Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Appello di Altamarea al Comune di Taranto

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività

Altamarea fa appello al Sindaco di Taranto Ippazio Stefano, affinché lo stesso si attivi per la tutela di un diritto costituzionalmente garantito : IL DIRITTO ALLA SALUTE!
4 dicembre 2009
Altamarea

Logo Altamarea
Costituzione della Repubblica Italiana art.32 : “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività”

Altamarea fa appello al Sindaco di Taranto Ippazio Stefano, affinché lo stesso si attivi per la tutela di un diritto costituzionalmente garantito : IL DIRITTO ALLA SALUTE!

Altamarea “invita” il Comune di Taranto, nella persona del Sindaco Ippazio Stefano, a pretendere, così come disposto dalla Regione Puglia con la famosa Legge antidiossina all’ art. 3 , l’applicazione del campionamento in continuo dei gas di scarico , previsto per febbraio 2009.

Oggi , a distanza di un anno dall’ entrata in vigore della Legge , l’Ilva risulta inadempiente!

Altamarea “invita” il Comune di Taranto nella persona del Sindaco Ippazio Stefano, a prescrivere all’Ilva, delle centraline di rilevamento perimetrali ( su i lati nord, sud, est ed ovest) , necessarie alla misurazione delle emissioni fuggitive di polveri PM10 , P2,5 , degli IPA ( Idrocarburi policiclici aromatici) e del benzene.
Infatti, il solo modo per tutelare e preservare la salute pubblica è conoscere la provenienza delle nubi inquinanti .

Altamarea “invita” il Comune di Taranto nella persona del Sindaco Ippazio Stefano ad esprimere le proprie obiezioni al parere della commissione AIA, riaffermando tutti i “Punti Imprescindibili” che sono stati condivisi e firmati in un documento sottoscritto anche dal Sindaco di Statte e dalle Associazioni Ambientaliste.
Il documento con i Punti Imprescindibili, non solo è stato ignorato dalla Commissione AIA, ma a tale documento la Commissione non ha fatto seguire alcuna risposta.

Altamarea a sostegno della richiesta del Sindaco di Taranto all’ ARPA Puglia circa il monitoraggio e la verifica della provenienza del benzo(a)pirene , “invita” il Comune di Taranto, qualora fosse che la provenienza della fonte inquinante risultasse la cokeria, a pretendere l’applicazione delle prescrizioni previste dalla Magistratura, ovvero che la cottura del carbon coke deve avvenire in tempi lunghi.

Altamarea, nello spirito di collaborazione e di condivisione della sua mission, è in fase di organizzazione di gruppi di lavoro aperti a tutti coloro, ciascuno con le proprie competenze, che abbiano voglia di collaborare attivamente con il movimento.
I gruppi di lavoro sono organizzati per aree tematiche: polo tecnico scientifico, polo giuridico, polo medico sanitario, polo comunicazione, polo risanamento ambientale.

Per contatti e comunicazioni : altamareataranto@gmail.com

Articoli correlati

  • Si fa presto a dire
    Laboratorio di scrittura
    Cronaca della presentazione di un esposto sulle emissioni dell'ILVA

    Si fa presto a dire

    Il maresciallo comincia a scrivere. Sembriamo a buon punto. La felicità dura poco. Blackout elettrico. Il computer dei Carabinieri perde tutti i dati. Si ricomincia da capo. Così per tre volte mentre fuori si superano i quaranta gradi. L'esposto è proprio sulle vittime delle future ondate di calore.
    18 luglio 2024 - Alessandro Marescotti
  • La valutazione di impatto sanitario sulle emissioni di CO2 dell'Ilva
    Ecologia
    Comunicato stampa con allegati

    La valutazione di impatto sanitario sulle emissioni di CO2 dell'Ilva

    Sono di particolare importanza i dati dello studio “Il “mortality cost” delle emissioni di C02 di uno stabilimento siderurgico del Sud Italia: una valutazione degli impatti sanitari derivanti dal cambiamento climatico”. Al centro c'è la questione dell'impatto transfrontaliero e transgenerazionale.
    18 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Ex Ilva: diffida a ministro dopo sentenza Corte Ue, stop Taranto
    Ecologia
    Dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea su Acciaierie d’Italia

    Ex Ilva: diffida a ministro dopo sentenza Corte Ue, stop Taranto

    Le associazioni ambientaliste Genitori Tarantini e Peacelink hanno inviato una diffida al ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, e alla direzione Valutazioni ambientali del ministero, chiedendo di “volere immediatamente sospendere l’attività produttiva” della fabbrica di Taranto.
    11 luglio 2024 - AGI
  • Spiegazione della sentenza della Corte di giustizia dell'UE sull'ILVA
    Ecologia
    Piccolo Bignami per chi si fosse perso

    Spiegazione della sentenza della Corte di giustizia dell'UE sull'ILVA

    La Corte di Giustizia dell'UE ha stabilito che le autorità nazionali devono effettuare una valutazione degli impatti sulla salute umana prima di autorizzare l'ILVA. In presenza di gravi rischi per l'ambiente e la salute, devono sospendere le operazioni piuttosto che concedere proroghe.
    25 giugno 2024 - Redazione di PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)