USA: le cattive notizie le costruiamo noi...

I vertici dell’amministrazione Bush hanno spesso lamentato che la copertura delle notizie sull’Iraq si focalizza troppo su eventi negativi e non riesce a dedicare attenzione agli sviluppi positivi, ma - paradossalmente – è lo stesso entourage di Bush a promuovere campagne di propaganda in cui si ingigantisce il ruolo di Al-Qaeda nel paese – Un articolo del Washington Post
30 aprile 2006

I vertici dell' amministrazione Bush hanno spesso lamentato che la copertura delle notizie sull' Iraq si focalizza troppo su eventi negativi e non riesce a dedicare attenzione agli sviluppi positivi. Ne aveva parlato ampiamente di recente Norman Solomon in un articolo su Zmag.org (in italiano è qui: http://www.zmag.org/Italy/solomon-cattivenotiziemedia.htm), ma - paradossalmente - è lo stesso entourage di Bush a promuovere campagne di propaganda in cui si ingigantisce il ruolo di Al-Qaeda nel paese.

Ne dà notizia Thomas E. Ricks in un articolo sul Washington Post: "I militari Usa conducono un programma PSYOP per ingrandire il ruolo del leader di al-Qaeda in Iraq", tradotto in italiano su informationguerrilla.

Gli sforzi, scrive il giornalista,'''sono destinati a rendere il suo profilo in modo che qualche ufficiale dell'intelligence militare tenda a sovrastimare la sua importanza e aiuti l'amministrazione Bush a legare la guerra all'organizzazione responsabile degli attacchi dell'11 settembre 2001.
La campagna Zarqawi - prosegue Ricks - è stata discussa in molti documenti militari interni. "Demonizzare Zarqawi/risposta all'incremento della xenofobia" afferma un briefing militare Usa del 2004. Vi si elencano tre metodi: "operazioni nei Media", "Special Ops (626)" (in riferimento alla Task Force 626, una unità militare U.S. d'elite assegnata soprattutto alla caccia in Iraq di ex-ufficiali del governo di Hussein) e "PSYOP" il termine militare U.S. per propaganda...
La campagna di propaganda dei militari è stata ampiamente diretta sugli iracheni, ma sembra che abbia tracimato verso i media USA. Una slide di un briefing riguarda le "comunicazioni strategiche" U.S. in Iraq, preparate per il Gen. George W. Casey Jr., comandante supremo U.S. in Iraq, che descrive la "Opinione pubblica interna" come una dei sei maggiori scopi della guerra americana''.

Note: L' articolo integrale è qui:
- http://www.informationguerrilla.org/washington-post-i-militari-usa-conducono-un-programma-psyop-per-ingrandire-il-ruolo-del-leader-di-al-qaeda-in-iraq/

Vedi anche: Who is behind "Al Qaeda in Iraq"? Pentagon acknowledges fabricating a "Zarqawi Legend" di Michel Chossudovsky (qui: http://www.uruknet.info/?p=m22668&hd=0&size=1&l=x).

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)