Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Verrà inaugurato l'impianto ad urea per dimezzare le emissioni di diossina

Sit-in cittadini di fronte alla Direzione Ilva per il 1° luglio con conferenza stampa "all'aperto" (ore 9.45)

I cittadini nel sit-in chiederanno l'applicazione del "campionamento in continuo", ossia del controllo 24 ore su 24 dei fumi
29 giugno 2009

Mercoledì 1° luglio l’Ilva inaugurerà in nuovo impianto ad urea, quello che dovrebbe consentire di ridurre le emissioni di diossine e di rientrare quindi nei parametri imposti dalla legge regionale.
ILVA Taranto


Verrà il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo.

E' partito un tam tam di cittadini i quali il 1° luglio saranno di fronte ai cancelli dell'Ilva con un sit-in: chiederanno l'applicazione del "campionamento in continuo", ossia del controllo 24 ore su 24 dei fumi.

Appuntamento alle ore 9.45 di fronte alla Direzione Ilva di Taranto (strada Taranto-Bari)

Per ora hanno aderito:

Ail
Comitato per Taranto
PeaceLink
Legambiente
Wwf

--- Comunicato stampa congiunto ---

Mercoledì 1° luglio l’Ilva inaugurerà in nuovo impianto ad urea, quello che dovrebbe consentire di ridurre le emissioni di diossine e di rientrare quindi nei parametri imposti dalla legge regionale.

E’ previsto l’arrivo del ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo. Al momento in cui scriviamo non è stato ancora comunicato ufficialmente l'orario della cerimonia di inaugurazione dell'impianto, che molto probabilmente avverrà in tarda mattinata.

Il 1° luglio cittadini e associazioni saranno di fronte ai cancelli dell'Ilva con un sit-in per chiedere l'applicazione del "campionamento in continuo", ossia del controllo 24 ore su 24 dei fumi.

Rivendichiamo come un risultato della nostra pressione di cittadini l’adozione delle tecnologie di dimezzamento della diossina. Senza la costante mobilitazione dei cittadini e delle associazioni, culminata nella manifestazione di Altamarea del 29 novembre 2008 con 20 mila persone in piazza, non vi sarebbe stata l'approvazione della legge regionale sulla diossina e non vi sarebbe stato l’avvio delle modifiche agli impianti che buttano diossina sulla città.

Ma questo è solo il primo passo, frutto di compromessi ottenuti grazie alla martellante campagna di opinione della società civile sostenuta dai giornalisti e dai media più sensibili alla questione.

Occorre fare i passi ulteriori e andare verso l'adozione delle "migliori tecnologie disponibili".

Il nostro sit-in non è una protesta ma pone una precisa richiesta: la questione prioritaria che poniamo con il sit-in è quella del “campionamento in continuo” della diossina che è un controllo 24 ore su 24 e che già si effettua in altre parti d’Italia e d'Europa.

Riteniamo che un serio sistema di controllo continuativo, che sorvegli le emissioni anche di notte, rappresenti l'unica garanzia per la città che quanto liberato in atmosfera corrisponda in ogni momento ai valori imposti dalla legge e che gli impianti atti ad abbattere gli inquinanti siano sempre attivi con la massima efficacia.

Il nostro sit-in vuole ricordare a chi governa che la tutela della salute degli operai e dei cittadini deve venire prima di ogni cosa. E all’Ilva vogliamo ricordare che siamo in Europa e che in Europa si fa così.


Paola D’Andria (Ail)
Luigi Oliva, Antonietta Podda (Comitato per Taranto)
Biagio De Marzo, Alessandro Marescotti (PeaceLink)

Note: Per chi non lo sapesse vi è stata una interrogazione parlamentare anche dell'on. Gabriella Carlucci
http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=5878&stile=6&highLight=1

Nella risposta il Governo dice che "nel 2008 è stato avviato il programma strategico «ambiente e salute», nel cui ambito viene sviluppato lo specifico studi (SENTIERi), relativo al progetto «Il rischio per la salute nei siti inquinati: stima dell'esposizione, biomonitoraggio e caratterizzazione epidemiologica», che coinvolge anche il sito di Taranto". Per conto del Governo ha risposto il Sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare: Roberto Menia.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)