Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Salvare le vite prima di tutto

    Salvare le vite prima di tutto

    Un appello dopo l'intenzione del Governo Italiano di chiudere i porti alle navi delle organizzazioni umanitarie, un atto che condannerebbe a morte migliaia di persone sospese fra le persecuzioni subite nei paesi di origine, quelle patite in Libia e il diritto alla salvezza. PeaceLink aderisce a quest'appello
    1 luglio 2017
  • Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Resistiamo alla guerra!
    Non lasciamoci coinvolgere dalla missione militare USA

    Resistiamo alla guerra!

    Partecipare alla guerra in Libia non ci metterà al sicuro ma ci esporrà a nuovi pericoli. E’ tempo di riconoscere che il primo interesse concreto, vitale, dell’Italia è la pace. La decisione americana di intervenire direttamente con nuovi bombardamenti è il segno dell’escalation in corso. Dicono che stanno combattendo lo stato islamico ma la guerra non ha mai risolto un solo problema senza crearne di peggiori.
    7 agosto 2016
  • Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa
    Una cronologia

    Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa

    Dalla disintegrazione di Iraq, Silria e Libia alla formazione del Califfato
    23 marzo 2016 - Alessandro Marescotti
La nuova corsa all'accaparramento di terre

Azienda Britannica del legname costringe 23.000 Ugandesi ad abbandonare la loro terra – Oxfam

I diritti delle popolazioni locali calpestati da aziende estere che ottengono l'espropriazione di terreni nel Sud del mondo per le proprie attività commerciali.
10 ottobre 2011 - Paul Redfern (Corrispondente Speciale di The East African)
Fonte: www.theeastafrican.co.ke - 02 ottobre 2011

Logo di Oxfam

Quasi 23.000 persone sono state costrette ad abbandonare la loro terra in Uganda, per far spazio a una nuova azienda del legname.

Secondo un recente rapporto di Oxfam, questa appropriazione – perfettamente legale, secondo la compagnia britannica – è una nuova dimostrazione di come le aziende internazionali stiano incrementando le loro acquisizioni in Africa.

L'azienda in questione, la New Forest Company, ha dichiarato che la maggior parte dei residenti locali fatti evacuare non possedeva alcun titolo di proprietà ed è stata allontanata in modo pacifico, e che tutta l'operazione era avvenuta sotto il controllo dell'Ugandan National Forestry Authority.

L'azienda aveva fatto sapere a Oxfam che il loro arrivo aveva portato lavoro e benessere alle comunità locali, e che le proprie attività erano state approvate dal Forestry Stewardship Council (SFC) e dall'International Finance Corporation (IFC).

E invece molte persone hanno riferito di come siano state costrette materialmente ad andarsene e lasciate senza cibo o denaro sufficiente a pagare la scuola per i figli. Alcune ingiunzioni del tribunale nei confronti dell'azienda hanno cercato di arginare il numero degli sfratti, ma testimoni oculari hanno visto personale dell'azienda prendere parte all'esecuzione degli sfratti. La New Forest Company, ad ogni modo, nega la sua partecipazione diretta.

“Hanno tagliato tutte le nostre piantagioni – non abbiamo più né banane né cassava”, riferisce Christine, un'agricoltrice 40enne che abitava nel distretto di Kiboga prima dell'esproprio dei terreni.

“I dipendenti temporanei dell'azienda ci attaccavano – picchiavano e minacciavano la gente. E a volte non ci facevano nemmeno tornare nelle nostre case a prendere le cose che ci servivano”.

“Gli espropri avvenuti in Uganda mostrano chiaramente come le misure correnti siano inadeguate per la salvaguardia della popolazione più vulnerabile”, dichiara Raymond Offenheiser, presidente di Oxfam America.

“Migliaia di persone stanno soffrendo perché sfrattate senza essere state né consultate né risarcite.

