Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto, conferenza stampa

"Ci batteremo ancora"

Il Comitato cittadino per la salute e l’ambiente, ieri mattina in piazza della Vittoria, dopo aver esaminato la sentenza emessa dai giudici amministrativi di secondo grado, ha ribattuto così alla sua interpretazione divulgata nelle scorse ore.
26 giugno 2021
Paola Casella
Fonte: Quotidiano di Puglia 26.6.2021

Alessandro Marescotti alla conferenza stampa del Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto

«Anche il Consiglio di Stato ha riconosciuto che a Taranto c’è un’emergenza sanitaria e ambientale». Il Comitato cittadino per la salute e l’ambiente, ieri mattina nel corso di una conferenza stampa in piazza della Vittoria, dopo aver esaminato la sentenza emessa dai giudici amministrativi di secondo grado, ha ribattuto così alla sua interpretazione divulgata nelle scorse ore. A parlare con i giornalisti c’erano il presidente di PeaceLink Alessandro Marescotti e Massimo Castellana, presidente dell’associazione Genitori tarantini.
«Il Consiglio di Stato - ha fatto notare Marescotti - ha scritto questo: “Che nella città di Taranto vi sia una problematica correlata all’attività industriale, anche dello stabilimento Ilva, e che vi sia quindi un problema di carattere sanitario e ambientale è, ormai, un fatto che può reputarsi pacifico”. Secondo, il Consiglio di Stato, dunque, Taranto è una città che ha un problema ambientale e sanitario ormai di tipo cronico. Infatti, i giudici hanno richiamato persino la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 24 gennaio 2019 che dà ragione ai cittadini che si sono rivolti appunto a tale organismo per porre fine a questa situazione di violazione dei diritti fondamentali della popolazione di Taranto».
Per il Comitato, dunque, elemento chiarificatore nel dibattito pubblico è stata la lettura delle carte: «Quindi, è abbastanza chiaro che tutta l’interpretazione della sentenza volta a sminuire la gravità dell’impatto ambientale e sanitario connesso al polo industriale è assolutamente fuori luogo, mentre noi dobbiamo - e questo è lo scopo della conferenza stampa di oggi (ieri per chi leghe ndr) - continuare con ancora più forza a denunciare la violazione di diritti fondamentali, proprio perché lo stesso Consiglio di Stato non ha potuto negare l’evidenza della gravità della situazione ambientale e sanitaria».
Il Comitato ha invitato così i tarantini a proseguire il proprio impegno civico, facendo ulteriore pressione, anche a livello internazionale, perché l’Italia venga richiamata ai propri obblighi di protezione della popolazione.
Marescotti ha poi spiegato la motivazione con cui, nonostante il riconoscimento dell’emergenza sanitaria e ambientale, il Consiglio di Stato abbia poi deciso per il proseguimento dell’attività dell’area caldo: «Il Consiglio di Stato fa una sottile distinzione tra un pericolo ordinario e un pericolo straordinario. Qual è la distinzione? Facciamo un esempio, immaginiamo che vi sia un bambino che in famiglia venga costantemente picchiato. Quando scatta la distinzione tra un pericolo ordinario e un pericolo straordinario? Quando il papà picchia ancora di più il piccolo e gli fa uscire il sangue dal naso o il bimbo sviene? Questa distinzione, personalmente, mi sembra terribile da accettare. Che mi risulti, la magistratura quando interviene lo fa nelle situazioni di pericolo, al di là del fatto che il pericolo sia ordinario o straordinario. Faremo di tutto perché la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, il Comitato Onu per i Diritti dell’Infanzia e la Commissione europea raccolgano il nostro grido d’allarme».

Quante vittime ancora?

Allegati

Articoli correlati

  • Cadde in un carro siluro dell'Italsider
    Laboratorio di scrittura
    L'operaio si liquefece nella ghisa incandescente

    Cadde in un carro siluro dell'Italsider

    Nella cassa i compagni di lavoro e i familiari non sapevano cosa metterci. E alla fine ci collocarono una lastra di ghisa di settanta chili. Erano i tempi della siderurgia di Stato e a Taranto accadeva che si celebrasse un funerale senza il morto.
    29 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Nuova ordinanza sindacale sui Wind Days a Taranto
    Taranto Sociale
    Quartiere Tamburi

    Nuova ordinanza sindacale sui Wind Days a Taranto

    Quanto richiesto da PeaceLink nel Position Paper sui Wind Days non sembra essere stato recepito nell'ordinanza. Il Position Paper documentava che vi fosse ancora un rischio sanitario elevato tale da motivare specifiche indicazioni comportamentali nei confronti della popolazione
    10 settembre 2022 - Associazione PeaceLink
  • "Taranto zona di sacrificio", il maxi-manifesto dei Genitori Tarantini
    Taranto Sociale
    Conferenza stampa

    "Taranto zona di sacrificio", il maxi-manifesto dei Genitori Tarantini

    Le dure parole dell'ONU su Taranto: "Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità. L'Ilva di Taranto compromette la salute delle persone e viola i diritti umani scaricando enormi volumi di inquinamento atmosferico tossico".
    29 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Ben 270 anni di carcere: la sentenza della Corte d'Assise per il processo ILVA
    Processo Ilva
    La condanna in primo grado del 31 maggio 2021

    Ben 270 anni di carcere: la sentenza della Corte d'Assise per il processo ILVA

    La Corte d'Assise, presieduta da Stefania D'Errico, ha inflitto 21 anni e 6 mesi all'ex responsabile delle relazioni istituzionali, Girolamo Archinà, 21 anni all'ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso. Condannato anche l'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola
    Valentina Errante
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)