Provate a fare una ricerca con Google e scoprirete che aveva le ore contate fin da febbraio

"Gheddafi ha le ore contate". Sono in atto tecniche belliche di Mind Control e di Information Warfare

Lo ha detto Frattini il 12 maggio, poi il 16 maggio. Poi il 22 maggio ha aggiunto: "Siamo fuori tempo massimo". Non preoccupatevi. Questa frase ritornerà altre volte, tanto la gente mica ricorda tutto. In questo momento sullo scenario di guerra sono al lavoro i tecnici specializzati in Mind Control.
23 agosto 2011

12 marzo 2010. Berlusconi bacia la mano a Gheddafi e poi dice ai giornalisti: "Ho un forte carattere guascone".

19 febbraio 2011. Berlusconi: "Gheddafi non l'ho ancora sentito, la situazione è in evoluzione e quindi non mi permetto di disturbare nessuno".

29 febbraio: "Gheddafi ha le ore contate". Mind Control

16 aprile 2011. Berlusconi: "Non bombarderemo la Libia". 

30 aprile 2011. I ribelli diffondono la notizia che Saif Gheddafi è stato ucciso e che il padre è scappato. Notizia falsa. 

4 maggio 2011. Bossi in parlamento dichiara che è stato messo un termine alle operazioni militari italiane ed esclama: "La Lega ha vinto. Ce l'ha ancora duro". La Nato smentisce la Lega. Il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen ribadisce che non ci sono scadenze temporali precise per la fine della missione militare dell'alleanza contro il regime di Gheddafi in Libia.

12 maggio 2011. Frattini: "Gheddafi ha ore contate".

16 maggio 2011. Frattini: "Il regime ha le ore contate" 

22 maggio 2011. "Ore contate per il regime di Gheddafi". Frattini: "Siamo fuori tempo massimo".

9 giugno 2011. Frattini annuncia che l'Italia assicuererà ai ribelli libici fino a 400 milioni di euro in contanti.

18 giugno 2011: I ribelli: "I soldi sono finiti".

29 giugno 2011. La Francia fornisce armi ai ribelli (in violazione dell'embargo Onu).

6 luglio 2011. Rasmussen (Nato): "Per Gheddafi è game over".

14 luglio 2011. Hillary Clinton: "Gheddafi ha i giorni contati". Ma la Repubblica titola così: Clinton "Gheddafi ha le ore contate".

21 agosto. I ribelli entrano a Tripoli. Si diffonde la foto di Gheddafi morto. Diventa il titolo di molti giornali e siti web (es. L'Unità). Ma è un falso.

22 agosto 2011. Frattini: "Arresto Saif è passo verso fine regime Gheddafi". Saif Gheddafi si è presentato poco dopo in una conferenza stampa e ha smentito Frattini.

Ieri, oggi e domani. Sono al lavoro squadre di specialisti che hanno lo scopo di influenzare l'opinione pubblica con informazioni false e aspettative create ad arte. Essi danno suggerimenti ai politici e ne scrivono i discorsi. Questi specialisti (ne parlano Rapetto e Di Nunzio nel libro "Le nuove guerre") hanno studiato tecniche di mind control nella speranza che la gente possa essere orientata a fini bellici tramite l'informazione manipolata (information warfare).

Articoli correlati

  • Guerra in Libia, il grido dei migranti dai centri di detenzione
    Conflitti
    Ecco dove sono intrappolati

    Guerra in Libia, il grido dei migranti dai centri di detenzione

    Oltre 600 persone a Quaser Bin Gashir da due giorni senza cibo ed elettricità. Tra loro più di 100 bambini, donne incinte e 7 in allattamento.
    8 aprile 2019 - Redattore Sociale
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
  • Lager in Libia. L’orrore delle torture in una sentenza che ha fatto storia
    Migranti
    Chi è Osman Matammud e perché un tribunale italiano se ne è occupato

    Lager in Libia. L’orrore delle torture in una sentenza che ha fatto storia

    Paolo Bogna commenta per la testata cattolica Avvenire una importante sentenza su un migrante imputato per fatti avvenuti in Libia. Non potremo più dire che non sapevamo cosa accade nei centri di detenzione in Libia definiti dal PM «una situazione paragonabile a quella di un lager nazista».
    22 novembre 2018
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)