Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sit-in il 1° luglio alle ore 10 davanti alla Prefettura di Taranto in via Anfiteatro 4

Fermiamo la cokeria dell'ILVA di Taranto

Dall'inizio di luglio la batteria 12 della cokeria ILVA deve fermarsi perché è fuori norma e produce emissioni cancerogene. L'azienda ha annunciato ricorso contro il decreto del ministro Cingolani. Al Prefetto di Taranto verrà illustrata un'iniziativa di richiesta di intervento per danno ambientale.
1 luglio 2021
Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto

Logo del Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto Il 1° luglio 2021 alle ore 10 sotto la Prefettura di Taranto si tiene sit-in per il fermo della cokeria Ilva.

Alle ore 10.30 vi sarà un incontro di una delegazione con il Prefetto di Taranto Demetrio Martino. La delegazione sarà formata Massimo Castellana, Alessandro Marescotti e da Giovanni De Vincentis (presidente della sezione del WWF di Taranto).

Alle ore 12, dopo l'incontro con il Prefetto, si terrà una conferenza stampa davanti alla Prefettura per illustrare i risultati dell'incontro. Nella conferenza stampa verrà illustrata l'iniziativa di richiesta di intervento per danno o minaccia di danno ambientale, in base all'articolo 309 del Codice dell'Ambiente, che viene presentata al Prefetto, così come prevede la normativa. Tale iniziativa è stata realizzata con il supporto tecnico-scientifico del centro di ricerca CEDEUAM UNISALENTO, Coordinato dal professor Michele Carducci.

L'iniziativa è promossa dal Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto e aderiscono anche per l'occasione diverse associazioni locali e regionali che si sono unite in coordinamento.

E' un'iniziativa di cittadinanza attiva finalizzata a ribadire la necessità del fermo della batteria 12 della cokeria di Taranto e del conseguenziale fermo dell'area a caldo dell'ILVA considerata causa di un rischio inaccettabile per la salute in base alla recente Valutazione Danno Sanitario realizzata in contraddittorio con ArcelorMittal Italia e basata sugli attuali dati produttivi ed emissivi autorizzati fino a 6 milioni di tonnellate/anno di acciaio.

Chiudi
#ILVA ADESSO PARTECIPATE TUTTI
ORE 10 - PREFETTURA TARANTO - VIA ANFITEATRO 4 - 1 LUGLIO
In una intervista resa al direttore del Sole 24 Ore, la Morselli annuncia ricorso dell'azienda siderurgica al Tar Lazio contro decreto Cingolani per il fermo della batteria 12 cokeria.


Al Prefetto di Taranto verrà illustrata un'iniziativa di richiesta di intervento per danno o minaccia di danno ambientale, in base all'articolo 309 del Codice dell'Ambiente che recita:

"Il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare valuta le richieste di intervento e le osservazioni ad esse allegate afferenti casi di danno o di minaccia di danno ambientale e informa senza dilazione i soggetti richiedenti dei provvedimenti assunti al riguardo".

Aderiscono altre associazioni di cui si dà conto alla fine di questa pagina web.

La nostra iniziativa è nonviolenta ed basata sulla cittadinanza attiva e la gentilezza. Mentre a Genova gruppi di lavoratori ILVA hanno spintonato i poliziotti davanti alla prefettura, a Taranto davanti alla prefettura offriremo da bere ai poliziotti. Festeggeremo assieme il fermo della batteria 12 della cokeria ILVA. Una batteria da cui sono fuoriuscite sostanze cancerogene per tanti anni. Abbiamo lottato per fermarla e si fermerà. Avanti così, fino a spegnere tutte le batterie della cokeria e tutta l'area a caldo.

Invitiamo tutti a brindare sotto la Prefettura per il futuro che vogliamo per Taranto.

Per il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
Massimo Castellana
Alessandro Marescotti  

Note: Aderiscono all'iniziativa:
Comitato "per la Tutela del Territorio Area Metropolitana di Bari"
Comitato "per la Tutela delle Coste - Monopoli"
Associazioni Bari Città Aperta
Coordinamento Associazioni e Comitati territoriali per la salvaguardia dell'ambiente e la tutela dei territori in Puglia
Associazione "ULIVIVO" Martina Franca (TA)
Altre adesioni:
Luca Flace, delegato del Servizio Civile Universale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri
Maria Teresa Fatone S.O.S. SALVIAMO LAMA SAN GIORGIO
Luigi Catinella, Comitato "Stop Centri Commerciali in Puglia"
Tony Signorile, da BARLETTA
Riccardo Fornarelli, associazione "Cittadini Pugliesi"

Questo è il documento che porteremo al Prefetto di Taranto. il documento è fatto proprio dal WWF di Taranto oltre che dal Comitato Cittadino. Si ringrazia il prof. Michele Carducci docente di Diritto Costituzionale all'Università di Lecce e coordinatore del centro di ricerca CEDEUAM UNISALENTO https://docs.google.com/document/d/1GsW8R63WY8iGEAEv9sBKNnEDuBpxwl6NCyHFpRs5GDo/edit?usp=sharing
Tutti possono sostenere il presente documento e rilanciarlo.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)