Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

A proposito del referendum

«Chi vuol chiudere l’Ilva lo fa per protagonismo»

Losappio, inaugura il laboratorio Energylab di Arpa Puglia e Legambiente: «Negli ultimi 40 anni si è pensato erroneamente che l’aria, l’acqua, il suolo, fossero sempre disponibili a costo 0 e chiunque potesse consumarle all’infinito»
27 maggio 2009
Giuseppe Armenise
Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

BARI - L’assessore regionale all’Ecologia, Michele Losappio, inaugura il laboratorio didattico Energylab di Arpa Puglia e Legambiente, unico in Puglia, che vuole portare a contatto con la popolazione da sempre più sensibile, quella scolastica, i temi del risparmio energetico e dell’efficienza, unica strada per salvare il pianeta Terra dal riscaldamento globale.

La necessità di fare proseliti alla causa non più eludibile della tutela e della salvaguardia dell’ambiente, la giunta regionale non vuole intenderla come un ritorno a vecchie logiche di tipo luddistico.
Michele Losappio
Losappio, davanti ai responsabili di Sorgenia, l’azienda che in Puglia ha in piedi numerosi investimenti proprio nelle energie rinnovabili (dalla centrale a turbogas di Modugno motivo di un confronto vivace se non proprio di tensioni con la popolazione residente fino a interventi nel campo delle centrali eoliche), garantisce che c’è una strada per il riequilibrio tra economia e ambiente e questa strada non è fatta solo di norme di tipo repressivo. È fatta di investimenti, appunto, di norme di riferimento che rendano certo il quadro nel quale i privati vogliono operare, ma è fatta anche di valorizzazione e non certo di mortificazione delle risorse ambientali. «Perché negli ultimi 40 anni - attacca Losappio - si è pensato erroneamente che queste risorse, l’aria, l’acqua, il suolo, fossero sempre disponibili a costo 0 e chiunque potesse consumarle all’infinito».

Ciò nondimeno nessuno pensa che la soluzione stia nella chiusura di grandi aziende che sono struttura portante dell’economia di intere comunità. «Non ho mai creduto - dice Losappio - che si potesse e si dovesse arrivare alla chiusura dell’Ilva. È una cosa enorme, che andrebbe studiata, pianificata. Io credo che sia stupido e dettato da eccesso di protagonismo l’atteggiamento di chi ha pensato a un referendum per far chiudere l’Ilva».

Tra privato (Sorgenia) e pubblico, intanto, si collabora per il laboratorio Energylab inaugurato ieri nella sede dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa) di Bari. Il presidente regionale, Francesco Tarantini, e il responsabile scientifico di Legambiente, Stefano Ciafani hanno speso molte energie nel progetto che è stato sposato dal direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, grazie al quale è stato possibile portarlo in porto, «Il laboratorio didattico – dice Tarantini - è un luogo virtuale dove poter essere attori concreti del cambiamento e misurare quanto le nostre scelte possono fare bene all’ambiente. La scuola può fare molto per il cambiamento dei comportamenti in chiave sostenibile».

Il laboratorio si svolge su tre piani: a piano terra la prima aula con una mostra di oggetti su cambiamenti climatici, produzione energetica e risparmio energetico, insieme a modellini interrativi per imparare giocando. Al secondo piano c’è invece l’aula multimediale con annessa sala di ecolettura con riviste e saggi sull’ambiente. Al dodicesimo piano i due binocoli ad alta precisione per una visita panoramica della città di Bari.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)