Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

De Gregorio annuncia il ripristino degli sgravi sulla Tarsu

Taranto: differenziata col contagocce

La Puglia e la provincia di Taranto, si accingono a fare la loro parte per fronteggiare l’emergenza rifiuti di Napoli. A Taranto appena il 5% dei rifiuti non finisce in discarica. Un piano dell’Amiu per arrivare al 15% entro la fine dell’anno.
11 gennaio 2008
Michele Tursi
Fonte: Corriere del Giorno

- La Puglia e la provincia di Taranto, si accingono a fare la loro parte per fronteggiare l’emergenza rifiuti di Napoli. Sembra paradossale che una realtà già fortemente provata sul piano ambientale debba correre in soccorso di altri.

Eppure è così. Napoli e la Campania pagano a caro prezzo la mancata attuazione di politiche di raccolta differenziata, di conferimento in impianti di compostaggio e termovalorizzazione che ridurrebbero drasticamente la quantità di rifiuti che finisce in discarica e su cui lucrano lautamente le ecomafie.

Ma se Napoli e tante altre realtà del Meridione piangono, certamente Taranto non ride. Nell’anno appena trascorso la raccolta differenziata ha raggiunto appena il 5%. In cifre, su 110 mila tonnellate di rifiuti solidi urbani prodotti nel 2007, solo 5.500 non sono state smaltite in discarica (per il dettaglio vedi tabella in questa stessa pagina). Le note difficoltà legate al dissesto del Comune, gli avvicendamenti del management Amiu ed i problemi di bilancio non hanno agevolato l’adozione di politiche adeguate.

Il peso di tutta questa inefficienza è stato scaricato sui cittadini che hanno visto aumentare vertiginosamente l’importo della tarsu. Il 2008, però, potrebbe sancire un’inversione di tendenza. Il nuovo consiglio di amministrazione dell’Amiu punta molto sulla differenziata. E qualche timido segnale già si intravede. “A dicembre - dice nello De Gregorio, vicepresidente dell’Amiu - abbiamo raccolto 230 tonnellate di differenziata a fronte delle 210 di novembre. Siamo ancora a percentuali risibili soprattutto di fronte a leggi che ci obbligano a raggiungere il 50%, ma stiamo lavorando per arrivare alla fine dell’anno almeno al 15%”.

Il programma dell’Amiu si articola lungo una serie di interventi. Due quelli a breve termine. Il primo riguarda la raccolta di carta e cartone dagli esercizi commerciali, l’altro la riduzione della Tarsu per quanti effettuano la raccolta differenziata nelle isole ecologiche. “Martedì prossimo - spiega De Gregorio - avremo il primo incontro con una delle associazioni dei commercianti per concordare le modalità di raccolta. Agli esercenti chiediamo di non depositare carta e cartoni nei cassonetti ma di ripiegarli posizionandoli in prossimità dei negozi o vicino ai cassonetti. Ipotizziamo un servizio che si svolga due volte al giorno: alle 14 e dopo le 21. Con i soldi messi a disposizione dalla Osl, ora sono disponibili due autocompattatori e tre mezzi di piccole dimensioni.

Per quanto riguarda gli sgravi sulla Tarsu, contiamo di introdurre nuovamente questa agevolazione a partire già dal prossimo anno. In tal senso, nei prossimi giorni, spediremo alcune migliaia di lettere ai cittadini che già negli anni scorsi hanno conferito presso le isole ecologiche sollecitando la loro collaborazione, ma ovviamente l’invito è esteso a tutti”.

A medio e lungo termine è la sperimentazione della raccolta differenziata porta a porta che sarà avviata per sei mesi al quartiere Paolo VI e che sarà finanziato dalla Regione con una parte dei fondi (sei milioni di euro) destinati all’Ambito territoriale ottimale 1. Secondo Roberto De Giorgi, responsabile del settore ambiente di Agorà “con l’aumento della differenziata e l’avvio dell’impianto di compostaggio Taranto può raggiungere buone percentuali, ma occorre promuovere serie politiche in tal senso”.

Una sollecitazione in favore della differenziata è giunta anche dalle organizzazioni sindacali. Lo conferma Elisa Lattanzi della Fp Cgil. “Abbiamo chiesto al nuovo cda dell’Amiu un forte impegno in tal senso. Abbiamo ricevuto grande disponibilità, ora si tratta di attendere i risultati”.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)