Altri inquinanti, come le diossine, non possono essere misurati dalle centraline perché per essi sono necessari campionamenti di lunga durata, ed analisi molto complesse, svolte in laboratori specializzati e appositamente attrezzati. Bisogna spiegare, forse, che i campionamenti cosiddetti “in continuo” delle diossine, di cui qualcuno può aver sentito parlare (si annoverano, fra l’altro, tra le proposte fatte da Arpa nella sua relazione tecnica sui risultati dei campionamenti di diossine in Ilva) sono prelievi effettuati con campionatori automatici, quindi programmabili (anche “in remoto” e per un tempo anche di vari giorni) ma che poi, comunque, richiedono le stesse complesse e raffinate analisi di laboratorio.

Il nocciolo della faccenda è, quindi, che questi controlli richiedono risorse umane proporzionali al numero di controlli che si intendono effettuare, e sono questi gli investimenti necessari, più che quelli rivolti ad aumentare il numero delle centraline funzionanti. Discorso analogo vale per gli Idrocarburi Policiclici Aromatici, o IPA, quegli inquinanti prodotti dalle cokerie Ilva e che hanno la inquietante proprietà di essere cancerogeni dimostrati per l’uomo; anche se per tale parametro esistono, effettivamente, dei monitor “automatici” questi forniscono un dato parziale e non conforme alla normativa, mentre un dato analitico valido richiede un’analisi gas-cromatografica effettuata dopo campionamento dell’aria ad alto flusso.

Discorso analogo vale per i metalli “pesanti”, ovvero arsenico, nichel, cadmio e mercurio, per i quali, insieme agli Ipa, il recente Decreto 152/2007 impone il campionamento giornaliero, e le conseguenti analisi: dove stanno i laboratori finalizzati a tali determinazioni, e dove sono le unità di personale “dedicate” a tali attività?

È necessario, quindi, che la cittadinanza intera prema sugli Enti e, specialmente, sulla Regione Puglia, affinché l’Arpa di Taranto venga potenziata, in modo tale da essere in grado di effettuare tutti i controlli previsti e necessari, oltre che per ottenere l’adeguamento dei limiti delle emissioni per le diossine per lo stabilimento Ilva a quelli previsti dalla decisione dell’Unione Europea e ripresi dalla regione Friuli”.

Maria Spartera

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)