Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Oggi super vertice in Regione: la posizione di Florido

Fa registrare un notevole balzo in avanti l’iter per la sottoscrizione di un nuovo accordo di programma sull’ambiente. Per oggi, infatti, Vendola, ha convocato a Bari le quattro principale aziende dell’area industriale: Ilva, Eni, Cementir, Edison.
8 aprile 2008

Nichi Vendola Al super vertice prenderanno parte anche Comune, Provincia e Ministero per l’Ambiente.

Nei giorni scorsi, all’indomani della marcia dei bambini contro l’inquinamento, il governatore aveva inviato una lettera alle quattro aziende informandole dell’intenzione di aprire un nuovo tavolo per giungere ad un accordo organico in materia ambientale.


Un accordo di programma, come ha poi specificato Vendola nel suo comizio di qualche giorno fa in Piazza della Vittoria, che abbia come obiettivo quello della drastica riduzione delle emozioni inquinanti nell’arco di un anno, partendo da una valutazione complessiva delle emissioni.

Vendola ha assunto un impegno preciso con l’associazione dei bambini guidata dal pediatra Giuseppe Merico: abbattere le emissioni di diossina entro un anno.

Il presidente della Regione ha persino indicato una data: 21 marzo 2009, data coincidente con l’inizio della primavera. «Quel giorno — ha promesso il governatore ai bambini — brinderemo insieme con un bicchiere di latte alla riduzione dell’inquinamento. Oppure faremo le barricate nella zona industriale».

Su questo argomento interviene il presidente Gianni Florido, esprimendo la posizione della Provincia di Taranto. “Il tema in discussione è particolarmente importante anche per le grandi sollecitazioni provenienti dalla comunità ionica e dalle istituzioni sempre più sensibili e orientate a chiedere un progetto concreto ed esigibile di ‘sostenibilità ambientale’. Noi riteniamo che il punto di partenza per affrontare la questione sia il DPR n.196 del 1998 riguardante “l’approvazione del piano di disinquinamento per il risanamento del territorio della Provincia di Taranto”. Si tratta del primo approccio programmatico tendente ad azioni che potremmo definire “riparatorie” delle problematiche ambientali di Taranto.

Questo decreto, in una visione integrata e sistematica della gestione socio-economico e sanitaria del nostro territorio, ha previsto, tra l’altro, l’esecuzione di azioni e buone pratiche tese al miglioramento di tutte le matrici ambientali: aria, acqua e suolo, prevedendo anche la dotazione di un sistema di monitoraggio specifico denominato Simage, di uno screening della popolazione, nonché l’attivazione di un osservatorio epidemiologico per il monitoraggio delle patologie tumorali. Oggi il decreto legislativo 59 del 2005 (Autorizzazione Integrata Ambientale) e il testo unico delle norme ambientali (decreto legislativo 152 del 2006), hanno dato nuovo impulso programmatorio e prescrittivo a tutte le autorità pubbliche, che non possono non tener conto nelle loro azioni del percorso e degli aspetti evidenziati dal DPR 196/98, superando così numerosi rinvii e modifiche. Gli enti pubblici coinvolti nei vari livelli, quindi, oggi sono posti nelle condizioni di poter contribuire ed indicare, nell’ambito delle procedure normative, prescrizioni utili al miglioramento dei cicli produttivi, come elementi necessari anche per consentire il superamento di ogni forma di allarmismo ambientale e sanitario, attraverso una valutazione oggettiva non già del singolo impianto o della singola realtà produttiva (Ilva, Eni, Edison, Cementir, ecc) ma attraverso una valutazione dell’impatto complessivo del sito industriale tarantino.

Tutto questo attraverso l’introduzione delle migliori tecnologie (B.A.T.), ma anche con possibili interventi modificativi dei singoli processi produttivi rivolti all’efficienza energetica, alla gestione e riduzione dei rifiuti. L’ulteriore strumento dell’Accordo di programma, previsto dal comma 20 dell’articolo 5 del decreto legislativo 59/2005 e promosso dal ministero dell’Ambiente per il rilascio delle Autorizzazioni Integrate Ambientali (A.I.A.) agli stabilimenti produttivi presenti nel sito industriale di Taranto, è da considerarsi utile e necessario a dare contributi coordinati e propulsivi tra soggetti pubblici e privati. L’obiettivo è di dare garanzie di accettabilità e salubrità ambientale sostenendo al contempo il sistema economico e fornendo risposte utili al superamento di un dibattito, esistente nella nostra realtà, tra chi ritiene inconciliabile le produzioni industriali, l’ambiente e l’occupazione. Per favorire questo percorso, a nostro avviso è auspicabile e necessario che il sistema produttivo condivida lo spirito dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, e si renda disponibile a nuove politiche economiche orientate alla promozione di cicli produttivi innovativi, non solo attraverso l’impiego delle migliori tecnologie, ma anche con la più efficace gestione dei processi industriali. Parteciperemo dunque con grande interesse al tavolo tecnico ministeriale previsto per domani, 8 aprile, offrendo il nostro contributo che sinteticamente possiamo così riassumere.

Primo: verifica del quadro ambientale e produttivo, sulla base del DPR 196/98, che analizzi i benefici delle azioni prescrittive attuate dai soggetti privati.

Secondo: è necessario che la fondamentale valutazione conoscitiva ambientale di area tenga conto, rispetto al DPR 196/98, delle ulteriori evoluzioni produttive ed impiantistiche del contesto già attuate (Ilva: aumento produttivo da 7 a 10 milioni di tonnellate-anno; Eni: aumento produttivo dal 3,9 a 6 milioni di tonnellate-anno, nonché i termovalorizzatori del comune di Taranto e di Massafra).

Terzo: analizzare gli effetti delle autorizzazioni A.I.A. sulle nuove ed ulteriori richieste di futuri insediamenti produttivi già avanzate, tra cui il raddoppio della raffineria Eni, la centrale elettrica Eni Power e la centrale elettrica Ilva.

Quarto: avanzeremo la proposta che il monitoraggio dei singoli insediamenti produttivi previsto dalla norma a carico delle stesse imprese autorizzate (art. 7 comma 6 del d.lgs 59/2005), per la ovvia caratteristica del sito industriale di Taranto che comporta inevitabilmente reciproche interferenze, sia superata dalla obiettiva esigenza di realizzare un monitoraggio unitario, attraverso la disponibilità e la gestione consortile delle imprese coinvolte.

Quinto: occorre prevedere studi sistematici con indagini appropriate e conoscitive di area, per le quali la Provincia di Taranto ha già dato un proprio apporto promuovendo contributi per nuove dotazioni strumentali di Arpa Puglia”.

Gianni Florido
Presidente della Provincia di Taranto

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)