Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

E la città sta col governatore, giusto il pressing su Riva

Il comitato Taranto Futura pronto a un altro ricorso. Florido: meglio l´accordo. Il freno della Uil: un intervento legislativo sconfesserebbe le scelte del passato.
28 ottobre 2008
Mario Diliberto
Fonte: Repubblica

Nichi Vendola
TARANTO - "La strada da percorrere è quella di stipulare accordi per migliorare l´impatto ambientale della grande industria e pretenderne il rispetto". Gianni Florido non sposta di un centimetro la posizione della Provincia di Taranto nel rapporto con le fabbriche che incombono sul capoluogo ionico.

Quelle ciminiere e le polveri rovesciate a pioggia sulla città stanno infiammando Taranto per le conseguenze sulla salute dei tarantini.

Un quadro da incubo in cui ha fatto irruzione la proposta del presidente Nichi Vendola di ricorrere ad una legge regionale per imporre all´Ilva la riduzione delle emissioni di diossine. Sull´iniziativa Florido sceglie di glissare attendendo di conoscere i dettagli della proposta. Ribadisce, però, i risultati centrati sino ad ora. "Grazie agli atti di intesa - continua - abbiamo imposto drastici abbattimenti delle emissioni. E´ chiaro che non basta e bisogna accelerare. Le risposte non stanno mancando anche se siamo lontani dal sentirci soddisfatti".

"Taranto deve cominciare a lavorare per uno sviluppo alternativo alla fabbrica" - dice il sindaco Ippazio Stefàno. "Le parole di Vendola - aggiunge - vanno interpretate come un pressing sull´Ilva perché lavori con maggior impegno per l´ambiente". In questo senso, proprio nei giorni scorsi, la direzione del siderurgico ha inviato al Governo e agli enti locali una lettera con la quale chiede le autorizzazioni per realizzare l´impianto Urea. Si tratta di una tecnologia costosissima che consente sensibili limitazioni alle emissioni di diossine. In passato l´Ilva aveva sempre parlato del 2011 come l´anno in cui varare l´impianto. Oggi, però, sembra possibile accorciare i tempi.

"La disponibilità dell´azienda indica che qualcosa sta cambiando" - dice Rocco Palombella, segretario provinciale della Uilm. "Questo passo dell´Ilva spinge tutti a una riflessione soprattutto gli enti locali che sono chiamati a rilasciare le autorizzazioni per gli impianti che grazie alle migliori tecnologie riducono l´impatto ambientale del siderurgico.

Ilva Taranto, Villari (Pd): ''Il Governo risponda sul cambio dei tecnici''
Roma - "Il governo dia risposte inequivocabili sulle motivazioni che hanno portato alla grave sostituzione dei tecnici che dovevano esprimere le loro valutazioni sulle emissioni inquinanti dell'Ilva di Taranto". Lo chiede il senatore del Pd, Riccardo Villari, annunciando una interrogazione parlamentare al ministro dell'Ambiente.

Secondo una ricerca dell'Ines, spiega Villari, "a causa delle emissioni dell'Ilva ognuno dei cittadini di Taranto e' costretto a respirare qualcosa come 2,7 tonnellate di ossido di carbonio all'anno, ed un bambino di soli 13 anni si e' ammalato di tumore ai polmoni a causa della diossina".

Per questo "chiediamo al ministro- conclude l'esponente del Pd- perche' sia stata ordinata la sostituzione dei tecnici che dovevano decidere se concedere o meno all'Ilva l'autorizzazione integrata ambientale fondamentale per proseguire l'attivita" e se questa decisione "avra' conseguenze sulle politiche ambientali dello stabilimento siderurgico".
Fonte: Redattore Sociale

Per quanto riguarda l´ipotesi di un intervento legislativo di Vendola - aggiunge - mi sembra che battere questa strada sconfesserebbe le scelte del passato. Se si ritiene che sia necessario - conclude Palombella - ben venga ugualmente perché la salute dei lavoratori e dei cittadini merita rispetto".

Resta arroccato sulla lotta senza quartiere Nicola Russo, il giudice di pace che guida l´associazione Taranto Futura. E´ stato lui a imporre il referendum per la chiusura dell´Ilva grazie ad un ricorso al Tar. Ora si appresta a giocare un´altra carta. "Diffideremo il sindaco - rivela - perché chiuda l´area a caldo dello stabilimento siderurgico. L´urgenza deriva dagli ultimi spaventosi dati sull´inquinamento. Se Stefàno non dovesse firmare l´ordinanza ricorreremo al Tar".

Ma Russo canta vittoria anche per l´annunciato intervento legislativo della Regione. "Sono mesi che, normative alla mano invochiamo quest´iniziativa. Finalmente qualcuno ci ha dato ascolto".

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)