Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Radioattività industriale, sono partiti i controlli

Sono in corso in queste ore le "grandi manovre" per la misurazione della radioattività nei fumi dell'Ilva. Desta tuttavia forte perplessità il momento scelto per i controlli sulla eventuale presenza di radioattività industriale a Taranto.
31 gennaio 2009

Pericolo nucleare
Sono in corso in queste ore le "grandi manovre" per la misurazione della radioattività nei fumi dell'Ilva. E' stata posizionata una sonda dell'ISPRA per la misura della radioattività nei fumi, con la collaborazione del Dipartimento Provinciale dell'ARPA.

Saranno effettuate anche rilevazioni delle eventuali ricadute di radioattività nella città di Taranto. Queste misure sono collegate alla nostra richiesta di verifica della radioattività nelle polveri emesse dall'Ilva.

PeaceLink, l'AIL e il Comitato per Taranto sollevarono infatti la questione il 31 ottobre 2008 evidenziando come nel Regno Unito ci sia grande attenzione per la radioattività emessa dalle acciaierie.

Scrivemmo al Ministro dell'Ambiente e al Presidente della Regione Puglia per chiedere una verifica anche sull'Ilva dove è in funzione il più grande impianto di agglomerazione europeo.

Ad esempio la Corus, nel 1996, appena riscontrò il rischio di radioattività, avvisò il governo inglese. Seguirono dei controlli e attualmente vi sono prescrizioni che obbligano la Corus a ridurla ai minimi termini. Al contenimento della radioattività in limiti prefissati è stato vincolato nel Regno Unito il rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per le acciaierie.

Desta tuttavia forte perplessità il momento scelto per i controlli sulla eventuale presenza di radioattività industriale a Taranto. Infatti sono in marcia solo due altoforni, l'AFO2 e l'AFO5, mentre sono fermi gli altri tre, l'AFO1, l'AFO3 e l'AFO4. Anche l'impianto di agglomerazione è per metà fermo: una delle due linee di produzione, la linea D, è cioè "spenta". Le potenziali fonti di polvere radioattiva, con polonio 210 e piombo 210, secondo la letteratura tecnica, sono sia gli altoforni sia l'impianto di agglomerazione. In quest'ultimo vengono riutilizzati i "materiali di ritorno", ossia tutti i residui ferrosi di lavorazione provenienti dagli impianti dello stabilimento (altoforni, acciaierie, laminatoi, tubifici, ecc.). L'impianto di agglomerazione è cioè il "digestore" dello stabilimento.

I residui di lavorazione in esso convogliati sono potenzialmente contaminati da diossine, polveri radioattive, metalli pesanti, e così via. In questo momento le polveri d'altoforno sono ridotte proprio perché due altoforni prima in funzione sono fermi. Altri impianti marciano a regime ridotto.

Ci chiediamo quale reale attendibilità possa avere un controllo in una situazione così "depotenziata". Questo vale in particolare per l'eventuale presenza di radioattività in città.

Forse mai Taranto è stata così "pulita", e ciò a causa della crisi mondiale del mercato dell'acciaio.

Viene quindi effettuato un monitoraggio - dopo un ritardo di tre mesi - su un contesto non routinario dell'Ilva. Quanta radioattività potranno trovare i tecnici nell'aria che respiriamo se l'Ilva è in buona parte "spenta"?

Questi controlli andavano effettuati prima, quando sollevammo il caso a livello nazionale.

Alessandro Marescotti
Biagio De Marzo
PeaceLink

Paola D'Andria
AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie)

Michele Carone
Comitato per Taranto

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)