La spartizione della terra

La New Forest ritiene di essere un'azienda etica, che si attiene agli standard internazionali. Ha l'obbligo di far luce sui fatti poco chiari e di rispettare i bisogni e i diritti delle comunità povere colpite dalle acquisizioni dell'azienda”. Oxfam chiede che si ponga rimedio a questo imponente esproprio e alle altre acquisizioni su larga scala che sono menzionate nel rapporto.

Nel rapporto si chiede, inoltre, che i governi e le organizzazioni internazionali mettano un freno alle appropriazioni attraverso la modifica di leggi, regolamenti e pratiche correnti, che spesso tralasciano di consultare le parti interessate e condurre trattative oneste.

Dovrebbero far sì che vengano rispettati anche tutti gli standard internazionali, compresi gli standard IFC e FSC.

Gli espropri ugandesi sono avvenuti tra il 2006 e il 2010. C'è stata un'ingiunzione dell'Alta Corte il 24 agosto 2009 che è rimasta in vigore fino al 18 marzo 2010. Un'altra è stata emanata il 19 giugno 2009 ed è rimasta in vigore fino al 2 ottobre 2009. Entrambe avevano lo scopo di regolamentare gli espropri.

La New Forest Company aveva comunicato al Daily Telegraph britannico che la popolazione interessata era stata trasferita in modo pacifico.

Un portavoce riportava che “[l'operazione] è stata corroborata da meticolose investigazioni eseguite da prestigiosi organismi internazionali, compresi FSC e IFC”.

A livello internazionale, Oxfam si adopera affinché finanziatori e compratori si assumano le responsabilità delle loro azioni, e perché i governi dei paesi che ospitano le aziende interessate alle acquisizioni richiedano standard e misure di salvaguardia per i piccoli produttori agricoli.

Il rapporto parla anche dell'urgenza di escludere gli obiettivi per la produzione di biocarburanti, che incoraggiano le acquisizioni di grandi estensioni di terra.

Secondo i dati del Rapporto Land and Power, dal 2001 nei paesi in via di sviluppo sono stati venduti o dati in leasing circa 227 milioni di ettari, per lo più a investitori stranieri.

Dato il carattere di segretezza tipico di queste transazioni non è facile ottenere dati precisi, ma una ricerca preliminare condotta da Oxfam stabilisce che metà delle acquisizioni è avvenuta in Africa e che queste coprono un'area quasi equivalente alla superficie della Germania.

Ma di fatto molti “accordi” sono stati portati a termine senza riguardo per i diritti e i bisogni della popolazione locale, e lasciando le persone senza una dimora.

“Gli investimenti sulla terra dovrebbero essere una buona notizia per i poveri, ma questo frenetico accaparramento rischia di portare risultati negativi per loro”, dichiara Mr. Offenheiser. “Gli investitori stanno prendendo sempre più di mira le proprietà terriere, e spesso ignorano la gente che vi abita e che dipende dalla terra per la sopravvivenza. Questa tendenza, che non ha precedenti, sta rendendo i poveri ancor più poveri, non il contrario”.

Secondo il rapporto la corsa alla terra odierna è la conseguenza della richiesta di produzione di derrate alimentari per le popolazioni straniere, oppure della produzione di dannosi biocarburanti, o della ricerca di facili profitti.

E probabilmente diventerà sempre peggio, considerando la crescente richiesta di cibo, il rapido cambiamento climatico, la scarsità di acqua e la creazione di piantagioni che non servono all'alimentazione, come quelle dei biocarburanti.

Investimenti non etici

Il rapporto di Oxfam denuncia gli effetti devastanti degli espropri in Uganda, in Sud Sudan, in Indonesia, in Honduras e in Guatemala sulle comunità più vulnerabili.

Note:

Link all'articolo originale:
http://www.theeastafrican.co.ke/news/UK+timber+firm++forces+25+000++Ugandans+off+their+land+/-/2558/1246694/-/uu46xr/-/

Tradotto da Daniele Buratti per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)