Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Dopo le parole del presidente della Repubblica che agli studenti ha parlato della vicenda Taranto

Taranto: Sì alla fabbrica ma tutelando la vita

La città ha pagato un alto prezzo all’industrializzazione, ora può fare scuola sull’eco-compatibilità? Amministratori locali, ambientalisti e uomini di
chiesa condividono quanto detto l’altro ieri dal capo dello Stato
14 ottobre 2007
Pamela Giuffré
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

ILVA di Taranto Se è vero che il caso Taranto evidenzia i problemi causati da una industrializzazione che quando fu programmata, 50 anni fa, non tenne conto delle compatibilità ambientali, è anche vero che ancora oggi si può ancora rimediare agli errori. Ne sono convinti politici, ambientalisti, sindacalisti, rappresentanti di associazioni e uomini di Chiesa all’indomani delle dichiarazioni del presidente della Repubblica.

L’altroieri, infatti, Giorgio Napolitano, partecipando alla premiazione del concorso ambientalista «Immagini della terra», ha parlato dell’acciaieria di Taranto ai bambini delle elementari che gli chiedevano come fosse cambiata negli anni la coscienza ambientalista. Il presidente ha fatto l’esempio di Taranto, dove negli anni '60 il problema del lavoro è sembrato prioritario rispetto alla tutela della salute e dell’am biente. Ma - ha detto Napolitano - bisognava passare da quell'esperienza per capirlo.

«Tante cose sono cambiate rispetto ad allora - dice l’assessore comunale all’Ambiente, Bruno Pastore - e oggi la politica si scontra e confronta con il rispetto dell’ambiente». Le dichiarazioni di Napolitano aprono però una riflessione più ampia: «Potremmo sfruttare meglio l’innovazione tecnologica, tutelando natura e salute senza rinunciare al progresso. La produzione industriale va mantenuta, ma gli stabilimenti devono migliorare l’eco-sostenibilità e l’ecocompatibilità degli impianti».

Pastore dice che «dell’inquinamento siamo tutti vittime e carnefici. In auto o a casa, accendendo i riscaldamenti,danneggiamo l’ambiente. In questo contesto, è inammissibile pensare all’ampliamento delle industrie o alla creazione di nuovi impianti».

Contrari al raddoppio della raffineria Eni e al rigassificatore anche Lunetta Franco e Leo Corvace, rispettivamente coordinatori del circolo di Taranto e provinciale di Legambiente. «Non è più il momento - dice Corvace - di pensare agli errori commessi ma di rimediarli. Taranto va dotata di un piano di risanamento ambientale, non del raddoppio dell’Eni o del rigassificatore. Ci auguriamo perciò un intervento più diretto del presidente della Repubblica affinché la città diventi davvero un caso di carattere nazionale e si accelerino le procedure per il rilascio dell’Aia, l’Autorizzazione integrata ambientale, all’Ilva».

«In effetti - ammette Franco - l’Ilva è nata per risolvere il problema dell’occupazione ma ad un prezzo troppo caro. Oggi, però, esiste un compromesso per non perdere i posti di lavoro e preservare la salute e l’ambiente: applicare strumenti e leggi per ridurre l’inquinamento».

Un appello all’ecocompatibilità viene anche da Giuseppe Lazzaro, segretario della Fim-Cisl: «Taranto ha insegnato la lezione delle conseguenze dell’eccessiva industrializzazione e speriamo che adesso possa fare scuola sull'ecocompatibilità. E’ l'ora dei fatti. Governo e Regione si impegnino per la città, Comune e Provincia vigilino sul rispetto delle leggi a tutela dell’ambiente da parte delle industrie».

Chi respira ogni giorno l’aria inquinata dei Tamburi come don Nino Borsci, parroco di San Francesco de Geronimo, ed Egidio Di Todaro, presidente della circoscrizione, dichiara: «Le parole di Napolitano sono vere e giuste, adesso bisogna ricompensare il quartiere del danno subito e subisce». «E' urgente - rileva il parroco - sfruttare al meglio i progetti a favore dei Tamburi e nello specifico i 49milioni di euro per il risanamento, il trasferimento del mercato ortofrutticolo e l’abbattimento delle case-parcheggio per far spazio a nuovo verde che possa attutire i colpi dell’inquinamento». «Le industrie - dice Di Todaro - devono necessariamente esistere ma non si possono dimenticare le leggi sull’ambiente. Le aziende, soprattutto, dovrebbero intervenire in favore del territorio sul quale operano, ripagandolo in qualche maniera dei guasti causati».

Per Giuseppe Merico, presidente di «Bambini contro l’inquinamento», «sono stati i ragazzi a far scaturire le dichiarazioni di Napolitano. Loro hanno una sensibilità diversa da quella degli adulti e vogliono vederci chiaro. Stimolarli oggi verso l’ambiente servirà a migliorare la società domani. Ai nostri tempi
non ci ha pensato nessuno».

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa
    Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)