Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto non si arrende!

Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo"

Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
15 febbraio 2020

“Oggi più che mai noi giovani, consapevoli di poter essere il futuro di questa città, vogliamo, con la nostra presenza e partecipazione attiva, trasmettere un messaggio di speranza.
Seguendo l’esempio di queste associazioni che in maniera unitaria stanno provando a cambiare le sorti di questa città, noi studenti vogliamo ribadire che proveremo a mettere in campo azioni, che si spera siano determinanti per promuovere le bellezze di Taranto. Taranto può e deve essere diversa da quello che è nell’immaginario di tutti.
Tocca anche a noi, lo sappiamo e non ci tiriamo indietro. Martina Andrisani a sostegno della fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto


L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo.
Taranto è una città martoriata e stuprata da decenni di mal governo locale e centrale.
Avevo solo 8 anni quando il GIP (Giudice per le indagini preliminari) Patrizia Todisco ci disse che non è possibile produrre lavoro solo guardando alla mera logica del profitto.
Oggi ho quasi 16 anni, e poco o nulla è cambiato. Anzi la situazione di questa città è peggiorata.
La salute generale dei tarantini è peggiorata. Ho ascoltato dati allarmanti.
Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo. Lo devo ai miei coetanei che non ci sono più, lo devo a me stessa ed ai giovani che saranno il futuro di questa città. Lo facciamo, tutti insieme, perché Taranto merita un futuro diverso, lo facciamo perché *“Tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”.
E se lo abbiamo compreso noi giovani allora è bene che lo comprenda anche chi della nostra vita e delle nostre sorti ne ha piena responsabilità.”

https://youtu.be/HnEoWAl0IcY  

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)