Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Denuncia della Uilm

"Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
23 febbraio 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ILVA

ArcelorMittal: Uilm, non ci sono tute, operai in difficoltà
TXT
Pubblicato: 23/02/2021 14:50
Rete: Globale | Tema: Economia

+ -
(AGI) - Taranto, 23 feb. - Nuova denuncia Uilm sulla mancanza di indumenti di sicurezza (tute nello specifico) all’interno dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal, ex Ilva, di Taranto. La denuncia oltre che all’azienda, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”. Inoltre, dice il sindacato, esiste un “mal servizio della lavanderia aziendale che dopo il lavaggio e la sterilizzazione, non permette più tracciabilità” per il recupero delle stesse tute di lavoro. I lavoratori, denuncia la Uilm, “non possono portare gli indumenti a casa così come previsto dalla prescrizione Asl, costringendo di fatto le maestranze a indossare le tute per lunghi periodi, andando contro le più basilari norme igienico-sanitarie, ancor più grave in periodo di Covid 19”. ArcelorMittal, conclude la Uilm, “si mostra indifferente dinanzi alle problematiche legate alla sicurezza e soprattutto alla salute” perche, per il sindacato, la questione non è nuova. “Molto spesso viene tamponata nell’immediato”, ma, rileva infine la Uilm, “sistematicamente si ripresenta nel tempo”. (AGI)
TA1/ARI

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)