Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cento passi

    10 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • Sul rogo alla pizzeria della famiglia Impastato
    Comunicato stampa

    Sul rogo alla pizzeria della famiglia Impastato

    Esprimiamo preoccupazione per tutto ciò che sta accadendo a partire dal mese di Settembre di quest'anno, con il susseguirsi di ben 3 incendi che hanno interessato dapprima zone adiacenti ai locali di proprietà della famiglia Impastato e stavolta i locali stessi
    12 dicembre 2011 - Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato
  • Un frammento di poesia

    Un frammento di poesia

    Peppino Impastato
  • Il Ponte e le mafie: uno spaccato di capitalismo reale
    Umberto Santino

    Il Ponte e le mafie: uno spaccato di capitalismo reale

    Prefazione di Umberto Santino (Centro Siciliano di Documentazione “Giuseppe Impastato”) al libro di Antonio Mazzeo, “I Padrini del Ponte. Affari di mafia sullo stretto di Messina”, Edizioni Alegre, Roma, aprile 2010
    16 aprile 2010 - Giacomo Alessandroni
Cosa si è scoperto oggi e cosa c'è ancora da scoprire

Peppino 40 anni dopo

Mentre nel 1978 le Brigate Rosse uccidevano Aldo Moro, la mafia uccideva Peppino Impastato. Oggi, dopo tanti anni, sono emersi molti dettagli. Troppe verità scomode sono emerse. E ci sono quattro cose da dirvi.
8 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

"C’era convergenza tra gli obiettivi della P2 e delle Brigate Rosse".

Lo dice Gero Grassi, il deputato promotore commissione parlamentare di inchiesta con l’obiettivo di ristabilire la verità storica sui dramma­tici 55 giorni che nel 1978 culminarono il 9 maggio nell'uccisione di Aldo Moro.

Allora di quel delitto non fu detta la verità ma fu confezionata una versione della verità che non dispiaceva al governo di allora e alle stesse BR.

Il 9 maggio, mentre a Roma veniva aperto il bagagliaio della Renault 4 rossa con il corpo senza vita di Aldo Moro sotto gli occhi delle telecamere di tutto il mondo, Peppino Impastato era a brandelli a Cinisi, un comune di Palermo. Dilaniato dal tritolo. Sui binari della ferrovia ne era stata messa in scena il finto suicidio.

Come del delitto Moro non fu detta la verità, anche per il delitto Impastato non venne detta la verità.

Se l'inchiesta sul delitto Moro porta alla convergenza fra P2 e Brigate Rosse, l'inchiesta sul depistaggio Impastato porta a Gladio, ossia a quella organizzazione paramilitare segreta che Moro rivelò alle BR durante la prigionia, senza che le BR lo comunicassero al mondo, nonostante il rapimento nella versione brigatista, fosse dovuto servire a rivelare i segreti di Stato mai raccontati. 

P2 e Gladio erano l'asse di un potere politico-militare segreto che governava e decideva senza essere eletto e che faceva le sue vittime quando si sentiva minacciato.

Le intimidazioni di Kissinger verso Moro sono ormai un dato storico acquisito. Moro sapeva che l'operazione di dialogo con i comunisti metteva a rischio la sua vita. Probabilmente Kissinger non sapeva che i comunisti erano in buona parte morbidi come Napolitato, ma la narrazione e l'immagine che i comunisti italiani avevano generato nel tempo sopravviveva alla sostanza del loro gruppo dirigente. La controinformazione di Peppino Impastato: idee che cambiano il mondo

Cosa diversa per Peppino Impastato, vero erede di una stagione di entusiasmo, di speranza e impegno nel cambiamento, e anche di utopia. La sua figura è ben ricordata nel film "I cento passi".

Il pericolo in quel periodo era Peppino, i vari Peppino. Giovani che avevano ancora negli occhi la visione di un coraggioso cambiamento. Giovani che - a differenza delle BR - erano completamente "fuori controllo". Giovani nutriti di vera speranza e perciò da far apparire come "visionari" e "pazzi".

Quella che fu raccontata ai media quaranta anni fa "doveva essere solo la storia di un pazzo, uno dei tanti, un terrorista saltato in aria mentre cercava di fare esplodere la ferrovia", scrive Giuseppe Pipitone sul Fatto Quotidiano. Che aggiunge: "Ma quella di Peppino Impastato è soprattutto la storia di un depistaggio. Un caso insabbiato perché legato a una pervicace e inconfessabile convivenza, sempre la stessa: mafiosi protetti da pezzi dello Stato".

Peppino Impastato, lo racconta oggi il fratello Giovanni, stava indagando su una pista che avrebbe portato a Gladio. Aveva preparato un dossier, una cartellina, con documenti sulla morte di due carabinieri che, durante un posto di blocco, avevano fermato un furgone con a bordo armi destinate a una base di Gladio nelle vicinanze. "Quella cartellina fu sequestrata e mai più restituita", racconta oggi il fratello Giovanni Impastato.

Gladio fu resa nota nel 1990, dopo il crollo del muro di Berlino, ma al tempo di Aldo Moro e Peppino Impastato era segreta. Aldo Moro, che rivelò alle BR Gladio, venne ucciso. A Peppino Impastato, che cercava quella verità, accadde la stessa cosa.

Sarebbe già stato sufficiente a Peppino quello che faceva contro la mafia per farlo fuori. Ma ma sua intelligenza, il suo fiuto, la sua voglia di fare controinformazione, spaziavano ovunque. La 

Peppino Impastato seguiva le orme di un altro giovane, Giovanni Spampinato, che fu assassinato dalla mafia mentre stava indagando alche lui su una pista che avrebbe portato a Gladio.   

Dopo quaranta anni possiamo dire qualcosa di ragionevolmente sensato.

Prima cosa: Peppino era andato troppo in là per la mafia. E fu ucciso.

Seconda cosa: Peppino era andato troppo in là per i poteri segreti. E fu diffamato.

Terza cosa: oggi il dovere di ricordare non può che accomunare Peppino Impastato e Aldo Moro, due persone che - in modo completamente diverso - avevano fatto un "passo in più". Un passo in più fatale.

Quarta cosa: la controinformazione di Peppino fa parte delle idee che cambiano il mondo. Fa parte di quello in cui noi di PeaceLink ancora crediamo. E' l'arma vincente, la vera arma vincente

Note:

Il programma di iniziative in memoria di Peppino Impastato http://www.casamemoria.it/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)