Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Si va in strada anche per incontrare volti per bene

Per difendere i nostri territori da inquinatori e corrotti serve l'impegno forte e comune dei cittadini. Taranto e Statte marciano il 6 aprile
27 marzo 2014

Javier Girotto, sassofonista argentino, sostiene la marcia del 6 aprile Statte - Taranto

Quasi ogni giorno si sa di scandali e nuove indagini, vengono alla luce i reati di chi ha contribuito a inquinare interi territori, collusioni e quantomeno colpevoli inefficienze e ritardi. Ovunque si stanno ricostruendo decenni di intrecci e responsabilità, di errori e di crimini.

La lista delle inchieste, e comunque delle zone inquinate più pericolose, è lunghissima. Di alcuni siti e della mobilitazione in alcune regioni si parla di più in questi mesi: La Spezia, Trieste, Brescia, Vado Ligure, Porto Tolle, Casale Monferrato, La Valsugana, il triangolo della morte tra Napoli e Caserta (o Terra dei fuochi), Gela, Milazzo, Priolo, Porto Torres e Sarroch, la Valle del Sacco nel Lazio, la Val Basento Lucana, Bussi in Abruzzo... Ma i siti contaminati da bonificare in Italia sono oltre 15.000.

I cittadini non possono più fermarsi. Devono farlo invece gli artefici di questi disastri e coloro che non li hanno impediti, dopo aver messo da parte le più naturali regole del buon senso e della convivenza civile. Le loro scelte hanno già segnato la vita di tanti lavoratori e di tante famiglie. E' ora che i nostri splendidi territori vengano liberati dalle mani degli affaristi e dei corrotti, la cui presenza ancora molto forte è in grado di evitare che la gravità dell'emergenza ambientale e sanitaria in Italia, pur diffusa ed evidente ovunque, porti ad azioni decise e immediate.

I cittadini che nelle città più provate continuano a riempire le piazze, chi non fa mancare in ogni possibile  occasione la sua voce, la sua testimonianza e solidarietà, avverte che stiamo vivendo anni determinanti. Sono state scoperchiate vicende terribili che vedono protagoniste aziende chimiche, siderurgiche, "ecologiche", associazioni criminali. E gli architetti e i manovali del malaffare e del cinismo più osceno sono proprio tra coloro che dovevano rappresentare le popolazioni o lavorare al servizio dell'interesse comune, nelle istituzioni.

Ora che le informazioni ci sono, c'è bisogno di parlarne ancora e di presentarla a tutti, questa giustizia che quasi avevamo dimenticato.

Statte e Taranto intanto, in vista degli eventi del 5 e del 6 aprile lanciati dalla rivista Cosmopolis (un convegno scientifico e una marcia), hanno chiesto e già ricevuto il sostegno di decine di organizzazioni e Comitati di altre città (per aderire scrivere a taranto6aprile2014@gmail.com.)

Grazie allora - in questa e nelle altre occasioni - a chi vuole ancora incontrare, lungo un pezzo di strada, altri volti e altre voci di persone per bene, a chi vuole esserci per accogliere i ragazzi che parteciperanno per la prima volta e magari ci affiancheranno domani, a chi con pazienza racconta o ascolta di altri posti nel mondo, dove tutto sembrava perduto ma è rinato grazie a idee, energie e risorse che si sono liberate quando le popolazioni hanno capito di essere sull'orlo di un baratro.

Grazie anche a chi con il suo lavoro, informando, o con la sua arte e la sua notorietà potrà sostenere i cittadini in questo lungo ma inevitabile impegno, per la ragione e per la vita.

Note: Abruzzo. L'acqua contaminata a Bussi (Pe)
http://www.huffingtonpost.it/2014/03/26/acqua-contaminata-pescara-700-mila-cittadini_n_5033728.html

Lombardia. 6 arresti e 38 indagati per la bonifica dell'ex Sisas (polo chimico vicino Milano)
https://www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/rifiuti/2014/01/22/Bonifica-ex-Sisas-indagine-smaltimento-rifiuti_9946880.html

"La grande truffa del sistema delle bonifiche" 2013/09/28
http://www.today.it/cronaca/truffa-bonifiche-italia.html

Sardegna. Il petrolchimico di Sarroch e il poligono di Teulada
http://sardegna.blogosfere.it/2013/05/inquinamento-sarroch-alterato-il-dna-dei-bambini.html

Continua ?

Articoli correlati

  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Taranto: un’altra giovane vita spezzata. Aveva solo 5 anni
    Taranto Sociale
    Riportiamo una notizia che ha sconvolto la città

    Taranto: un’altra giovane vita spezzata. Aveva solo 5 anni

    Tra Covid-19 e neoplasie è una bella lotta a Taranto ma a rimetterci sono i più fragili, i bambini. Ha scritto una tarantina: "La Salute prima di tutto, ma non a Taranto!! Taranto grida e le istituzioni nazionali non ascoltano".
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Ex Ilva, ai bambini di Taranto gli auguri degli artisti: «Regalare un futuro pulito»
    Taranto Sociale
    Pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno il 27 dicembre 2020 da Giacomo Rizzo

    Ex Ilva, ai bambini di Taranto gli auguri degli artisti: «Regalare un futuro pulito»

    Gli appelli natalizi e il messaggio degli artisti: tutelare la salute, il bene più prezioso
    27 dicembre 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)