MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Salvare le vite prima di tutto

    Salvare le vite prima di tutto

    Un appello dopo l'intenzione del Governo Italiano di chiudere i porti alle navi delle organizzazioni umanitarie, un atto che condannerebbe a morte migliaia di persone sospese fra le persecuzioni subite nei paesi di origine, quelle patite in Libia e il diritto alla salvezza. PeaceLink aderisce a quest'appello
    1 luglio 2017
  • Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Resistiamo alla guerra!
    Non lasciamoci coinvolgere dalla missione militare USA

    Resistiamo alla guerra!

    Partecipare alla guerra in Libia non ci metterà al sicuro ma ci esporrà a nuovi pericoli. E’ tempo di riconoscere che il primo interesse concreto, vitale, dell’Italia è la pace. La decisione americana di intervenire direttamente con nuovi bombardamenti è il segno dell’escalation in corso. Dicono che stanno combattendo lo stato islamico ma la guerra non ha mai risolto un solo problema senza crearne di peggiori.
    7 agosto 2016
  • Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa
    Una cronologia

    Isis, come è nato il terrorismo che insanguina anche l'Europa

    Dalla disintegrazione di Iraq, Silria e Libia alla formazione del Califfato
    23 marzo 2016 - Alessandro Marescotti
Rai

Nuova sede in Africa, a Nairobi A gestirla Vincenzo Nucci

29 luglio 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

La tv pubblica ha un nuovo ufficio di corrispondenza in Africa, a Nairobi. La Rai completa così, spiega una nota di viale Mazzini, la copertura del continente africano, finora limitata alla sede del Cairo. L'incarico di corrispondente dalla nuova sede è stato affidato dal direttore generale Claudio Cappon a Vincenzo Nucci, giornalista del Tg3. «Si tratta di una scelta importante per portare la presenza informativa della Rai anche nei luoghi meno raccontati del mondo», commenta il direttore generale Claudio Cappon. E anche l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti del servizio pubblico, per voce del suo segretario Roberto Natale, giudica positivamente la scelta dell'azienda. «L'operazione, avviata con il consiglio di amministrazione dal precedente dg Alfredo Meocci e ora portata a termine, mostra che la Rai non intende rassegnarsi all'omologazione e allo scadimento dei contenuti - afferma Natale - Ora l'apertura alle questioni del mondo deve diventare il criterio generale della Rai sull'andamento delle testate nazionali».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)